• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > Serie A, Lippi sulla corsa Scudetto: "Nessuno come la Juventus, ma la Roma..."

Serie A, Lippi sulla corsa Scudetto: "Nessuno come la Juventus, ma la Roma..."

Il tecnico sulla crisi del Milan: "Priva di privarsi di certi dirigenti bisognerebbe pensarci bene"


Lippi (Getty Images)
Marco Di Federico

25/11/2013 10:06

LIPPI CHAMPIONS LEAGUE JUVENTUS EVERGRANDE SERIE A / CANTON (Cina) - Marcello Lippi è l'unico allenatore della storia ad avere vinto la Champions League in due Continenti diversi. Prima con la Juventus, poi con il Guanghzou Evergande, passando per il Mondiale con l'Italia: una carriera segnata dal successo per il mister viareggino. "Non c'è differenza tra vincere una Champions in Cina o con la Juventus, l'unica vittoria che è sopra tutte è quella del Mondiale in Germania: quella non è paragonabile con niente. - le parole del tecnico a 'Radio Anch'io lo Sport' - I risultati dicono che siamo la migliore squadra asiatica. Ci sono altre squadre forti, ma noi abbiamo fatto davvero qualcosa di importante. Abbiamo stranieri importanti ma la vera base del club è il gruppo di 7-8 cinesi che hanno creato l'ossatura della squadra. Adesso pensiamo alla Coppa del Mondo per Club del Marocco: possiamo anche vincere la prima ma poi abbiamo il Bayern Monaco, quindi è ragionevole pensare che sarà difficile andare avanti. Io non sono venuto in Cina solo per i soldi e qui lo hanno capito ed apprezzato".

SCUDETTO - "La Juventus è una potenza, ha una mentalità che non ha nessuno. Solo la Roma in questo inizio ha trovato le giuste sinergie. In questo contesto anche De Rossi ha ritrovato smalto, l'allenatore ha creato qualcosa di molto importante. Come la Juventus, però, non c'è nessuno. Non mi aspettavo di vedere lì il Milan, stanno sicuramente influendo motivi extra-calcistici. Fine di un ciclo? Priva di privarsi di certi dirigenti bisognerebbe pensarci bene".




Commenta con Facebook