• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-ARSENAL

PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-ARSENAL

Una vittoria che vale come una sconfitta per gli azzurri, che escono a testa alta dalla Champions League


Le lacrime di Higuain a fine partita (Getty Images)
AntonioPapa (Twitter: @antoniopapapapa)

12/12/2013 00:06

PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-ARSENAL / NAPOLI - Uscire con dodici punti. Al fischio finale si materializza l'incubo peggiore per il Napoli e per i napoletani. Una vittoria scintillante contro la squadra più in forma d'Europa, una vittoria inutile perché il Borussia illude ma poi va a vincere a Marsiglia, passando per la differenza reti negli scontri diretti. Si esce a testa alta, ma si esce. E così fa sicuramente più male. 


NAPOLI

Rafael 6,5 - Di parate ne fa una sola, ma è una parata fondamentale nel primo tempo, su Giroud, in una situazione difficilissima. Riscatta la brutta prestazione contro l'Udinese.

Maggio 5,5 - Parte malissimo, si dà un'assestata nel corso del match. Passaggi sbagliati, sovrapposizioni senza esito. Niente di trascendentale da segnalare in positivo.

Albiol 7 - Praticamente perfetto il reparto arretrato del Napoli, che non concede nulla ai temibili attaccanti avversari. Lui c'è sempre, se non ci fosse sarebbe un problema enorme.

Fernandez 7 - Tiene spesso Giroud, senza fargli toccare palla. Qualche movimento non perfetto, ma era inevitabile. Per il resto è un muro invalicabile, chiude la saracinesca insieme al compagno di reparto.

Armero 7 - Quel rigore in movimento sbagliato dopo un'ora di gioco grida ancora vendetta. Ma la sua partita è di spessore: difende discretamente, arriva spesso e volentieri sul fondo, scodellando palloni spesso interessanti per i compagni. Non a caso il gol nasce da un'azione sulla sinistra.

Behrami 6,5 - Corre dappertutto, tira fuori risorse inumane. Lui del resto queste partite qui le sente particolarmente, e sa farsi rispettare. Purtroppo non basta.

Dzemaili 6 - Qualche passaggio sbagliato, qualche ottimo fallo preso a metà campo. Risponde presente anche lui.

Mertens 6,5 - Nel primo tempo è sicuramente il più frizzante dei suoi, forse anche troppo: becca un giallo e rischia il rosso subito dopo per un nuovo fallo. Corsa instancabile, attaccante pericoloso e spesso anche difensore aggiunto. Da applausi.

Pandev 5,5 - Statico, sempre fuori dal gioco, mai pericoloso sotto porta. Lontanissimo parente del Pandev che ha giustiziato Lazio e Udinese. Il cambio era necessario. (Dall'11' st Insigne 7 - Il suo ingresso a partita iniziata è fondamentale per dare una scossa alla squadra, che stava prendendo a non crederci più. Un no-look dopo trenta secondi apre una prateria ad Armero, poi continua a dispensare calcio come sa fare lui.Sicuramente decisivo nella vittoria finale). 

Callejòn 7 - Si tiene spesso defilato dal gioco, poi però sbuca quando meno te l'aspetti e fa tremare gli avversari. Il suo gol allo scadere serve soltanto per acuire l'amarezza: sarebbe bastato un gol a Londra o a Dortmund per passare il turno. Ma non è certo colpa sua.

Higuaìn 7 - Fino al momento del gol era stato praticamente il peggiore in campo, sempre fuori dal gioco se non in quel momento in cui Szczesny gli spara il pallone addosso. Un solo pallone giocabile fino al minuto 28 del secondo tempo, quando riceve dalla sinistra e stoppa a beneficio di Callejòn. Palla di ritorno, si gira in un fazzoletto di terra e trafigge il portiere avversario. Lo stadio esplode e grida nove volte il suo nome. come sempre quando segna. E quelle lacrime a fine partita, splendide e strazianti, sono il simbolo della serata.

All. Benitez 6,5 - Stasera non gli si può imputare proprio nulla. La squadra è ben messa in campo e se la gioca alla pari contro questa squadra che sta facendo strabuzzare gli occhi al mondo intero. Sapere che in tutti gli altri gironi probabilmente si sarebbe arrivati primi, quando non secondi, è una beffa difficile da digerire. C'è da sperare che ora i suoi ragazzi vengano fuori da quest'esperienza più cattivi e più consapevoli dei propri mezzi.

