• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > 'ITALIANS' - Le pagelle degli 'Italiani' all'estero: riecco Cavani, Giaccherini

'ITALIANS' - Le pagelle degli 'Italiani' all'estero: riecco Cavani, Giaccherini sprecone

I voti dei principali ex giocatori del nostro campionato, che hanno salutato l'Italia nell'ultima sessione di mercato


Cavani abbracciato dai compagni dopo il gol (Getty Images)
Hervé Sacchi

02/12/2013 14:00

ITALIANS VOTI PAGELLE EX GIOCATORI SERIE A ESTERO / ROMA - Si rivede Edinson Cavani. L'uruguaiano apre la goleada (4-0) e si conquista uno dei due rigori con cui il Psg regola facilmente la pratica Lione. Diversi voti positivi arrivano dall'Inghilterra, dove non sono Lamela e Jovetic (non convocati, rispettivamente per scelta tecnica e infortunio) a far esaltare i tifosi, bensì il duo Dossena-Flamini. Per il francese anche un gol in questa giornata. Rete ed espulsione, invece, per Mauro Zarate nel 2-0 del Velez al Colon. Grande gioia anche per Bojan Krkic che ha segnato il primo gol con la maglia dell'Ajax nel giorno del rientro in campo dopo l'infortunio che lo ha tenuto lontano dai campi per più di un mese.
Fine settimana negativo infine per Emanuele Giaccherini: l'ex juventino si divora un gol da zero metri, contribuendo ad alimentare le critiche dell'ultimo periodo.

EDINSON CAVANI (Paris Saint-Germain) 7,5 - Dopo aver fatto panchina nell'ultimo turno, torna titolare e dimostra la sua voglia a pubblico e allenatore. Apre le marcature con un colpo di testa sul primo palo che beffa difesa e portiere. Pochi minuti dopo si procura un calcio di rigore, prontamente realizzato da Ibra. Blanc può sorridere.

MARQUINHOS (Paris Saint-Germain) - In panchina. 

SERGIO ROMERO (AS Monaco) - In panchina.

JUNIOR TALLO (Ajaccio) - Non convocato.

ALESSANDRO CRESCENZI
(Ajaccio) 5 - Non sembra avere grossi demeriti sui gol, ma lascia la sensazione di non aver compreso i movimenti difensivi.

STEFAN JOVETIC (Manchester City) - Infortunato, tornerà nella prossima partita.

ERIK LAMELA (Tottenham) - Non convocato.

EMANUELE GIACCHERINI (Sunderland) 4,5 - Ha quasi costretto al rigore Vlaar, ma alla fine del primo tempo si è divorato un gol da due passi. Se il Sunderland non ha centrato la vittoria, è anche per occasioni come queste.

MODIBO DIAKITE' (Sunderland) - Non convocato.

ANDREA DOSSENA (Sunderland) 7 - Lo si rivede dopo la squalifica. L'ex Napoli e Palermo è apparso concentrato e in buona forma. Cerca e trova spesso buoni cross, sfiorando anche il gol. Ottima l'intesa con Borini.   

PABLO DANIEL OSVALDO
(Southampton) 5 - La decisione di farlo partire titolare non ha pagato, se non giusto nei primi minuti di gara in cui il Southampton si è portato in vantaggio a sorpresa.

MATHIEU FLAMINI
(Arsenal) 7 - Ripreso dall'infortunio, bagna il suo rientro con un gol. Bel filtrante di Özil che il francese ex Milan devia in rete con un destro di prima intenzione.

NICKLAS BENDTNER (Arsenal) - Non convocato.

LIBOR KOZAK (Aston Villa): s.v. - Solo 4' più recupero per lui.

MAARTEN STEKELENBURG (Fulham) 5 - Subisce tre gol e resta la sensazione che almeno in due occasioni su tre avrebbe potuto fare di meglio.

NICOLAS ANELKA (West Bromwich Albion) - Non convocato.

BOJAN JOKIC
(Villarreal) - In panchina. 

HARIS SEFEROVIC (Real Sociedad) s.v. - Una decina di minuti per lui.

FAUSTO ROSSI (Valladolid) 6,5 - Perdere una partita 4-0 spesso è sinonimo di una completa e generale dormita. Di fronte, tuttavia, c'era il Real Madrid. E non è detto che proprio tutti siano insufficienti, anzi. Il centrocampista italiano si è dimostrato adatto al contesto e, dal 'Bernabeu', è uscito a testa alta.

MOUNIR EL HAMDAOUI (Malaga) - Non convocato.

KEVIN PRINCE BOATENG
(Schalke 04) 5,5 - Può certamente fare di più. Gli mancano le idee per incidere e cambiare la partita. Dopo un avvio di stagione interessante, inizia a pagare i tanti impegni.

LUCA CALDIROLA (Werder Brema): 5,5 - Alla sagra dei gol (otto totali) e dei rigori (tre concessi dall'arbitro), lui non è particolarmente chiamato in causa. Qualche responsabilità sul terzo gol dell'Hoffenheim.

GIULIO DONATI (Bayer Leverkusen) 5,5 - Nonostante la vittoria netta, non sembra essere al top della forma.

SEBASTIEN FREY (Bursaspor) 6 - Il palo lo salva la prima volta, ma non la seconda. Ha il merito di respingere il tiro di Moore nel finale di gara e contribuire alla vittoria della sua squadra.  

BOJAN KRKIC
(Ajax) 6,5 - Rientrato dall'infortunio, coglie subito l'occasione per segnare il suo primo gol con la maglia dell'Ajax. Bello il suo destro da fuori area che fissa il risultato sul 4-0.

ALEJANDRO GOMEZ
(Metalist Kharkiv) 6 - Contro l'Ilyichivets Mariupol, finisce 1-1. Nell'ultima partita dell'anno solare (il campionato riprenderà a marzo), Gomez ha disputato i secondi 45' di gioco. Partita difficile ma, comunque, sufficiente. Nei prossimi mesi capiremo se questa è stata l'ultima partita dell'ex Catania in Ucraina.

ANDREAS GRANQVIST
(Krasnodar) 6 - Penultima partita, invece, per il Krasnodar che si arrende al gol di Dragun (Krylya Sovetov). Anche l'ex Genoa esce dalla gara con una sufficienza risicata.

FEDERICO PIOVACCARI (Steaua Bucarest) 5,5 - Entrato all'inizio del secondo tempo, non ha grosse possibilità per incidere. La Steaua esce così con il terzo pareggio consecutivo per 1-1.

THIAGO RIBEIRO (Santos) 6 - Seconda vittoria consecutiva per il Santos. Questa volta, contro l'Atletico Paranaense, l'ex Cagliari non segna ma fa ugualmente bella figura davanti al pubblico di casa.

MAURO ZARATE
(Velez) 6 - Succede di tutto nel penultimo fine settimana del torneo Inicial. Nove espulsioni, dato al quale partecipa anche l'ex attaccante di Lazio e Inter. La colpa? Aver reagito a un fallo, con un calcetto. C'è da dire che poco meno di 10' prima, l'attaccante aveva portato in vantaggio il Velez che, a 2 punti dal San Lorenzo, può ancora augurarsi di vincere il campionato.




Commenta con Facebook