• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > ITALIANS - Speciale Anno 2013: i top e i flop dell'anno solare

ITALIANS - Speciale Anno 2013: i top e i flop dell'anno solare

Il punto sui migliori e i peggiori ex giocatori del campionato italiano, ora impegnati all'estero


Ibra, Cavani e Thiago Silva (Getty Images)
Hervé Sacchi

26/12/2013 11:29

ITALIANS SPECIALE VOTI PAGELLE ITALIANI ESTERO EX GIOCATORI SERIE A / ROMA - Puntata speciale della nostra rubrica che si occupa di trarre il suo personale bilancio annuale. L'anno solare è un periodo abbastanza lungo per tirare le somme e capire chi sono stati i migliori e i peggiori a cavallo della parte finale dell'annata 2012-13 e quella iniziale della stagione 2013-14.

TOP 5 ITALIANS 

1. ZLATAN IBRAHIMOVIC (Paris Saint-Germain) - Era devastante in un campionato difficile come quello italiano e si è confermato tale anche in Ligue 1. Capocannoniere al termine della scorsa stagione, guida anche la classifica marcatori del torneo attuale. Per prestazioni e gol, è sicuramente il migliore di tutto l'anno solare.

2. GRAZIANO PELLE' (Feyenoord) - E' uno di quei giocatori che all'estero ha trovato l'oro. Non parliamo di soldi, ma di realizzazione personale. Lo abbiamo seguito per tutta la stagione scorsa e, ogni settimana, rimanevamo piacevolmente sorpresi delle reti che metteva a segno (27 in 29 gare, per la cronaca). Davvero impressionante per costanza e numeri.

3. EDINSON CAVANI (Paris Saint-Germain) - I primi mesi sono stati sicuramente positivi. Grande impatto, tanti gol e prestazioni di qualità, non solo in Ligue 1 ma anche in Champions. Costituisce con Ibra uno degli attacchi più forti di tutta Europa. Uniti per vincere tutto col Psg, restano 'rivali' in classifica marcatori.

4. THIAGO SILVA (Paris Saint-Germain) - L'ex difensore rossonero è una certezza. Rendimento sempre alto, qualsiasi sia il livello di difficoltà di una partita. Altro pilastro di una squadra ambiziosa, quale è il Paris Saint-Germain.

5. PHILIPPE COUTINHO (Liverpool) - Da gennaio a giugno è stato sicuramente uno degli uomini più importanti del Liverpool. È arrivato forse un po' troppo tardi ad Anfield, ma con la maglia dei Reds ha trovato la piena affermazione.

 

FLOP 5 ITALIANS 

1. MILOS KRASIC (Fenerbahce) - L'ex juventino, inserito nella nostra rubrica fino a maggio 2013, è stato probabilmente uno dei flop maggiori. Da lui ci si attendeva una risposta positiva, dopo la non eccellente figura in bianconero. Neanche in Turchia, limitatamente alla scorsa annata, è riuscito a trovare il terreno ideale su cui iniziare la ripresa.  

2. GASTON RAMIREZ (Southampton) - In Italia era considerato uno dei talenti emergenti più interessanti. Lasciò Bologna nella speranza di continuare la sua ascesa in un campionato importante come la Premier League. Vanificate le aspettative, al Southampton si è ritrovato uno dei tanti. Oggi più che mai. 

3. RETO ZIEGLER (Fenerbahce) - Altro elemento che non ha ben figurato in Turchia, anche per via di alcuni problemi fisici. Ha faticato a ritrovare la forma e, nonostante ciò, è stato buttato nella mischia. Le responsabilità non sono solo sue, ma resta la figuraccia.

4. ALEJANDRO GOMEZ (Metalist Kharkiv) - Partito la scorsa estate destinazione Ucraina, l'ex Catania non si è ambientato in quel di Kharkiv. Le voci iniziano a correre sul suo futuro, che pare già segnato. Un gol, un assist e tante sostituzioni per un giocatore che avrebbe dovuto permettere il salto di qualità alla formazione. 

5. ERIK LAMELA (Tottenham) - In campionato non ha reso come ci si sarebbe aspettati. Un po' meglio in Europa League, ma è chiaro che da lui ci si attende qualcosa di più. La media-voto resta bassa, ma la seconda metà della stagione può permettergli di ritornare protagonista.




Commenta con Facebook