• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Estero > SPECIALE CM.IT - Calciomercato 2013: i 10 acquisti piu' cari d'Europa

SPECIALE CM.IT - Calciomercato 2013: i 10 acquisti piu' cari d'Europa

Da Bale a Willian, ecco la classifica delle operazioni più onerose nell'arco dell'anno solare


Gareth Bale (Getty Images)

26/12/2013 13:28

SPECIALE CALCIOMERCATO.IT ACQUISTI PIU' CARI EUROPA 2013 / ROMA - E' praticamente un copia-incolla della classifica stilata al termine della sessione estiva. I colpi più onerosi dell'anno solare sono stati messi a segno in una lunga estate che ha visto numerosi fuochi d'artificio, primo fra tutti l'acquisto di Bale da parte delReal Madrid che, nelle ultime ore di mercato, ha coperto parzialmente l'esborso tramite la cessione di Mesut Özilall'Arsenal. In classifica anche Cavani, Falcao e Neymar. Unico reduce dallo scorso mercato di riparazione èWillian, il quale si ritrova in classifica non solo per il trasferimento al Chelsea ma anche per quello invernale all'Anzhi. Di seguito la classifica nel dettaglio.

1. Gareth Bale (Real Madrid - 91 milioni) - I problemi fisici patiti a inizio stagione avevano già fatto credere al 'pacco'. Gli è servito un po' per sbloccarsi ma tra fine ottobre e inizio novembre, il gallese ha fatto ricredere tutti. Il Real ha preso il volo, grazie anche alle prestazioni di Bale. 

2. Edinson Cavani (Paris Saint-Germain - 64,5 milioni) - Altro giocatore che ha mantenuto le attese. L'intesa con Ibrahimovic è al suo apice. Se saprà continuare a questi livelli, il Psg può dire la sua anche in Champions League.  

3. Radamel Falcao (Monaco - 60 milioni) - Avvio d'annata strepitoso per lui al Monaco, con sette gol nelle prime sette giornate. Poi qualcosa ha iniziato a scricchiolare. Le voci di una possibile partenza a gennaio e l'infortunio alla coscia rischiano di portare a una prematura rottura.  

4. Neymar (Barcellona - 57 milioni) - Attesissimo dalla prova europea, anche il brasiliano può ritenersi soddisfatto. I numeri ce li ha e non parliamo solo di quelli tecnici: gol e assist, in Liga come in Champions League, stanno permettendo al Barcellona di essere sempre la prima candidata a ogni competizione. 

5. Mesut Özil (Arsenal - 50 milioni) - Lo avevamo definito "last minute d'eccezione". Il suo acquisto ha mischiato le carte della Premier League. Se l'Arsenal è nuovamente nelle prime posizioni, pronto per contendere il titolo a Liverpool, Chelsea e City, lo deve anche al talento di questo campione. 

6. James Rodriguez (Monaco - 47 milioni) - I numeri non possono confermare la bontà dell'operazione. Il colombiano è forse stato strapagato e, al momento, rischia di figurare tra i flop di questa prima parte di stagione. 

7. Fernandinho (Manchester City - 40 milioni) - La doppietta contro l'Arsenal (nel 6-3 di qualche settimana fa) è stato un giusto premio per il centrocampista brasiliano che, di fatto, ha ereditato il ruolo che aveva Nigel De Jong fino a due anni fa. Corsa e qualità in mezzo al campo sono cosa rara. Lui riesce ad associare entrambe le attutidini in maniera egregia.

8. Asier Illarramendi (Real Madrid - 30+9 milioni) - Il centrocampista basco non ha avuto ancora la sua esplosione in maglia bianca. Al momento, Modric e Xabi Alonso danno maggiori garanzie ad Ancelotti che, tuttavia, sembra nutrire molta fiducia nel mediano ventitrenne. 

9. Mario Goetze (Bayern Monaco - 37 milioni) - La rivalità tra Bayern e Borussia Dortmund è più accesa anche in virtù del suo trasferimento. Da fine ottobre in poi è entrato pienamente nei meccanismi della squadra. Ha giocato come attaccante esterno e, talvolta, anche come punta, ma è dietro il terminale offensivo che riesce a dare il meglio di sé. 

10 ex aequo. Willian (Anzhi/Chelsea - 35 milioni) - Caso più unico che raro. L'estroso brasiliano si è ritrovato primo al termine della sessione invernale e decimo al termine di quella estiva. Nello scorso gennaio, infatti, si trasferì dallo Shakhtar all'Anzhi Makhachkhala, il cui patron decise di chiudere i rubinetti a ridosso della sessione estiva. Da lì, il passaggio al Chelsea, praticamente per la stessa cifra. Commissione più, commissione meno. Alle dipendenze di Mou, tuttavia, non ha ancora dato il meglio di sé.

10 ex aequo. Erik Lamela (Tottenham 30+5) - E' un altro giocatore che, in Premier League, non si è ancora ambientato. Villas-Boas non lo ha praticamente mai considerato, se non in Europa League (un gol e tre assist nella competizione). Ora tocca a mister Tim Sherwood, o chi per lui, cercare di riabilitare il talento argentino. La seconda metà dell'anno sarà decisiva anche per non perdere un eventuale posto per il Mondiale.




Commenta con Facebook