• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-UDINESE

PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-UDINESE

Fernandes e Pandev sugli scudi, da rivedere Insigne e Brkic


Basta e Pandev (Getty Images)
AntonioPapa (Twitter: @antoniopapapapa)

08/12/2013 00:11

PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-UDINESE / NAPOLI - Napoli devastante in attacco ma disastroso in difesa. Il punto è sempre lo stesso, la coperta è troppo corta, e l'accanimento terapeutico di Benitez sul 4-2-3-1 sempre e comunque inizia ad essere fastidioso. La chiave della partita è tutta lì, nella duttilità e nella scaltrezza di Guidolin che fanno da contraltare all'integralismo tattico dello spagnolo. Poteva finire in qualsiasi modo, finisce con un pirotecnico 3-3 che premia l'imprevedibilità di una partita comunque molto bella. 

 

NAPOLI 

Rafael 5 - Rischia la frittata al pronti-via, cavandosela però con calma olimpica. Poi si ritrova a fronteggiare un assalto alla sua porta, finendo bucato tre volte, una delle quali lo vede piuttosto colpevole (gol di Fernandes). Non proprio un esordio indimenticabile.

Maggio 6 - Errori ne fa davvero tanti, sia prima che dopo la metà campo. Ma quel salvataggio su Maicosuel a 10 minuti dalla fine vale un gol. Davvero fantastico.

Fernandez 5 - Fa e disfa: l'assist a Pandev per il vantaggio, l'autorete che accorcia le distanze. Prima e dopo diversi episodi da matita blu, un po' come tutta la difesa azzurra. Una difesa che fa acqua da tutte le parti.

Albiol 5,5 - Le chiusure sono sempre da campione, nell'uno contro uno e in anticipo non la fa passare quasi mai. E' in marcatura che soffre tanto, anche perché il resto della difesa subisce da ogni dove.

Reveillere 6 - La condizione fisica è quella che è, al punto che dopo un'ora è già alla canna del gas. In generale non demerita, si limita giusto al compitino ma almeno non fa danni evidenti. (Dal 36' st Armero sv)

Inler 5 - Un po' meglio rispetto alla gara contro la Lazio ma ancora lontanissimo da una condizione accettabile. Il pubblico non ne può più e ha preso a fischiarlo ad ogni pallone, segno che qualcosa con la tifoseria si è rotto.

Dzemaili 6 - Anche lui in mezzo al campo si ritrova schiacciato costantemente dalla mediana bianconera, ma poi si riscatta bene con il tap-in del 3-2. (Dal 33' st Behrami sv)

Callejòn 5 - A destra, a sinistra, poi ancora a destra, poi ancora a sinistra. Non riesce ad incidere come sa sul match, l'unico sussulto è un tiro al volo a schiacciare in grande coordinazione, che finisce però deviato in angolo. 

Pandev 7 - L'uno-due letale con il quale prova a mettere il punto al match lo eleva al rango di idolo per una notte di una tifoseria che invece spesso mugugna per le sue caratteristiche da uomo-ombra sornione. Uno è un tap-in vincente su assist di Fernandez, l'altro è il tipico gol "alla Pandev": perno su se stesso e piroetta con piatto all'angolo. Proprio a lui non gli si può dire nulla. (Dal 29' st Mertens sv)

Insigne 4,5 - Dribbling, sterzata e tiro a giro sul secondo palo. Lo spartito è sempre quello. Lo hanno capito gli spettatori, lo hanno capito i compagni e ciò che è peggio è che lo hanno capito anche gli avversari. Almeno azzeccasse la porta, sarebbe tutta un'altra storia.

Higuaìn 7 - Non segna ma propizia due dei tre gol con i quali il Napoli spera nella vittoria. Il secondo è una progressione devastante sulla destra, con annesso assist per Pandev, il terzo è una magia con conclusione respinta a fatica da Brkic e successivo gol di Dzemaili. Il suo lo fa, eccome. 

All. Benitez 4 - Quel suo integralismo tattico ai limiti del patologico sta diventando la vera e propria zavorra di questa squadra. Non si può vivere una partita in continua sofferenza e operare cambi solo e sempre negli uomini, mai nel modulo. Il cambio Behrami-Dzemaili con la squadra in vantaggio e in sofferenza a centrocampo, poi, ha del clamoroso. La mancata vittoria è la giusta punizione, Con l'augurio che il suo famoso "cuscino" stavolta sia meno indulgente con lui. 

 

UDINESE 

Brkic 4,5 - Una partita che è un campionario di errori. Respinte difettose, topiche clamorose "graziate" dagli avversari. E i tre gol presi, uno dei quali porta netto il suo timbro.

