• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI FIORENTINA-DNIPRO

PAGELLE E TABELLINO DI FIORENTINA-DNIPRO

Konoplyanka illude, acuto di Cuadrado e primato viola


Cuadrado e Joaquin (Getty Images)
Antonio Russo

12/12/2013 22:47

PAGELLE E TABELLINO FIORENTINA-DNIPRO / FIRENZE – Montella afferra primato e qualificazione grazie ad un immenso Cuadrado, autore di un gol ed un assist. Il Dnipro non demerita e mette in vetrina il gioiellino Konoplyanka, che ha fatto impazzire Roncaglia, ma nonostante ciò si deve accontentare del secondo posto nel girone.

 

FIORENTINA

Neto 6,5 – In un paio di occasioni in cui viene chiamato in causa risponde presente donando sicurezza al pacchetto arretrato. Non può nulla sulla rete del Dnipro

Roncaglia 5 – Si trova spesso fuori posizione ed è lui a perdersi Konoplyanka in occasione della rete, sbaglia diversi anticipi ed è costretto spesso a commettere fallo. Si regala alla fase offensiva con risultati poco esaltanti.

Gonzalo Rodrìguez  6,5 – Sopperisce alle mancanze difensive di Roncaglia andando costantemente al raddoppio di marcatura, ogni tanto si concede qualche escursione offensiva per andare in appoggio ai centrocampisti fiorentini diventando prezioso nella fase della costruzione della manovra.

Savic 7 – Narcotizza l’attacco ucraino, ogni pallone alzato in area è una sua preda, implacabile in anticipo gioca una gara perfetta senza sbavature.

Pasqual 6,5 – Difende in maniera diligente e spesso si spinge in avanti per dare una mano ai colleghi di lato Cuadrado e Borja Valero, non eccede mai nella giocata e recupera, soprattutto nel secondo tempo, tantissimi palloni. Soldatino prezioso.

Fernàndez M. 6 – Una buona partita, non fa niente di trascendentale ma non commette grossi errori. Dal 70’ Pizzarro 6,5 – Entra, e come sempre fa il suo guadagnandosi diverse punizioni e dando luce alla manovra gigliata.

Ambrosini 5,5 – Nel primo tempo è molto nervoso e costringe i compagni a fargli da psicologo per calmarlo. Recupera qualche pallone, ma spesso pecca in fase d’impostazione.

Borja Valero 6,5 – Come sempre il centrocampista spagnolo gioca un buon match, si rende spesso protagonista di proficue triangolazioni con Cuadrado e Pasqual.

Cuadrado 7 – Nel primo tempo finché gioca sulla sinistra viene praticamente annullato da Mandziuk che gli scippa diverse volte la palla dai piedi. Montella decide di spostarlo sul lato opposto dove storicamente ha fatto sempre le cose migliori e lui lo ripaga con un grande assist per Joaquìn. Nella seconda frazione di gioco cambia spesso lato di gioco ed è costantemente una spina nel fianco della difesa biancoblu, nel finale trova la rete del vantaggio viola con una bomba da posizione defilata. Dal 82’ Aquilani s.v.

Matos 5,5L’attaccante di coppa lotta e corre ma non crea grossi pericoli alla squadra di Juande Ramos, poco servito dai compagni cala tanto nel secondo tempo costringendo Montella alla sostituzione. Dal 76’ Ilicic 6 – Non gioca male, riesce anche a creare qualche grattacapo a Boyko ma è chiaramente un corpo estraneo in questa Fiorentina, la cessione sembra ormai inevitabile.

Joaquìn 6 – Ha tanta qualità ma spesso è lento nelle giocate e perde palla, scarta con gratitudine la caramella offertagli da Cuadrado e realizza il pareggio. Cresce nel secondo tempo.

All. Montella 6,5 – La sua Fiorentina non gioca una grande gara ma riesce comunque a portare in porto la qualificazione da prima nel girone. La viola soffre nei primi minuti il pressing biancoblu ma riesce a reagire con personalità riacciuffando prima il pareggio e trovando poi nel finale la vittoria grazie al solito acuto di Cuadrado.

 

DNIPRO

Boyko 6 – Non può molto sulle reti di Joaquìn e Cuadrado ma quando può blocca l’offensiva gigliata con le sue parate.

Fedetskiy 5,5 – Dorme in occasione del goal di Joaquìn non seguendolo, dal suo lato la viola spesso sfonda con innaturale facilità e quando è lui a spingersi in avanti non si fa certo ricordare per grandi giocate.

