• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > Nelson Abeijon su Italia-Uruguay, Totti e Brasile 2014

Nelson Abeijon su Italia-Uruguay, Totti e Brasile 2014

Calciomercato.it ha intervistato l'ex calciatore del Cagliari e della nazionale uruguaiana


Sorteggi Mondiali (Getty Images)
Giorgio Elia

07/12/2013 11:49

MONDIALI ITALIA NEL GIRONE CON URUGUAY ESCLUSIVO ABEIJON /PALERMO - "Guardando al sorteggio credo che il gruppo D sia tra i più affascinanti. La nazionale del Costa Rica penso vada a recitare il ruolo di cenerentola del girone, con Italia, Uruguay e Inghilterra a giocarsi i due posti a disposizione. Gli inglesi sono sempre imprevedibili e possono vantare giocatori importanti, ma a mio modo di vedere gli Azzurri e gli uruguaiani restano favorite per il superamento del turno". Una previsione e un augurio quella di Nelson Abeijon, ex centrocampista del Cagliari e della Nazionale uruguaiana, il quale ai microfoni di Calciomercato.it, commenta così l'esito dei sorteggi dei gironi dei Mondiali.

URUGUAY - L'ex centrocampista dei sardi descrive poi la formazione guidata da Tabarez: "L'Uruguay può contare su un gruppo consolidato, composto da giocatori che hanno affrontato le ultime manifestazioni e che quindi si conoscono molto bene. La difesa può vantare calciatori bravi nel gioco aereo e di temperamento, con un centrocampo grintoso e ricco d'esperienza. L'attacco è poi il punto di forza vista la presenza di due degli attaccanti più forti al mondo come Cavani e Suarez. Il merito del ct è stato sicuramente quello di allestire un gruppo completo. Tornare a giocare in Brasile dove si vinse un Mondiale? Non credo che i giocatori possano soffermarsi su queste cose, credo sia più un aspetto tenuto in considerazione dai tifosi e dall'ambiente in generale. Al momento del fischio dell'arbitro il passato non viene più tenuto in considerazione".

ITALIA - Dopo aver descritto la sua Nazionale l'ex Cagliari si sofferma anche sulla formazione di Prandelli: "L'Italia è sempre l'Italia per il suo grande fascino e tradizione. Stiamo parlando di una squadra che ha fatto delle grandi cose negli ultimi anni con una vittoria del Mondiale con Lippi e una finale dell'Europeo con lo stesso Prandelli. Quest'ultimo ritengo sia un allenatore molto preparato che ho avuto modo di apprezzare già quando guidava la Fiorentina. La sfida a distanza con Tabarez arricchirà ulteriormente il confronto diretto tra le due squadre. Consigli per Prandelli? Portare Totti al Mondiale. Seguendo il campionato italiano sono rimasto impressionato dalla sua capacità di esser ancora così decisivo nonostante il passar degli anni. Francesco è ancora tra i migliori in circolazione nel suo ruolo".

ITALIA-URUGUAY - Abeijon parla poi di quello che sarà l'incontro che chiuderà il calendario del girone D, quello appunto tra Italia e Uruguay: "Una sfida che promette spettacolo, ricca di spunti di interesse. La nostra nazionale è cresciuta negli ultimi anni conseguendo anche dei risultati importanti, grazie anche alla guida di un allenatore esperto come Tabarez. Il fatto poi che tanti giocatori uruguaiani abbiano giocato o si trovino ancora in Italia è sicuramente un fattore da non sottovalutare, con entrambe le squadre che terranno conto di questo aspetto nel preparare la partita. Cavani? Arriverà al Mondiale carico e questa sfida sarà molto significativa per lui, con i difensori italiani che però possono trovare un vantaggio nell'averlo affrontato in diverse occasioni nelle sfide di campionato".

MONDIALE - In chiusura l'ex calciatore originario di Montevideo regala il suo pronostico per il Mondiale: "Credo che il Brasile possa partire favorito anche grazie al fatto di disputare la manifestazione in casa. Per il resto vedo bene anche la Spagna, la Germania, con Argentina e Italia che possono sicuramente dire la loro. Non inserisco l'Uruguay magari come finalista ma sono convinto che la squadra di Tabarez disputerà un grande Mondiale".




Commenta con Facebook