• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Calciomercato Inter, Mihajlovic: "Ho sfiorato la panchina nerazzurra tre volte"

Calciomercato Inter, Mihajlovic: "Ho sfiorato la panchina nerazzurra tre volte"

L'allenatore della Sampdoria: "Non allenerei mai Partizan, Genoa, Roma e Milan



30/11/2013 10:50

CALCIOMERCATO INTER MIHAJLOVIC SAMPDORIA FUTURO MORATTI THOHIR / GENOVA - Sinisa Mihajlovic, allenatore della Sampdoria, ha parlato del suo futuro nel corso di un'intervista rilasciata a 'La Gazzetta dello Sport':

INTER- "Ho sfiorato la panchina nerazzurra almeno in tre occasioni: quando andò via Mourinho, dopo Benitez-Leonardo e pochi mesi fa. Ringrazio Moratti per aver pensato a me, anche se poi ha scelto altri. Mazzarri? Un ottimo allenatore, attento, meticoloso: grazie a lui l'Inter può arrivare tra le prime tre. Non lo conosco fuori dal campo. Si definisce un malato di calcio. Lo sono anch’io. Ma senza perdermi per strada i piaceri della vita".

MORATTI e THOHIR - "Mi fa effetto pensare che non sia più il presidente. Moratti per l’Inter e chi ne ha fatto parte è stato un padre, un riferimento, un esempio di stile e comportamenti. E’ stato un motivo di orgoglio per me vincere nell’Inter, vincere per lui. Domenica spero di rivederlo e di abbracciarlo. Thohir è il benvenuto. Ma non basta saltellare durante qualche coro per essere interista. I colori di una squadra devi sentirli sulla pelle. E’ importante avere una gestione manageriale, ma il calcio è passione, amore e rivalità. Io Moratti l'ho visto esultare come un bambino, gioire, ma anche soffrire e incazzarsi da morire. Spero che

PROMESSA - "Non ho mai pronunciato cazzate tipo 'ho sempre tifato fin da bambino etc', ma quando indosso una maglia la onoro fino in fondo. Quando ho firmato per la Samp ho ricevuto l’in bocca al lupo di Andrea Della Valle e dei dirigenti della Fiorentina, dove pure sono stato esonerato. Hanno cambiato il tecnico ma apprezzato l'uomo. Poi ci sono squadre che hanno segnato la mia vita: Stella Rossa, Sampdoria, Lazio, Inter. E per rispetto verso questi club e i miei sentimenti ripeto che non allenerei mai Partizan, Genoa, Roma e Milan. Quanti dicono lo stesso?".


S.D.




Commenta con Facebook