• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Champions league > SPECIALE CM.IT - 'This is Champions': Juventus nel segno di Vidal. Male Barcellona e Mourinh

SPECIALE CM.IT - 'This is Champions': Juventus nel segno di Vidal. Male Barcellona e Mourinho

La rubrica del giovedi che racconta la due giorni della coppa dalle grandi orecchie attraverso analisi, curiosita' ed approfondimenti


Arturo Vidal (Getty Images)
Jonathan Terreni

28/11/2013 19:08

SPECIALE CM.IT CHAMPIONS LEAGUE / ROMA - 'This is Champions' è la rubrica del giovedì di Calciomercato.it che analizza la due giorni della più prestigiosa coppa continentale a livello di club. Focus sulle squadre italiane ma non solo: approfondimenti, statistiche e curiosità, il tutto verso la finalissima di Lisbona.

EUROMILAN E SUPERVIDAL -  Sarà la musica della Champions. Sarà il brivido delle notti europee. Di fatto quando l'Europa chiama il Milan risponde presente. E non è da poco visto il periodo non proprio felicissimo della squadra di Allegri. Nei connotati rossoneri c'è da sempre la voglia di affermarsi in campo internazionale anche a discapito del campionato. Martedì sera a Glasgow si è visto un Milan da applausi: solidità difensiva, spirito di sacrificio e cinismo. Il Celtic di questi tempi, nonostante il 'Celtic Park' sia sempre una bolgia di tifo, non è proprio irresistibile ma vista l'aria che tira a Milanello poteva anche finire male. Invece la banda diAllegri ha tirato fuori gli attibuti nel momento più delicato con una Kakà in formato tempi d'oro e un Balotelliche finalmente ha ritrovato gol e sorriso. Visto che non capita tutti i giorni il diktat è guardare avanti e ripartire da qui, perchè la qualificazione agli ottavi decisamente alla portata, così come non è un'utopia il primo posto del girone. Incredibile ma vero. Attenzione però all'Ajax che tra due settimane non arriverà a 'San siro' in gita, forte anche del successo a sorpresa su un Barcellona non più illegale, specie senza Messi. Per Allegri è certamente una boccata di ossigeno e un'iniezione di fiducia ma ora servono conferme anche in campionato e al più presto. Classifica Gruppo H: Barcellona 10, Milan 8, Ajax 7, Celtic 3.

Benone anche la Juventus che ha dominato in lungo e in largo la decisiva sfida contro il Copenaghen. L'unico brivido non causato dal gelo di Torino è arrivato al momento del pari dell'ex Mellberg ma i bianconeri sono stati bravi a non lasciarsi prendere dal panico e a non farsi venire il braccino corto. Ci è voluta comunque una prova di grande personalità arricchita dalla super serata di Arturo Vidal, autentico trascinatore. Due rigori perfetti e un colpo di testa acrobatico per portarsi a casa il pallone e una fetta di qualificazione. Anche per i bianconeri però vietato distrarsi perchè in Turchia troveranno un Galatasaray all'ultima spiaggia e senza più nulla da perdere. Resta solo il rammarico per quei due punti persi in casa dei danesi che ad oggi avrebbero fatto la differenza. Ma con la tranquillità e la determinazione della Juventus che conosciamo gli ottavi saranno cosa fatta. Poi spazio alle certezze: davanti Tevez e Llorente affinano l'intesa e il recupero di Barzagli dietro sarà fondamentale. Gli intoccabili della mediana (PirloVidal Pogba) hanno 'costretto' alla panchina un certoMarchisio ma la sua importanza in bianconero è nota a tutti, soprattuto a Conte, che vuole gestirlo bene evitando innegabili malumori e sofferenze per chi veniva considerato una piccola bandiera. Classifica Gruppo B: Real Madrid 13, Juventus 6, Galatasaray 4, Copenaghen 4.

