• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > SPECIALE CM.IT - Tutti gli stadi del mondo: 'San Siro' e l''Olimpico'

SPECIALE CM.IT - Tutti gli stadi del mondo: 'San Siro' e l''Olimpico'

La rubrica di Calciomercato.it che vi porta a conoscere da vicino gli impianti calcistici piu' belli ed affascinanti


1 di 5
Il 'Giuseppe Meazza' (Getty Images)
'San Siro' (web)
Lo stadio 'Olimpico' (Getty Images)
'Olimpico' (Getty Images)
il vecchio 'San Siro' (web)
Jonathan Terreni

14/11/2013 12:23

VIDEO - SPECIALE STADI NEL MONDO / ROMA - "Fede è andare allo stadio quando puoi vedere la partita in televisione" diceva il grande Dino Risi. Perchè lo stadio è passione. Lo stadio è aggregazione, gioie e sofferenze. E' quel luogo magico dove chi ama lo sport e il calcio viene ogni volta percorso da un brivido di emozione. 'Tutti Gli stadi del mondo' è la nuova rubrica di Calciomercato.it che vi porta alla scoperta degli impianti più belli, ripercorrendone la storia, le partite più affascinanti e le curiosità. Nel primo appuntamento il 'Giuseppe Meazza' di Milano, la 'Scala del calcio' e l''Olimpico' di Roma.

LA SCALA DEL CALCIO 

Nome: GIUSEPPE MEAZZA

Indirizzo: via dei Piccolomini 5, 20151 Milano

Capienza: 81.277 spettatori

Dimensioni terreno: 105x68 m

Proprietario: Comune di Milano

Classe UEFA: Elite, 4 stelle

Il 'Giuseppe Meazza' è forse lo stadio più emozionante che abbiamo in Italia, per storia fascino e bellezza. Intitolato all'ex leggenda di Inter e Milan, campione del mondo con la Nazionale nel '34 e nel '38 e scomparsa nel 1979 lo stadio portava fino a quell'anno il nome di 'San Siro' (zona nei pressi dell'impianto), nome che tutt'oggi vive e che più comunemente viene usato per ricordare lo stadio meneghino. I lavori (la pista non è mai stata presente) di costruzione della 'Scala del Calcio' iniziarono nel 1925 grazie all'apporto dell'allora presidente del Milan Piero Pirelli. Il 19 settembre 1926 avvenne l'inaugurazione ufficiale con la disputa di una partita amichevole tra Inter e Milan terminata 6-3. Mentre i rossoneri, proprietari dello stadio, giocavano le proprie partite casalinghe nel nuovo impianto i nerazzurri iniziarono a farlo solo a partire dal 1947, dodici anni dopo che il Comune di Milano lo acquistò dal Milan. Molti i lavori di ristrutturazione e rinnovamento. Dal 1939 le tribune dello stadio sono continue e uniformi sui quattro lati e così la capienza ufficiale sale a 55.000 posti. Il secondo anello prese vita solo nel 1955 e la capienza tocca la quota di 90.000 posti, ridotti poi a 85.000 qualche anno dopo (76.400 nel 1986) per motivi di sicurezza dopo la morte di un giovane tifoso nel 1958 in occasione di Milan-Fiorentina. Il 1967 è l'anno del primo tabellone elettronico. Infine di grandissima importanza le modifiche in occasione del Mondiale italiano del 1990, quando venne costruito il terzo anello e la copertura dell'intero impianto. I più attenti si ricorderanno come prima del 2006 le squadre entrassero sul terreno di gioco dal lato nord-ovest, attraverso il famoso tubo di gomma estendibile, ingresso sostituito dal tunnel sotterraneo spostato ad oggi sotto la tribuna centrale. Nel 2009 il 'Times' lo ha classificato secondo tra gli stadi più belli al mondo. I settore dei tifosi caldi dell'Inter è il secondo anello verde mentre i supporters rossoneri nella curva opposta (blu).

