• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Mondiale 2014, Cannavaro: "Balotelli straordinario ma conta il gruppo. Totti? Meglio di no"

Mondiale 2014, Cannavaro: "Balotelli straordinario ma conta il gruppo. Totti? Meglio di no"

L'ex difensore, capitano nella vittoriosa spedizione azzurra in Germania nel 2006, ha parlato in conferenza stampa


Cannavaro con Bebeto e Ronaldo (Getty Images)
Stefano D'Alessio (twitter: @SDAlessio)

05/12/2013 17:50

MONDIALE BRASILE 2014 CANNAVARO BALOTELLI TOTTI / COSTA DO SAUIPE (Brasile) - Fabio Cannavaro sarà tra i protagonisti del sorteggio per i Mondiali 2014 in programma domani.

Oggi, il capitano dell'Italia vittoriosa a Germania 2006 ha parlato nel corso di una conferenza stampa di avvicinamento alla manifestazione iridata: "Sarà una competizione difficile, molto difficile. Per problemi logistici e climatici. Caldo, freddo, viaggi. Ma l’Italia sta lavorando bene e da qui al Mondiale migliorerà".

PARAGONE CON ITALIA 2006 - "Non farei paragoni perché quella ha vinto e i confronti si potranno fare solo alla fine. Questo però è un bel gruppo di veterani e giovani e Prandelli sta facendo un gran lavoro".

BALOTELLI - "Questa è l’Italia del gruppo. Non ci si può affidare a uno solo. Conta lo spirito di squadra come nel 2006. Mario è straordinario ma questa è anche l’Italia di Buffon, De Rossi, Pirlo, Barzagli, Rossi…".

TOTTI - "In un primo tempo pensavo che dovesse andare. Ci ho ripensato: no, è una bella responsabilità. Se poi va male danno la colpa a lui. Può essere un problema per Francesco".

RIVALI - "Naturalmente il Brasile che gioca in casa. Poi Argentina, Spagna, Olanda, Portogallo… Non sarà facile".

ZIDANE - "Non abbiamo parlato della finale del 2006. Evitiamo il discorso, entrambi".

COME SI VINCE - "Con l’organizzazione. Noi abbiamo finito partite con 4 attaccanti e Pirlo nel 2006. Non direi che eravamo difensivi".

 

 




Commenta con Facebook