• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI INTER-PARMA

PAGELLE E TABELLINO DI INTER-PARMA

Palacio e Sansone scatenati. Parolo inarrestabile. Handanovic che errore!


Sansone (Getty Images)
Samuele Perotti

09/12/2013 00:17

PAGELLE E TABELLINO INTER-PARMA / MILANO – L'Inter al termine di una bella partita giocata a viso aperto da entrambi le squadre ottiene il terzo pareggio consecutivo e sciupa l’ennesima occasione di accorciare sul Napoli. Palacio segna e regge da solo l'attacco dei nerazzurri. Cambiasso, affiancato da un propositivo Kovacic, dirige il centrocampo da vero leader. I problemi per Mazzarri sono tutti in difesa: Ranocchia commette i soliti errori, Handanovic incappa nella prima papera stagionale e Juan Jesus è troppo distratto. Il Parma continua la sua striscia positiva, grazie alla serata di grazia di Sansone, che sopperisce alla prova evanescente di Cassano. Parolo è instancabile e segna la sesta rete stagionale. Buone anche la prova di Cassani e Gobbi.

INTER

Handanovic 4,5 – Incolpevole sui gol di Sansone, commette un incredibile errore in occasione della rete di Parolo, quando si lascia scappare un innocuo tiro di Paletta.  

Campagnaro 6 – Puntuale in difesa nel primo tempo prova a suonare la carica e gioca spesso e volentieri nella metà campo avversaria. Ci mette tanta determinazione, ma cala nella ripresa.

Ranocchia 5,5 – Continua a commettere i soliti errori: segue troppo l'uomo e così si fa pescare fuori posizione anche a causa del passo lento. Salva alla disperata al 41' su Acquah.

Juan Jesus 5 – Si addormenta in occasione del primo vantaggio emiliano, quando si dimentica di fare la diagonale su Sansone. Troppo frettoloso, con il pallone tra i piedi è troppo confusionario.

Jonathan 6,5 – L'Inter attacca solo sulla destra e lui non si tira mai indietro. Dialoga con Guarin, si accentra e mette sui piedi di Palacio il pallone dell'1-1. Dal 77’ Belfodil sv.

Guarin 6,5 – Nel primo tempo spinge molto sulla destra ma sbaglia tantissimi appoggi, anche i più facili. Nella ripresa grazie alla deviazione di Lucarelli trova il gol, si carica e si rende più pericoloso. Dal 87' Taider sv

Cambiasso 6,5 – Detta i tempi della squadra nerazzurra sia in possesso di palla che in fase difensiva. Fa girare palla con una buona velocità e quando si alza in pressing tutta la squadra cresce. Al 91' ha sui suoi piedi la palla del 4-3, ma calcia centrale.

Alvarez 6 – Ci prova ma senza il supporto di un esterno sinistro che sale fatica a trovare gli spazi per saltare l'uomo. Nonostante non brilli, mette al centro lo splendido cross per il 2-2 di Palacio.

Zanetti 6 – Mette al servizio della squadra esperienza e intelligenza tattica, salvando con un paio di diagonali il risultato. Non ha le caratteristiche e la gamba e così l'Inter non attacca sulla sinistra. Dal 69' Nagatomo 6 – Un recupero importante quello del giapponese. Entra e in pochi minuti mette al centro un paio di cross davvero interessanti, come quello per Cambiasso al 91'.

Kovacic 6,5 – Dopo un avvio contratto e privo di personalità, la sua partita inizia al 25’ quando avvia un azione nerazzurra con un gran numero. Con il passare dei minuti prende coraggio e mette in mostra le sue doti tecniche.

Palacio 7,5 – Si divora un gol fatto al 17', poi si riscatta alla grande siglando una doppietta. Regge da solo il peso dell'attacco dell'Inter, svaria su tutto il fronte offensivo, cercando anche di innescare gli inserimenti da dietro dei compagni.

