• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus-Copenaghen, Conte: "Destino nelle nostre mani. A Istanbul partita calda, ma niente cal

Juventus-Copenaghen, Conte: "Destino nelle nostre mani. A Istanbul partita calda, ma niente calcoli"

Il tecnico ha commentato la vittoria interna contro i danesi


Antonio Conte (Getty Images)

28/11/2013 00:01

 

JUVENTUS COPENAGHEN CONTE / TORINO – Antonio Conte è visibilmente sorridente dopo la vittoria ai danni del Copenaghen: "Dovevamo vincere, e quando sei costretto a vincere non è mai facile. Ci siamo complicati un po' la vita sui calci piazzati e sui falli laterali dove loro hanno trovato il pareggio. La partita era stata preparata per sfruttare il gioco laterale e ci siamo riusciti. La squadra è stata brava a reagire dopo il pareggio, adesso è tutto in mano nostra e a Istanbul ci giocheremo la qualificazione sapendo che sarà una partita calda. La squadra aveva fatto bene in campionato prima dei 15 minuti di blackout contro la Fiorentina, dove è successo qualcosa di inspiegabile, ma questo è anche il bello del calcio che a noi ci è servito come sveglia. Dopo Firenze siamo stati bravi a rialzarci, anche se a Madrid abbiamo perso – le parole di Conte a 'Mediaset' - Il 3-5-2? Mi viene da sorridere, il nostro modulo è molto offensivo: noi rimaniamo con 3 difensori e attacchiamo con gli altri calciatori. Dove possiamo migliorare? Gli esterni devono migliorare nei cross e nell'uno contro uno. Padoin stasera ha fatto la sua parte, Asamoah è una certezza".

A 'Sky' il tecnico ha aggiunto: "Il nostro dna non ci permette di fare calcoli. Andremo ad Istanbul per fare la partita e vincerla, è l'unico modo che conosciamo perchè se ci mettiamo a fare dei calcoli faccimo danno. Se il Galatasaray sarà stato più bravo di noi, li applaudiremo al temrine della gara".




Commenta con Facebook