• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Livorno-Milan, Allegri: "Balotelli puo' dare di piu'. Terzo posto difficile"

Livorno-Milan, Allegri: "Balotelli puo' dare di piu'. Terzo posto difficile"

Il tecnico rossonero parla ai giornalisti alla vigilia del match contro i toscani


Allegri (Getty Images)
Bruno De Santis (@Bruno_De_Santis)

06/12/2013 15:23

LIVORNO MILAN CONFERENZA ALLEGRI DIRETTA / MILANO - Due vittorie consecutive in trasferta, sei calci alla crisi: il Milan va a caccia di continuità dopo i successi (e i sei gol) contro Celtic e Catania. I rossoneri sono attesi da un'altra trasferta, sul campo del Livorno: per Allegri si tratta di un ritorno a casa, ma l'allenatore non può fare regali. Calciomercato.it seguirà per voi in diretta la conferenza stampa del tecnico del Milan.

EL SHAARAWY  - "Ha fatto venti buoni minuti a CAtania. Ora spero di riavere tutti a disposizione, così tutti sono stimolati e si sentono in discussione perché alla fine della stagione c'è bisogno di tutti. Tutta la rosa deve contribuire al raggiungimento degli obiettivi che ci siamo prefissati. Constant? Ha avuto un problemino e ho preferito non rischiarlo".

BALOTELLI - "Mario ha vuto delle problematiche in nazionale e quando è tornato da noi: non era in buone condizioni, ora sta meglio ma rispetto alle potenzialità che ha deve fare molto di più. Lui lo sa, ma credo che sia sulla strada giusta. Le reazioni? Ultimamente lo vedo più sereno in campo: domenica l'ho tolto non perché era nervoso, ma perché volevo fargli risparmiare qualche minuto e perché era un momento della partita dove si potevano prendere delle botte. Vita normale? È un personaggio a livello europeo e deve trovare un suo equilibrio per vivere una partita normale: ultimamente lo vedo più sereno e questo è un bene per lui, per il Milan e per la nazionale".

TERZO POSTO - "L'obiettivo è raggiungere il massimo traguardo possibile, il terzo posto ad oggi è difficile: noi dobbiamo fare un passo alla volta. La classifica non rispecchia il valore del Milan perchè siamo partiti male, non abbiamo avuto tutta la rosa a disposizione. Ora pensiamo a vincere contro il Livorno per fare un altro passo in avanti: intanto cerchiamo di agguantare il sesto posto, poi vediamo. Gli infortuni hanno inciso molto: il Barcellona con Messi e altri fuori hanno perso due partite. Quando hai tutti i calciatori a disposizione puoi fare scelte diverse e nello spogliatoio c'è più competizione".

CRISI ALLE SPALLE - "Non si può dire che la crisi è alle spalle, nel calcio non si sa mai. Dobbiamo fare dei risultati: non siamo negli ottavi di Champions, in campionato siamo dietro quindi dobbiamo mantenere un basso profilo. Veniamo da due vittorie non dodici: pensiamo alla partita di domani, poi vedremo di raggiungere gli ottavi e poi così di seguito".

TIFOSI - "Da quanto io sono al Milan ci sono sempre stati vicini: dopo il Genoa il malumore era normale, c'era amarezza anche da parte nostra perché non era arrivata una vittoria che meritavamo. I ragazzi hanno sempre dato il massimo, poi i risultati condizionano i giudizi. A volte bisogna accettare la mancanza di risultati, l'importante è lavorare con onestà e massimo impegno. Mercoledì i tifosi ci saranno vicini: su questo non ho dubbi".




Commenta con Facebook