• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Perin invalicabile, Marchetti svagato

IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Perin invalicabile, Marchetti svagato

Top e Flop della 13a giornata di Serie A secondo i voti dei nostri inviati


Mattia Perin (Getty Images)
Emiliano Forte

25/11/2013 09:03

PAGELLONE PERIN MARCHETTI IMMOBILE / MILANO – Dopo la sosta nazionali riecco la Serie A con la giornata numero 13 che ha visto la Juventus riconquistare la vetta in attesa del posticipo tra Roma e Cagliari. Grande protagonista del successo bianconero sul Livorno è stato lo spagnolo Fernando Llorente, autore di una splendida rete e dell'assist che è valso il 2-0 finale. Il Milan manca ancora una volta l'appuntamento con la vittoria e non va oltre l'1-1 con il Genoa: eroe del match il portiere rossoblu Perin, che para di tutto e di più compreso un rigore a Balotelli. Delude ancora Matri che non riesce a trovare la via del gol. La coppia El Kaddouri-Immobile fa felice il Torino che ne segna 4 ad un Catania che non riesce a ritrovarsi. Incerta anche la prova di Marchetti, che 'offre' ad una Samp in inferiorità numerica la palla del momentaneo 1-0.

 

TOP

5. Antonini (Genoa) – Sfodera una prestazione sopra le righe adattandosi alla perfezione al nuovo ruolo nella difesa a tre. Gioca nel suo ex stadio con grinta e personalità togliendosi una bella soddisfazione al cospetto di chi in estate ha deciso di non puntare più su di lui. Rivincita. VOTO 7,5

4. El Kaddouri (Torino) – Ventura lo lancia nel terzetto avanzato con Cerci ed Immobile e gioca una gran partita. L'intesa con i compagni di reparto è ottima ed il 23enne in prestito dal Napoli si esibisce in giocate di gran qualità. Arrivano anche i primi due gol in Serie A che completano una prova da incorniciare. Sorpresa. VOTO 7,5

3. Llorente (Juventus) - Protagonista assoluto del pomeriggio livornese. Lotta alla ricerca di spazi nell'affollata area amaranto, gioca di sponda per favorire i compagni e al momento giusto finalizza. Il gol lo trova con uno splendido destro al volo che s'infila sotto la traversa alla sinistra di Bardi. Poco dopo serve a Tevez un assist perfetto che l'Apache non spreca. Gigante. VOTO 7,5

2. Immobile (Torino) – Pericolo costante per la difesa avversaria con i suoi continui inserimenti; la sua prova sarebbe superlativa se non fallisse troppe occasioni da gol. Resta il fatto che con Cerci ed El Kaddouri forma un trio a tratti devastante. Imprendibile. VOTO 8

1. Perin (Genoa) – Neutralizza il rigore calciato da Balotelli e già questo basterebbe per meritare un bel voto. Ma il portiere rossoblu si supera e sfodera una serie di interventi provvidenziali che negano a più riprese il vantaggio ai rossoneri. Il prezioso punto raccolto dal Genoa a San Siro passa per i suoi guantoni. Felino. VOTO 8

 

FLOP

5. Livaja (Atalanta) – Partecipa poco alla manovra e quando ha l'occasione per rendersi utile spesso e volentieri perde l'attimo per servire i compagni. Non è d'aiuto a Denis che in area si trova a fronteggiare quasi da solo la difesa avversaria. Sbiadito. VOTO 4,5

4. Matri (Milan) – A furia di gol mancati e di prestazioni anonime, rischia di diventare il simbolo insieme al compagno di reparto Balotelli del momentaccio che sta attraversando tutto l'ambiente rossonero. Il tutto diventa ancora più difficile quando sulla strada del gol si incontra un Perin versione monstre. Malinconico. VOTO 4,5

3. Legrottaglie (Catania) – Con un errore ai limiti del tragicomico consente ad Immobile di involarsi verso la porta di Andujar e di firmare l'1-0. Per il resto della gara non riesce mai a trovare le misure giuste per arginare il tridente granata. Naufrago. VOTO 4,5

2. Kristicic (Sampdoria) – Dopo soli 20 secondi dall'inizio della ripresa perde la testa e commette un fallo tanto brutto quanto inutile su Ledesma. Rosso diretto e gara che a quel punto sembrava compromessa per i suoi. Sconsiderato. VOTO 4

1. Marchetti (Lazio) – La sua complicità in occasione del vantaggio blucerchiato è piuttosto evidente. Un errore che certifica il momento poco felice che sta vivendo tutta Lazio. Impallinato. VOTO 4




Commenta con Facebook