• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > Europei Under 21, SPECIALE qualificazioni: Italia, nella tana della Serbia

Europei Under 21, SPECIALE qualificazioni: Italia, nella tana della Serbia

La selezione guidata da Di Biagio si trova davanti a un ostacolo davvero importante ai fini del passaggio del turno


Il CT Di Biagio (Getty Images)
Hervé Sacchi

19/11/2013 14:00

QUALIFICAZIONI EUROPEI UNDER 21 SPECIALE SERBIA ITALIA FORMAZIONI / ROMA - La sconfitta nel corso della prima giornata contro il Belgio aveva messo in preallarme un po' tutti: l'Italia cade rovinosamente in casa contro il Belgio e il rischio di una mancata qualificazione inizia ad insinuarsi fin da subito. Prime avvisaglie per Gigi Di Biagio di una nuova responsabilità, un nuovo compito - subito in salita - alla guida degli 'azzurrini'. I conti si fanno alla fine, e alla fine non siamo ancora arrivati. Ma a metà del percorso, i pensieri nefasti sono stati messi da parte. Il successo in Belgio ha riaperto tutti i giochi, ma per rendere alla portata la qualificazione ai playoff serve una vittoria in Serbia. Attenzione che proprio il Belgio è stato fermato sul 2-2 dalle 'Aquile Bianche' e, dunque, bisogna andare coi piedi di piombo. Tale pareggio favorisce la rincorsa dell'Italia - e rallentato l'incalzante Serbia - ma prima di mettere nel mirino il primo posto bisogna ottenere i tre punti dalla gara odierna.

TEMPO DI CERTEZZE - Man mano che passano le settimane, la nebbia di dubbi si dissolve lentamente. I giovani stanno iniziando ad acquisire esperienza. La difesa funziona bene, forse c'è ancora da registrare qualche meccanismo davanti, ma si può essere ottimisti. Ciò che è certo, è che contro la Serbia servirà una prestazione non normale. Per molti si parla di impresa. Campo piccolo ma caldo, quello di Gornji Milanovac, capace di far ribollire di passione i circa quattro mila presenti che assieperanno gli spalti. Per gli azzurrini sarà una prova di maturità, o almeno è questo che tende a sottolineare Di Biagio, certo che, al di là del risultato, questa partita servirà al suo gruppo per tornare in Italia con un bagaglio ricco di esperienza.
A livello di formazione, il c.t. dovrebbe cambiare qualcosa. Probabile l'utilizzo di un 4-2-3-1 con Viviani e Baselli davanti alla difesa e con il terzetto Battocchio-Fossati-Molina a supporto di Belotti. Solo panchina per Rozzi. Non sarà della gara invece Benassi, bloccato da un problema al polpaccio.

ITALIA (4-2-3-1)
: Bardi; Zappacosta, Antei, Bianchetti, Biraghi; Viviani, Baselli; Battocchio, Fossati, Molina; Belotti.

L'AVVERSARIO - Di grande tradizione, la scuola calcistica serba è una delle più floride di tutta Europa. Tanti i giovani lanciati nei campionati nazionali e che, evidentemente, si sono affermati ad ogni latitudine continentale. Ed è proprio questo il pericolo maggiore per la giovane e poco esperta selezione italiana, perché il c.t. Slobodan Krcmarevic ha chiamato i rinforzi. A sua disposizione ci sarà ad esempio Matija Nastasic, ex Fiorentina attualmente in forza al Manchester City. Dalla Nazionale maggiore, arrivano anche i due giocatori del Benfica, Djuricic e Markovic, più l'attaccante dell'Anderlecht, Mitrovic. Tutta gente che, in questa stagione, sta disputando la Champions League.
A livello di formazione, anche la Serbia dovrebbe attuare un 4-2-3-1 che si avvale di due interditori - Brasanac e Causic - i quali dovranno coprire le sortite offensive dei vari Markovic e Djuricic. Tante le assenze, prima fra tutte quella di Srdjan Mijailovic, talentuoso centrocampista classe 1993 in forza al Kayserispor del quale abbiamo già parlato in passato.

SERBIA (4-2-3-1)
: Dmitrovic; Petkovic, Nastasic, Spajic, Petrolic; Brasanac, Causic; Markovic, Johic, Djuricic; Mitrovic. 




Commenta con Facebook