• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI LIVORNO-JUVENTUS

PAGELLE E TABELLINO DI LIVORNO-JUVENTUS

Llorente gol e assist. Emerson determinato. Male Marchisio


La Juventus festeggia (Getty Images)
Samuele Perotti

24/11/2013 18:35

PAGELLE E TABELLINO LIVORNO-JUVENTUS /LIVORNO – In attesa della gara della Roma di domani sera la Juventus torna in testa alla classifica grazie ad una prova intelligente e determinata. Al Livorno non basta la determinazione e l’applicazione tattica. Llorente fa molto lavoro sporco, segna un gran gol e serve l’assist del 2-0. Pogba è decisivo e inarrestabile mentre Vidal arretrato in difesa è sempre attento. Asamoah si accende nella ripresa mentre Marchisio è irriconoscibile. Tra i padroni di casa ottima prova di Emerson e Greco; il primo da solidità, il secondo qualità al centrocampo. Siligardi ci prova, mentre Emeghara è il peggiore in campo. 

LIVORNO

Bardi 6 – Nel rischia mai la presa ma si fa sempre trovare pronto sui tiri da fuori della Juventus. Incolpevole sulle reti ospiti.

Coda 6 – Cattivo e concentrato, cala nel finale e subisce lo strapotere fisico di Lllorente comunque salva il risultato chiudendo in scivolata un cross di Asamoah.

Rinaudo 6,5 – Dirige alla perfezione la difesa amaranto. Determinato sul suo uomo è sempre puntuale e attento in copertura. 

Ceccherini 5,5 – Sempre al limite, grazie ad una buona dose di fortuna non commette ingenuità. L’esperienza gli manca e così Llorente lo brucia in occasione del goal del vantaggio.  Dal 86’ Gemiti sv.

Schiattarella 6 – Asamoah ha un altro passo e per questo spesso soffre quando il ghanese lo punta. Appena ha l’opportunità però si butta in avanti cercando di creare qualcosa di buono. 

Luci 5,5 – Quello visto oggi non è il vero capitano livornese. Nervoso, attento in ripiegamento ma mai incisivo con il pallone tra i piedi. I problemi famigliari avranno sicuramente inciso.

Emerson 6,5 – Grazie alla sua esperienza si mette davanti alla difesa e non sbaglia mai. Attento a chiudere gli spazi, si mette in mostra anche per un paio di ripartenze palla al piede e per un bolide terminato di poco alto.

Greco 6,5 – Quando c’è da difendere e rincorrere i bianconeri non si tira mai indietro ma il meglio lo offre quando può attaccare gli spazi e illuminare il gioco amaranto con la sua visione di gioco.

Mbaye 5 – Gli manca la personalità giusta. Le doti, soprattutto atletiche ci sono, ma la tensione lo blocca gli fa commettere errori e lo annulla in fase propositiva. Dal 80’ Piccini sv

Siligardi 6 – Lotta, rincorre i bianconeri sin dentro la propria aria di rigore. In avanti fa molto movimento e soprattutto ad inizio ripresa cerca con qualche iniziativa personale di far male alla Juve ma sbatte con il muro ospite.

Emeghara 4,5 – Mai pericoloso sotto porta, sbaglia tutte le giocate anche le più semplici. Il feeling con i compagni è inesistente e lui si mette in luce solo per il supporto dato al centrocampo. Dal 72’ Borja sv

All. Nicola 6 – Il Livorno fa la partita che deve fare. Lui trasmette carica e concentrazione, ancora una volta gli manca un pizzico di fortuna. La fase offensiva è ancora troppo carente.

JUVENTUS

Buffon 6 – Festeggia la cinquecentesima presenza in Serie A dovendo svolgere solo la normale amministrazione. Da 5 partite non subisce goal.

Caceres 6 – Ancora una volta si dimostra di essere un ottimo uomo squadra. Ogni volta che Conte lo chiama in causa lui è attento e concentrato.

Vidal 6 – Arretrato per necessità in difesa non sbaglia un colpo. Gioca come se fosse un libero e compre le spalle ai compagni di reparto, senza disdegnare l’anticipo. 

Chiellini 6,5 – Il Livorno non fa paura e allora il centrale della nazionale cerca di creare superiorità numerica superando spesso la linea mediana palla al piede.

Padoin 6,5 – La Juve appoggia molto sulla destra e lui si fa trovare pronto con buone giocate e soprattutto un grande dinamismo.

Pogba 6,5 – Non brilla come al solito ma ai fuoriclasse basta una giocate per cambiare le sorti del match e lo la trova con lo splendido cross che Llorente trasforma nel goal del vantaggio. Da lì in avanti in scioltezza è inarrestabile.

Pirlo 6,5 – Nel primo tempo con la sua classe prova a trovare gli spazi con verticalizzazioni, cross e azioni personali. Quando c’è da fermare le ripartenze del Livorno lo fa con le buone o con le cattive.

Marchisio 5 – Un altro giocatore rispetto a quello delle ultime stagioni. Non attacca gli spazi, si fa trovare fuori posizione spesso quando il Livorno attacca e soprattutto si limita a giocate scolastiche. 

Asamoah 6,5 – Nei primi quarantacinque minuti di gioco la Juve lo cerca poco e lui prova a sbloccare la partita con azioni personali. Nel secondo tempo cambia marcia e avvia l’azione dell’1-0. Dal 87’ Peluso sv.

Tevez 6 – La mancanza di spazi fa si che giochi girando alla larga dall’aria di rigore. Nella ripresa cresce, cerca il dribbling e si fa trovare pronto sull’appoggio di Llorente. Dal 80’ Quagliarella sv.

Llorente 7,5 – Lo spagnolo è il migliore in campo. Nel primo tempo lotta contro i difensori toscani e sfiora il goal di testa. Nella ripresa esplode: viene incontro e smista molte palle sulle fasce, sblocca il march con un bel tiro al volo da bomber vero e serve a Tevez l’assist che chiude il match. Dal 80’ Vucinic sv.

All. Conte 6,5 – La sua squadra era in piena emergenza ma con calma ed intelligenza ha saputo aspettare il momento giusto per trafiggere il Livorno. Non molla mai anche a partita chiusa.

Arbitro: Davide Massa 5,5 – Fino al 55’ arbitra alla perfezione. Concentrato, sempre vicino all’azione poi però perde il filo del discorso e commette qualche errore, compreso il rigore non assegnato alla Juventus al 57’ per fallo di mano di Ceccherini.

TABELLINO

LIVORNO-JUVENTUS 0-2

LIVORNO (3-5-2): Bardi; Coda, Rinaudo, Ceccherini (86’ Gemiti); Schiattarella, Luci, Emerson, Greco, Mbaye (80’ Piccini); Siligardi, Emeghara (72’ Borja). Allenatore: Nicola. 

JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Caceres, Vidal, Chiellini; Padoin, Pogba, Pirlo, Marchisio, Asamoah; Tevez (80’ Quagliarella), Llorente (80’ Vucinic). Allenatore: Conte. 

Arbitro: Massa di Imperia

Marcatori: 63’ Llorente (J), 75’ Tevez (J).

Ammoniti: 39’ Mbaye (L), 46’ Siligardi (L), 53’ Greco (L), 72’ Asamoah (J), 77’ Luci (L).




Commenta con Facebook