TONFO BARCA. IBRA C'E' - I marziani sembrano essere tornati sulla terra. Molti giustificano il fatto con l'assenza di Messi, altri con i nuovi dettami tattici di Martino non ancora ben assimilati da chi per anni ha dominato il mondo col 'Tiki-Taka'. Il Barcellona non è più irresistibile e adesso rischia anche il primo posto del girone (rischio seppur molto lontano). Ma quello che indubbiamente stupisce di più è la facilità perduta con la quale fino ad un anno fa ammazzava le partite. Resterà pur sempre la squadra più forte del mondo, si intenda, ma forse c'è chi ne ha scoperto più di un punto debole. In Francia invece c'è Ibrahimovic, il Napoleone del Psg ancora una volta si sente il più forte e non lo manda a dire. La squadra di Blanc ha raggiunto gli ottavi battendo a fatica l'Olympiacos con una rete di Cavani negli ultimi minuti ma la qualità dell'organico è di primissimo livello. Se poi ci mettiamo un Ibra (che ha assorbito la delusione mondiale) in formissima tutto diventa più facile. Ma adesso, paradossalmente, arriva il difficile per lo svedese dal mal di pancia facile. Nella sua carriera si è sempre sgonfiato sul più bello, al momento di fare il grande colpo quando contava. Lui inanto è lì anche quest'anno e non vede l'ora di prendersi finalmente la benedetta rivincita. Attenzione però a non fallire di nuovo, sarebbe imperdonabile e Ibra ne sa qualcosa. Una puntualizzazione sul Psg. Grande squadra, soprattutto nei singoli, sembra mancare ancora di quel qualcosina necessario per la grande affermazione. Le basi ci sono (chiedere allo sceicco e al suo portafoglio) ma per arrivare primi è necessario avere anche un pizzico di esperienza e malizia internazionale. Staremo a vedere. Classifica Gruppo C: Psg 13, Olympiacos 7, Benfica 7, Anderlecht 1.

AHIA NAPOLI (E MOU) - No Rafa, così non va (leggi l'intervista esclusiva di Cm.it sul Napoli a Pesarola). Arriva la terza sconfitta di fila del Napoli e adesso la qualificazione agli ottavi è davvero lontana. Contro il Dortmund si sapeva non sarebbe stato facile e gli azzurri possono solo rimproverarsi di non essere stati cinici al momento giusto. Alla lunga la squadra di Klopp (anche'essa in un momento di appannamento) è venuta fuori e le ripartenze hanno fatto male. Nell'ultima giornata non servirà un miracolo ma quasi. Male anche lo 'Special One'. Il suo Chelsea è apparso ancora una volta spuntato. Se pensiamo che tra Eto'o Torres sono state segnate soltanto tre reti in campionato lo score è da brividi. I 'Blues' vanno avanti grazie a chi i gol deve farli fare e così quando c'è una serata meno brillante la macchina si inceppa. Basilea ne è stata la conferma, fatale per Mourinho che comunque resta primo nel girone anche se adesso non sono più ammessi errori. Classifica Gruppo E: Chelsea 9, Basilea 8, Schalke 04 7, Steaua Bucarest 3.

CALCIATORE PIU' - In questa quinta giornata spicca la grande prestazione di Douglas Costa dello Shakhtar, che adesso si piazza al secondo posto del girone e crede negli ottavi. Più volte accostato anche al nostro campionato il brasiliano, che in estate ha rinnovato con gli ucraini, ha realizzato una doppietta di alta scuola nel 4-0 contro la Real Sociedad. Prima un sinistro all'incrocio telecomandato da posizione defilatissima poi un colpo di testa da attaccante vero. Non solo, perchè nell'arco dei 90 minuti si sono viste grandi giocate e accelerazioni fulminee. Qualcuno adesso si mangerà le mani. 

LA 'TOP 11' DELLA QUINTA GIORNATA - Reina (Napoli); Monreal (Arsenal), Evans (Manchester United),Zapata (Milan), Arbeloa (Real Madrid); Vidal (Juventus), Wilshere (Arsenal); Kakà (Milan), Mkhitaryan(Borussia Dortmund), Douglas Costa (Shakhtar), Rooney (Manchester United). All.: Moyes (Manchester United).

LO SAPEVATE CHE? - Lo sapevate che...Arturo Vidal è il rigorista capocannoniere di questa edizione con 4 centri. Rooney scavalca Di Maria nella classifica assist-man arrivando a quota 6. Il Psg è la squadra che ha completato il maggior numero di passaggi (3915), tre in più del Barcellona. Messi, Ronaldo o Ibra? No, chi ha concluso più volte nello specchio della porta è Hulk dello Zenit. La Juventus ha battuto il maggior numero di tiri dalla bandierina, 43. Seguono Porto (38) e Barcellona (36). Lo Zenit di Luciano Spalletti non perde in casa da novepartite, dal 3-2 contro il Milan nell'ottobre 2012. Con la vittoria sul Cska il Bayern ha stabilito il nuovo record di 10 vittorie consecutive in Champions League, dopo aver eguagliato il Barcelona nella stagione 2002/2003. 

TUTTI I RISULTATI DEL MARTEDI DI CHAMPIONS

TUTTI I RISULTATI DEL MERCOLEDI DI CHAMPIONS

USUFRUISCI DELLA FANTASTICA OFFERTA PADDY POWER E VINCI CON I NOSTRI PRONOSTICI!

 




Commenta con Facebook