• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, Fassone: "Curve chiuse? Il sistema rischia di andare in tilt. I rigori..."

Inter, Fassone: "Curve chiuse? Il sistema rischia di andare in tilt. I rigori..."

Le parole del direttore generale nerazzurro che si sofferma anche su Thohir e Mazzarri



23/12/2013 10:50

INTER FASSONE CURVE THOHIR RIGORI / MILANO - Dalle curve ai rigori favore. Il direttore generale dell'Inter Marco Fassone si concede ai microfoni di 'Radio 1' ed i riflettori, inevitabilmente, vanno sul derby: "Ci voleva la vittoria dopo queste ultime partite di sofferenza. Ci rimane negli occhi questo bel secondo tempo che abbiamo meritato. E' il miglior augurio di Natale".

THOHIR - "Penso si sia divertito ieri. Esordire al primo derby con una vittoria penso sia speciale. Ha un'attenzione particolare per i settori giovanili. Li ha visitati e li segue benissimo. Sa anche che ci deve essere un mix di giovani e di campioni esperti. Serve prima una società sana però, come dice lui".

MAZZARRI - "E' uno dei tecnici che ha fatto meglio in Italia negli ultimi anni, uno dei più affidabili e sicuri a cui dare la panchina. Credo sia un matrimonio che fa felici tutti. Siamo a buon punto del progetto. Ogni cosa è migliorabile, ma c'è soddisfazione reciproca. ". 

CURVE - "Quando una norma non trova una conclusione o un'applicabilità semplice ha qualcosa che deve essere rivisto. Razzismo e discriminazione territoriale sono due cose ben distinte. Finché non viene rivista la regola saranno creati sempre degli scontenti ed il sistema rischia di andare in tilt. Quello che è dispiaciuto a tutti è che il derby sia la massima espressione folkloristica ed il fatto di non vedere coreografie è dispiaciuto ed ha dato fastidio. Le tifoserie di Inter e Milan sono più vicine rispetto alle rivalità di altre città. Tra le curve questo sentimento, stimolato anche dalla discriminazione territoriale, è meno marcato ora. C'è una sorta di patto di non belligeranza".

MORATTI - "Moratti e De Laurentiis sono molto diversi, ma l'adrenalina che trasmettono è molto simile".

RIGORI - "Sono sempre molto attento a parlare di arbitri. Bisogna dare un'occhiata ai numeri però. Il fatto che una squadra come la nostra che gioca tantissimo nell'area avversaria non abbia avuto rigori è un'anomalia". 

L.P.

 




Commenta con Facebook