 

ARSENAL

Szczesny 5 - Un disastro alla fine del primo tempo rischia di mandare a rete Higuaìn, che si trova il pallone recapitato sulla testa. Esce a farfalle su Callejòn per il 2-0, meno colpevole sul gol di Higuaìn.

Jenkinson 5,5 - Nel primo tempo contro Callejon ha vita più semplice, le cose si complicano maledettamente quando entra Insigne. Da lì in poi è una sofferenza continua.

Mertesacker 6 - Giganteggia lì dietro, e non solo per l'imponente stazza fisica. E' un muro, ma alla fine il Napoli riesce ad abbatterlo.

Koscielny 6 - Rispetto al compagno è più vellutato nel tocco e molto intelligente nell'anticipo. non sfigura, poi però si perde Callejon allo scadere, per un 2-0 che però non cambia le carte in tavola.

Gibbs 6 - In difficoltà contro Mertens, ma riesce sempre ad uscirne a testa alta. La possibilità di affondare però è praticamente nulla.

Arteta 5 - Già ammonito, alla mezz'ora della ripresa va a travolgere l'avversario, prendendo il secondo cartellino. Un'ingenuità che in quel momento della partita poteva e doveva evitare, lui che è il capitano della squadra.

Flamini 5,5 - Meglio Behrami e Dzemaili, stasera il centrocampo Gunners è parecchio in sofferenza.

Rosicky 5 - La sua discontinuità può essere uno dei principali punti deboli dell'Arsenal, quando non è in giornata. Come stasera, praticamente annullato dall'asse di centro-sinistra azzurro. (Dal 31' st Monreal sv)

Ozil 5 - Anche lui si vede molto poco, chiuso bene dalla difesa azzurra. Era il più temuto fra gli avanti dell'Arsenal, un timore che si rivela infondato.

Cazorla 5,5 - Wenger si aspettava molto dal suo lavoro di raccordo fra centrocampo e attacco. Prezioso dal punto di vista tattico, ma mai davvero incisivo in avanti. (Dal 21' st Ramsey 6 - Il suo ingresso in un momento nel quale la partita era ancora bloccata serve per dare una minima sveglia ai suoi, che però subito dopo prendono gol da Higuaìn. Lui però almeno ci prova).

Giroud 5 - Due contro uno, Albiol e Fernandez lo stritolano in una morsa dalla quale non riesce ad uscire. 
All. Wenger 5 - Un Arsenal rinunciatario, poco incisivo in avanti ma chiuso benissimo in difesa. Poi però quando subisci un assedio di un'ora prima o poi il gol lo prendi. Un gol che non fa male, così come il secondo. Ma di sicuro non è questo l'Arsenal che ha passato (meritatamente) il girone forse più duro della storia della Champions League.

Arbitro Kassai 5,5 - Fa imbestialire i tifosi per un arbitraggio permissivo solo a tratti, intervallato da decisioni molto severe. Direzione schizofrenica, innervosisce la gara pur senza prendere decisioni in grado di cambiarne il corso. 


NAPOLI-ARSENAL 2-0

NAPOLI: ( 4-2-3-1 ) Rafael; Maggio, Fernandez, Albiol, Armero; Dzemaili, Behrami; Callejón, Pandev (12' st Insigne), Mertens; Higuain. A disposizione: Colombo, Britos, Cannavaro, Inler, Radosevic, Duvan. All. Benitez.

ARSENAL: (4-2-3-1 ) Szczesny; Jenkinson, Mertesacker, Koscielny, Gibbs, Arteta, Flamini; Rosicky (28' st Montreal), Ozil, Cazorla (22' st Ramsey) ; Giroud. A disposizione: Fabiaski, Vermaelen, Walcott, Wilshere, Bendtner. All. Wenger

Arbitro: Kassai

Marcatori: 28' st Higuaìn (N), 45' st Callejon (N)

Ammoniti: Mertens (N), Dzemaili (N), Giroud (A), Fernandez (N), Ramsey (A)

Espulsi: 31' st Arteta (A)




Commenta con Facebook