• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, Capelli ('Il Barone'): "Ecco cosa chiediamo come Curva Sud ai giocatori"

Milan, Capelli ('Il Barone'): "Ecco cosa chiediamo come Curva Sud ai giocatori"

Lo storico tifoso rossonero parla dopo la dura contestazione di sabato dopo il match col Genoa



25/11/2013 19:19

MILAN GIANCARLO CAPELLI BARONE CURVA SUD CONTESTAZIONE TIFOSI / MILANO - Giancarlo Capelli, detto 'Il Barone', è uno dei volti storici della Curva Sud del Milan. Intervenuto ai microfoni di 'Rtl', ha fatto chiarezza sulla dura contestazione dei tifosi in occasione di Milan-Genoa di sabato scorso:

FACCIA A FACCIA - "Di problemi ce ne sono tanti. Ultimamente non c’è più un capitano, alcuni giocatori non sono concentrati. Posso pensare a Balotelli, a Robinho, ma ci sono altri giocatori che bene o male non stanno svolgendo bene il loro compito. Anche gli stessi Kakà e Abbiati hanno detto, parlando col responsabile della curva Luca Luci, che ne hanno parlato tra di loro e che sanno bisogna cambiare metodo. Lo abbiamo visto anche noi in queste partite: quando abbiamo iniziato a contestare la squadra, a fare i cori, la squadra si è impegnata di più. L’altra sera, escluso il gol e il calcio di rigore poi sbagliato, non c’è stato impegno. Sono svogliati, c’è qualcosa che non va e noi abbiamo giustamente ritenuto di richiamare l’attenzione con alcuni cori abbastanza pesanti".

RETROSCENA -
"Vi dico anche questo: un mese fa noi siamo andati a Milanello e abbiamo parlato con tutta la squadra, dicendo che ci piaceva che si stavano impegnando, ci fossimo andati allora un po’ più forti magari avrebbero già agito diversamente".

CLICCA QUI PER LEGGERE LA NOSTRA INTERVISTA ESCLUSIVA A CAPELLI.

S.D.




Commenta con Facebook