• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Calciomercato Milan, SPECIALE: altro che agosto, il mercato si fa a gennaio

Calciomercato Milan, SPECIALE: altro che agosto, il mercato si fa a gennaio

Il punto sui possibili colpi del Milan nella sessione di 'riparazione' e quelli che hanno caratterizzato gli ultimi anni


Adriano Galliani (Getty Images)
Hervé Sacchi

17/12/2013 14:00

CALCIOMERCATO MILAN SPECIALE COLPI GENNAIO MERCATO RIPARAZIONE / MILANO - La notte porta consiglio. Ma nel caso del Milan sono le Feste a suggerire e imbastire le migliori operazioni di mercato. Talvolta nascono dal nulla, altre sono più articolate. Non è solo il Natale a portare magia, ma anche Adriano Galliani che, già da tempo, si sta dedicando a individuare i possibili saldi. Manovre che si ripeteranno anche quest'anno, quando i saldi invernali costituiscono non già il mercato di 'riparazione' ma quello principale.

PROSSIMI COLPI - Si è già parlato abbondantemente del giapponesino Honda, prenotato ad agosto, e di Adil Rami, centrale difensivo francese che già a settembre aveva rotto con allenatore e dirigenza del Valencia, tanto da prendere il primo volo disponibile per Milano e venirsi ad allenare a Milanello. Il mercato del Milan non si fermerà a questi due. E' di ieri la notizia di un possibile approdo di Danilo D'Ambrosio, duttile esterno in forza al Torino. In scadenza a giugno, il Milan potrebbe accordarsi per il pagamento di una quota e averlo disponibile già da gennaio. Ma i nomi caldi sono altri: Marco Parolo è reduce da una prima parte di stagione davvero eccezionale e potrebbe essere lui il primo rinforzo per la mediana che, all'andata contro l'Atletico Madrid, accuserà la mancanza degli squalificati Montolivo e Muntari. Serve mettere una pezza. Interessante è anche la prospettiva di arrivare ad Hernanes, anche se con Kakà e Honda, il Milan sembra essere già ricco di trequartisti.

GENNAIO, NEGLI ULTIMI ANNI - Il ricordo più recente è quello legato a Mario Balotelli, approdato a Milanello proprio nella sessione invernale. Ha portato aria fresca e cambiato le sorti della stagione scorsa dei rossoneri. Assieme all'attaccante bresciano arrivarono anche Zaccardo e Salamon, ai quali si aggiunse l'acquisizione della comproprietà di Saponara. Da tanti snobbato, nel gennaio 2012 il Milan si rinforzò con Sulley Muntari, capace di diventare uno dei punti fermi della formazione di Allegri. Per quantità e qualità, il gennaio 2011 si rivelò davvero ricco: Cassano e van Bommel, oltre a Emanuelson, consentirono al Milan di sprintare verso lo scudetto. Tanti i nomi illustri che giunsero a Milanello nei mesi freddi: ad aprire le danze fu Ronaldo, nel 2007, seguito da Pato (bloccato ad agosto 2007, ma tesserato ufficialmente a gennaio 2008) e Beckham (due prestiti nel 2009 e 2010).

MOTIVAZIONI - Che vada bene o male, negli ultimi anni il Milan ha sempre approfittato del mese di gennaio per fare compere. Oltre alle mere occasioni che il mercato sa offrire, c'è anche una questione puramente fiscale legata alla gestione della società Milan che, diversamente da altre squadre il cui anno fiscale coincide con l'annata sportiva, i rossoneri tirano il bilancio a fine dell'anno solare. A gennaio, dunque, c'è la possibilità di spendere qualcosina di più rispetto ad agosto, quando invece i prezzi sono tendenzialmente più alti. Il rovescio della medaglia è dato, tuttavia, dall'impossibilità di schierare diversi elementi nelle competizioni Uefa: Honda, ad esempio, è sceso in campo con la maglia del CSKA Mosca e non sarà arruolabile per la partita contro l'Atletico. Ci sarà Rami e, via dicendo, i vari Parolo e D'Ambrosio, in caso di acquisizione.




Commenta con Facebook