• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus, cori bambini: "Siamo sconcertati per l'ammenda"

Juventus, cori bambini: "Siamo sconcertati per l'ammenda"

La societa' bianconera ha mostrato il proprio disappunto per la decisione del Giudice Sportivo



03/12/2013 22:23

JUVENTUS MULTA CORO BAMBINI / TORINO - La Juventus non ha digerito la decisione del Giudice Sportivo  di multare il club per i cori che i bambini (e tifosi bianconeri) hanno intonato nei confronti di Brkic nell'ultimo match contro l'Udinese (leggi qui).

La società campione d'Italia ha mostrato il proprio disappunto tramite una nota sul proprio sito web: "Juventus Football Club esprime il proprio sconcerto per l'ammenda comminata dal Giudice Sportivo alla Società "per avere suoi (giovanissimi...) sostenitori rivolto ripetutamente ad un calciatore della squadra avversaria un coro ingiurioso" - si legge - Ovviamente Juventus Football Club non intende avviare l'iter consueto di giustizia sportiva su una vicenda che non merita alcun ricorso. L'iniziativa complessiva ha coinvolto quasi 13 mila ragazzini, grazie alla collaborazione di Federazione Italiana Giuoco Calcio, Lega Nazionale di Serie A, Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive, Questura di Torino, Associazione Italiana Calciatori, Ufficio Regionale Scolastico, Comitato Regionale Piemonte e Valle d'Aosta FIGC LND, Comune di Torino, GTT, Centro Unesco di Torino e Commissione Italiana per l'Unesco".

"Gioca con me... Tifa con me" è stata un'iniziativa che ha suscitato emozione ed apprezzamento da parte di tutti e, nonostante questo increscioso strascico disciplinare, proseguirà anche in occasione di Juventus-Sassuolo - prosegue il comunicato - Con l'auspicio che presto gli usuali frequentatori degli stadi (non solo dello Stadium) possano trovare modalità civili di interazione con i protagonisti in campo e tolleranti tra loro".

 

G.M.




Commenta con Facebook