All. Mazzarri 5,5 – L'Inter sbaglia completamente l'approccio alla gara, la ribalta ma mette in mostra per tutti e novanta i minuti una debolezza difensiva davvero preoccupante.

PARMA

Mirante 6 – Subisce tre gol senza alcuna colpa. Attento e preciso soprattutto sulle uscite alte, dà tranquillità a tutto il reparto arretrato.

Cassani 6 – Distratto in fase di copertura, come in occasione del primo pareggio dell'Inter, non rinuncia mai ad attaccare e lo fa anche con una ritrovata qualità. Serve a Sansone l'assist del 3-3.

Paletta 5,5 – Palacio lo sovrasta di testa, quella che dovrebbe essere la sua carta migliore. Con l’esperienza se la cava in più di una circostanza, ma è ancora lento e lontano dalla migliore condizione.

Lucarelli 6 – Puntuale a chiudere sul suo uomo e ad aiutare i compagni quando si trovano in difficoltà o vengono saltati dagli avversari. Guida benissimo la retroguardia emiliana.

Gobbi 6 – L'Inter attacca solo dalla sua parte e così decide di sacrificare le sue doti propositive per mettere in scena una attenta ed intelligente prova difensiva.

Gargano sv – Dal 17' Acquah 6 – Rompe molto bene il gioco avversario e appena può si getta in avanti. Non ha eccelse doti tecniche ma grazie alla sua potenza sfora il gol in due circostanze.

Marchionni 6 – Dà ordine al centrocampo del Parma, grazie anche alla sua esperienza. Detta bene i tempi di gioco e avvia saggiamente le azioni alla mano dei suoi compagni.

Parolo 7 – La straordinaria condizione fisica che sta attraversando gli consente di coprire alla perfezione le due fasi di gioco per 90'. Sempre pronto ad attaccare gli spazi, è reattivo in occasione della papera di Handanovic.

Biabiany 5,5 – L'altro ex di giornata non riesce a trovare gli spazi giusti per sfruttare la sua velocità. I compagni lo cercano poco e lui non fa nulla per farsi passare il pallone.

Sansone 8 – Quando vede l'Inter è come un toro che vede rosso. Si muove tantissimo, è pronto a ripiegare in difesa e soprattutto da vero attaccante non fallisce le due occasioni che ha a disposizione. Dal 87’ Rosi sv

Cassano 5,5 – L’ex tanto atteso gioca con poca cattiveria agonistica e finisce per isolarsi troppo, senza riuscire mai a trovare la giocata decisiva. Incappa nel vecchio errore di allargarsi troppo sulla sinistra, non è un caso che come si accentri mandi in apprensione i difensori avversari.  Dal 83’ Amauri

All. Donadoni 7 – Il Parma continua la sua striscia positiva e lo fa mettendo in mostra un bel gioco. Non rinuncia mai a giocare palla a terra e ad attaccare gli spazi con i centrocampisti. Da rivedere la fase difensiva.

Arbitro: Paolo Valeri 6,5 – Dirige con puntualità e determinazione una partita corretta.

INTER-PARMA 3-3

INTER (3-5-1-1): Handanovic; Campagnaro, Ranocchia, Juan Jesus; Jonathan (77’ Belfodil), Guarin (87' Taider), Cambiasso, Alvarez, Zanetti (69’ Nagatomo); Kovacic; Palacio. Allenatore: Mazzarri.

PARMA (4-3-3): Mirante; Cassani, Paletta, Lucarelli, Gobbi; Gargano (17’ Acquah), Marchionni, Parolo; Biabiany, Sansone (87’ Rosi), Cassano (83’ Amauri). Allenatore: Donadoni.

Arbitro: Valeri di Roma

Marcatori: 11’ e 60’ Sansone (P), 44’ e 54’ Palacio (I), 45’+1’ Parolo (P), 56’ Guarin (I).

Ammoniti: 9’ Parolo (P), 52’ Ranocchia (I), 81’ Kovacic (I).




Commenta con Facebook