• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT, Nazionali: i promossi e bocciati

IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT, Nazionali: i promossi e bocciati

Migliori e peggiori delle partite internazionali disputate in settimana


Sanchez (Getty Images)
Simone Bennici

16/11/2013 09:48

AMICHEVOLI E QUALIFICAZIONI MONDIALI PAGELLONE / ROMA – Tante le partite, alcune fondamentali altre no, e tanti anche i giocatori che hanno impressionato, in positivo e non. Tra i 'Top' troviamo Cristiano Ronaldo, in goal contro la Svezia, e A. Sanchez . Tra i 'Flop' Koscielny ed Ibrahimovic, vagabondo in campo.


TOP 5

5° Falcao (Colombia) - Il migliore in campo senza dubbio contro il Belgio. Attacca, difende e segna anche un bel goal smarcando il portiere nell'1 contro 1. Prestazione da leader la sua, che conferma i 'Cafeteros' come una delle più pericolose nazionali ai prossimi mondiali brasiliani. LEONE. VOTO 7

4° Abate (Italia) – Nella migliore partita da quando gioca in nazionale, il terzino mette in rete la sua prima marcatura azzurra regalando il pareggio all'Italia. Tanta corsa e spirito di sacrificio, che non passeranno inosservati agli occhi del ct Prandelli. BALUARDO. VOTO 7

Zozulya (Ucraina) – Sua la segnatura che manda in estasi i propri tifosi al 61'. Senza dubbio merita di essere citato in questa nostra speciale classifica, dato che proietta quasi sicuramente i suoi al mondiale del 2014, salvo un suicidio in Francia nella partita di ritorno. DECISIVO. VOTO 7,5

2° Cristiano Ronaldo (Portogallo) – Sbuffa per gran parte del match senza avere mai un pallone giocabile. Ma a 9' dal termine, alla prima palla buona ricevuta, infila di testa Isaksson facendo esplodere lo stadio di casa. Ci riprova nuovamente 4' dopo colpendo in pieno la traversa, sempre di testa. Una vera e propria notte da leoni per 'CR7'. MATTATORE. VOTO 7,5

1° A. Sanchez (Cile) – Come Salas 15 anni fa, il 'Niño Meravilla' firma la doppietta che disintegra letteralmente un'irriconoscibile Inghilterra. La prima rete è di testa in anticipo sul difensore, mentre la seconda è un cucchiaio di pregevole fattura che affonda letteralmente gli uomini di Hodgson. Quando gioca con continuità e fiducia, come in questo periodo, è in assoluto uno dei migliori attaccanti al mondo. DEVASTANTE. VOTO 8

 

FLOP 5

5° Goetze (Germania) – Loew lo schiera come falso nueve, ma il talento del Bayern Monaco non incide sulla gara, soffrendo la fisicità dei centrali italiani. Corre tanto, troppo forse, e questo lo penalizza molto. Sempre troppo lontano dalla porta e mai lucido come dovrebbe. SPENTO. VOTO 5

4° Barzagli (Italia) – Un match complicato che mette in mostra dei preoccupanti limiti. Colpevole di essere rimasto letteralmente immobile sul calcio d’angolo che porta al goal di Hummels, non brilla come suo solito. Esce poi per infortunio a metà della ripresa. SPAESATO. VOTO 4,5

3° Cahill (Inghilterra) – In una serata complicata per i difensori, non si salva neanche lui. Interventi goffi e sempre tardivi, che gli costano anche un cartellino giallo, lo fanno apparire come un pesce fuor d'acqua. Dov'è finito quel giocatore che aveva impressionato con prestazioni di livello fino a poco tempo fa? DISPERSO. VOTO 4,5

2° Ibrahimovic (Svezia) – Da chi punta a vincere il Pallone D'Oro e la Champions League ci si aspetta sicuramente di più. Servito poco e male dai suoi compagni, in un match che avrebbe dovuto vederlo protagonista, non fa niente per cercare di creare problemi alla difesa avversaria. Rantola nel buio per tutta la partita. IMPALPABILE. VOTO 4,5

1° Koscielny (Francia) – La follia compiuta nei minuti finali, una manata in pieno viso rifilata a Kucher, gli costa un rosso sacrosanto e alquanto futile. Gioca una match pessimo, come il resto della sua squadra, che a questo punto salvo miracoli sarà probabilmente fuori dai prossimi mondiali sud-americani. INAFFIDABILE. VOTO 4




Commenta con Facebook