Mandziuk 6,5 – Per quasi tutto il primo tempo diventa l’incubo di Cuadrado, preciso e attento anticipa quasi tutte le giocate dell’ala colombiana. Gioca nel complesso una buona partita.

Cheberyachko 6,5 – Annulla quasi totalmente Matos e se la Fiorentina non riesce come sua consuetudine a sfondare centralmente un po’ è anche merito suo.

Vlad 5,5 – Resta troppo basso non dando mai il raddoppio a Konoplyanka, si ritrova a rincorrere a volte Joaquìn a volte Cuadrado senza mai capirci nulla. Dal 76’ Kalinic 5,5 – Juande Ramos lo inserisce sperando che possa aiutare Zozulya dandogli un appoggio, in realtà tocca pochi palloni anche lui e non riesce a creare quasi nulla.

Kankava 6 – Arretra tanto per dare maggiore densità in mezzo al campo e costringe i viola ad allargare il gioco. Finché c’è fiato per correre azzanna le caviglie dei fiorentini.

Rotan 6 – Con un gran tocco di fino piazza Konoplyanka dinanzi a Neto per la rete del vantaggio, a metà campo alterna buone aperture a tocchi sbagliati, spesso arretra per dare una mano ai difensori e in più di un’occasione recupera palla e dà il via ai contropiedi biancoblu.

Bruno Gama 4,5 – Dal suo lato si spinge raramente e con scarsi risultati, osserva atterrito il capitano viola sradicargli puntualmente e costantemente palla dai piedi. Juande Ramos comprende la sua giornata no e decide di sostituirlo anzitempo. Dal 63’ Kulakov 5 – Si fa notare solo per qualche brutto fallo, non cambia di certo il corso degli eventi.

Polytilo 5,5 – Recupera qualche buon pallone ma se Zozulya è troppo isolato un po’ di colpa è anche sua. Si fa notare poco in fase offensiva. Dal 69’ Seleznyov 6,5 – Dei cambi è sicuramente il più positivo, salta l’uomo e riesce a mettere in apprensione Neto con un bel tiro a giro dal limite dell’area.

Konoplyanka 6,5 – Il folletto ucraino continua a far strabuzzare gli occhi ai suoi ammiratori, è lui a trovare la rete dell’1-0 con una bella triangolazione con Rotan. L’attaccante del Dnipro fa letteralmente ammattire Roncaglia, è l’ultimo ad arrendersi ma purtroppo è lasciato spesso solo a lottare contro tutta la difesa avversaria.

Zozulya 5 – Non si fa notare in campo, dorme spesso in fuorigioco e quella mezza volta che tocca palla si premura di riconsegnarla velocemente alla difesa gigliata. Inutile ed inoffensivo.

All. Juande Ramos  6 – Schiera bene la squadra in campo, costringe i viola ad allargare il gioco con una formazione corta e attenta che fa tanta densità centralmente. Raccoglie questa sconfitta con onore e con la speranza che l’urna gli sia benevola.

 

Arbitro Artur Manuel Ribeiro Soares Dias 5,5 – Mostra difformità di giudizio ed è avaro di ammonizioni con gli ucraini. La sua direzione indispettisce il pubblico visti i tanti falli fischiati che spezzettano il gioco e rendono lo spettacolo messo in scena dai 22 protagonisti poco gradevole.

 

TABELLINO

FIORENTINA-DNIPRO 2-1

FIORENTINA (4-3-3): Neto; Roncaglia, Gonzalo Rodrìguez, Savic, Pasqual; Fernàndez M.(70’ Pizzarro), Ambrosini, Borja Valero; Cuadrado(82’ Aquilani), Matos(76’ Ilicic), Joaquìn. All. Montella.

DNIPRO (4-2-3-1): Boyko; Fedetskiy, Mandziuk, Cheberyachko, Vlad(76’ Kalinic); Kankava, Rotan; Bruno Gama(63’ Kulakov), Polytilo(69’ Seleznyov), Konoplyanka; Zozulya. All. Juande Ramos.

Arbitro: Artur Manuel Ribeiro Soares Dias

Marcatori: 13’ Konoplyanka (D), 42’ Joaquìn (F), 77’ Cuadrado

Ammoniti: Ambrosini (F), Fernàndez (F), Roncaglia (F), Kulakov (D), Seleznyov (D)

 




Commenta con Facebook