• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, Mazzarri medita una rivoluzione in difesa: "Ci sto lavorando"

Inter, Mazzarri medita una rivoluzione in difesa: "Ci sto lavorando"

Le parole dell'allenatore aprono ad una possibile soluzione alternativa nel reparto arretrato



23/11/2013 18:02

INTER INTERVISTA MAZZARRI / MILANO – Dopo la solita conferenza stampa alla vigilia della gara con il Bologna, Walter Mazzarri si è concesso anche ad ‘Inter Channel’. L’allenatore nerazzurro ha rilasciato nuove dichiarazioni soffermandosi, su richiesta dei cronisti, sui pericoli insiti nella sosta per le Nazionali e su qualche possibile ‘escamotage’ che potrebbe risultare utile vista l’emergenza in difesa. Ecco le sue parole: “Anche Torino-Inter si giocò dopo le Nazionali. Sbagliammo l’approccio mentre il Torino fece una grande partenza, poi giocammo molto bene, ma è stato un caso".

EMERGENZA DIFESA - Sui centrocampisti adattati in difesa Mazzarri non è convintissimo: "Cambiasso è una buona soluzione ma anche Zanetti è perfetto perchè si adatta ovunque. Mettere un centrocampista in difesa comunque non è semplice, bisogna fare attenzione perchè poi basta un errore per prendere gol. Diciamo che per farlo dovrei essere proprio costretto. Mudingayi potrebbe essere una soluzione, ma devo lavorarci".

LA LETTERA DELLA TIFOSA - Gli viene poi letta una lettera rivolta allo stesso Mazzarri, in cui una tifosa nerazzurra dice al tecnico di essere ‘orgogliosa di averla con noi’: “Mi piacciono questi attestati di stima. Lavoro tutti i giorni per la causa dell’Inter ed è bello che venga riconosciuto il mio lavoro, così come quello dei miei collaboratori e di tutta la società. Ringrazio la tifosa che ha scritto la lettera”.

A.P.




Commenta con Facebook