Heurtaux 6,5 - Butta dentro il terzo pallone della stagione, con la decisiva complicità di Fernandez. Se la Lega gli assegna il gol si avvia ad essere il secondo miglior marcatore della squadra, il che è tutto dire. Bene anche dietro. (Dal 22' st Maicosuel 6,5 - Ingresso positivo quello di 'O Mago', che cerca e trova la porta in un paio di occasioni dando una scossa importante alla squadra. Non tantissimi minuti, ma buoni).

Danilo 5,5 - Impreciso in marcatura su un Higuaìn scatenato, vede sbucare difensori da ogni dove. Ne prende tante, ma ne dà altrettante.

Domizzi 5 - Il modo in cui si fa asfaltare da Higuaìn in occasione della straordinaria percussione che vale il 2-0 del Napoli è da pivello, non certo da difensore scafato qual è. In generale soffre il Pipita per tutto il match.

Basta 7 - Davanti a sé ha un Reveillere che non affonda quasi mai, inoltre si ritrova spesso a sovrapporsi ad un Pereyra in grande spolvero. il gol è la ciliegina sulla torta di un'ottima partita.

Allan 7 - Fa legna, smista palla, collega benissimo i reparti. La sensazione tangibile è che stasera il Napoli avrebbe avuto bisogno proprio di uno come lui.

Lazzari 6,5 - Se Allan ci mette più corsa e quantità, lui ci mette invece più qualità, pur senza disdegnare il ricorso alle maniere forti. Con il compagno di reparto forma una cerniera invalicabile.

Gabriel Silva 6,5 - Si dice un gran bene di questo ragazzo, che in affondo non ha niente da apprendere ma pian piano sta imparando anche la fase difensiva. Rischiosissima ma efficace la chiusura in extremis su Maggio, sulla quale il Napoli reclama il rigore.

Pereyra 7 - Centrocampista aggiunto più che trequartista in appoggio, il suo lavoro è una chiave tattica fondamentale per Guidolin, che grazie all'argentino riesce a creare superiorità sul lato destro, quello battuto da Reveillere e Albiol. Notevoli le sovrapposizioni con Basta. 

Fernandes 7,5 - Ancora una prestazione convincente per questo classe '94 che ha stregato Guidolin, al punto da vedersi assegnate le chiavi della trequarti. Qualità e ottime idee lì davanti, e per finire quella pennellata che riporta l'Udinese in partita. Pozzo pesca almeno un jolly ogni anno, lui sembra avere proprio quel cappello con i campanellini. (Dal 39' st Naldo sv)

Nico Lopez 6,5 - Il ragazzo ne ha e lo ha già dimostrato a Roma. Stasera ha l'occasione della vita e la sfrutta al meglio, con percussioni pericolosissime che tengono in costante difficoltà la retroguardia avversaria. Albiol fatica più con lui che con molti big affrontati finora. (Dal 35' st Zielinski sv)

All. Guidolin 8 - Interpretazione tattica perfetta, gestione dei cambi ancora più meritevole. Se l'Udinese stasera avesse vinto la partita non avrebbe rubato nulla. Finora il campionato è stato quello che è, ma attenzione: il compassato veneto ha dimostrato di essere un diesel. Lui e le sue squadre fanno il botto dall'anno nuovo, e questa partita è senz'altro un gran punto di partenza.

Arbitro Gervasoni 5 - Fa imbestialire il pubblico di casa, poi fa imbestialire l'allenatore ospite, infine anche il suo vice. Alcune decisioni lasciano un po' a desiderare, su tutte il fallo su Inler che dà il via all'azione del gol di Fernandes: assolutamente decisivo. In altre occasioni però ci vede bene, come sul rigore per un non-fallo di Gabriel Silva su Maggio e sull'intervento da ultimo uomo dello stesso Maggio a pochi minuti dal termine. Palla piena. 

 

TABELLINO

NAPOLI-UDINESE 3-3

Napoli (4-3-2-1): Rafael; Maggio, Fernandez, Albiol, Reveillere (36' st Armero); Inler, Dzemaili (33' st Behrami)i; Insigne, Pandev (29' st Mertens), Callejon; Higuain. A disp.: Reina, Colombo, Cannavaro, Uvini, Bariti, Radosevic, Zapata. All.: Benitez

Udinese (4-3-2-1): Brkic; Heurtaux (23' st Maicosuel), Danilo, Domizzi, Gabiel Silva; Basta, Allan, Lazzari; Pereyra, Bruno Fernandes (39' st Naldo); Nico Lopez (35' st Zielinski). A disp.: Kelava, Scuffet, Bubnjic, Badu, Mlinar, Douglas, Jadson, Merkel, Widmer, Pinzi. All.: Guidolin.

Arbitro: Andrea Gervasoni

Marcatori: 38' st Pandev (N), 40' st Pandev (N), 45' aut. Fernandez (U), 25' Fernandes (U), 26' st Dzemaili (N), 36' st Basta (U)

Ammoniti: Albiol (N), Fernandez (N), Pandev (N), Fernandes (U), Dzemaili (N), Domizzi (U)




Commenta con Facebook