• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Calciomercato Juventus, bufera in casa bianconera: gioielli a rischio, Conte medita l'addio

Calciomercato Juventus, bufera in casa bianconera: gioielli a rischio, Conte medita l'addio

L'eliminazione dalla Champions League potrebbe avere ripercussioni importanti sul futuro del club


Antonio Conte (Getty Images)
Stefano D'Alessio (Twitter: @SDAlessio)

13/12/2013 08:20

CALCIOMERCATO JUVENTUS POGBA VIDAL PIRLO VUCINIC CONTE SPALLETTI PRANDELLI / ROMA - Il gol di Wesley Sneijder sotto la neve di Istanbul, che ha sancito l'eliminazione della Juventus dalla Champions League, costerà molto 'caro' alla società bianconera.

Secondo quanto si legge sul 'Corriere dello Sport' il danno economico - quantificabile tra i 20 e i 30 milioni di euro - potrebbe riaprire i discorsi su alcune cessioni 'eccellenti' fino a questo momento sempre scongiurate con forza. Claudio Marchisio e - soprattutto - Paul Pogba e Arturo Vidal hanno richieste importanti dai maggiori top club europei e per Marotta sarà difficile alzare nuovamente le barricate a giugno per trattenere tutti i suoi gioielli. A gennaio, invece, è probabile l'addio di un attaccante tra Giovinco, Quagliarella e Vucinic (che secondo 'Tuttosport' potrebbe chiedere la cessione).

C'è un altro possibile addio in casa bianconera: quello di Antonio Conte. L'allenatore è legato alla Juventus da un contratto valido fino al 2015 ma l'eliminazione dalla Champions potrebbe accelerare il divorzio. Il tecnico vuole un club che gli permetta maggiore libertà sul mercato e possibilità di vittoria anche in campo europeo. Lo seguono l'Arsenal e il Monaco. Il club bianconero valuta le alternative: i nomi più caldi, al momento, sono quelli di Prandelli e Spalletti.

 




Commenta con Facebook