DA RICORDARE - Tre le finali della Coppa Campioni (o Champions League) disputate a 'San Siro': Inter- Benfica 1-0 (27 maggio 1965); Feyenoord-Celtic 2-1 (6 maggio 1970); Bayern Monaco-Valencia 5-4 dcr (23 maggio 2001). In tre occasioni su quattro finali di Coppa Uefa era presente l'Inter ('91, '94, '97), l'altra fu il ritorno di Juventus-Parma del 1995. Poi ci sono le partite della Nazionale: nel mondiale del 1934 l'Italia disputò qui la semifinale con l'Austria vinta 1-0 poi si giocarono anche Svizzera-Paesi Bassi negli ottavi e Germania-Svezia per i quarti. Nell'Europeo 1980 Italia-Spagna del Gruppo B finì 0-0. Ma è a 'Italia '90' che si giocò il maggior numero di partite, protagonista dal Germania Ovest (Argentina-Camerun 0-1; Germania Ovest-Jugoslavia 4-1; Germania Ovest-Emirati Arabi Uniti 5-1; Germania Ovest-Colombia 1-1; Germania Ovest-Paesi Bassi 2-1; Germania Ovest-Cecoslovacchia 1-0). Lo stadio ha ospitato anche due incontri internazionali della Nazionale italiana di rugby: nel 1988 contro la Romania ma soprattutto e il 14 novembre 2009 contro la Nuova Zelanda con un'affluenza di 80.000 spettatori.

SOLO PER GLADIATORI

Nome: STADIO OLIMPICO

Indirizzo: Foro Italico, 00135 Roma

Capienza: 73.261 spettatori

Dimensioni terreno: 105x68 m

Squadre: Roma, Lazio

Proprietario: CONI

Classe UEFA: Elite, 4 stelle

Lo stadio 'Olimpico' è il principale impianto sportivo di Roma, secondo per capienza in Italia solo al 'Giuseppe Meazza'. Di proprietà del CONI sorge all'interno del complesso sportivo del Foro Italico e ospita le partite casalinghe di Lazio e Roma. Progettato da Del Debbio nell'ambito del più ampio progetto della 'Città dello Sport', i lavori per la costruzione iniziarono nel 1927 ed il primo nome fu 'Stadio dei Cipressi', lavori che si interruppero nel 1940 a causa dello scoppio della guerra. Nel 1953 si riaprì il cantiere per il completamento dello stadio ma a causa della scarsità di fondi i progetti furono modificati. Si raggiunse la capienza di circa 100.000 spettatori (da qui 'Stadio dei Centomila', con la quale l'impianto fu chiamato prima del 1960), in vista dei Giochi Olimpici. Lo stadio venne inaugurato il 17 maggio 1953 con la partita tra Italia e Ungheria. Il maggior numero di spettatori paganti, pari a 79.414 fu raggiunto il 18 gennaio del 1981 in occasione della gara di campionato Roma-Juventus. In vista dei Mondiali di calcio di Italia '90, dei quali l''Olimpico' era lo stadio principale, l'impianto fu oggetto di notevoli interventi di ristrutturazione perchè fu quasi interamente demolito e ricostruito in cemento armato, ad eccezione della Tribuna Tevere, ampliata. La principale caratteristica di questo stadio è la sua sorprendentemente bassa elevazione da terra ottenuta sfruttando la forma naturale a conca del terreno circostante. Una critica mossa negli anni allo stadio fu l'eccessiva lontananza delle curve dal campo di gioco a causa della pista da atletica (ricordiamo che lo stadio è teatro di grandi manifestazioni internazionali anche in ambito dell'atletica leggera), tant'è che furono avvicinate al campo di nove metri e corredati dal 1987 da due maxischermi. Ma i principi secondo i quali il precedente stadio era stato pensato e costruito furono stravolti con l'innalzamento delle gradinate e la realizzazione della copertura. Nel 2007 è stato avviato un vasto piano di restyling riguardante l'interno dello stadio, tra cui l'adeguamento di spogliatoi e della sala stampa, la sostituzione dei sedili, l'arretramento delle panchine, la parziale rimozione delle barriere tra gli spalti e il terreno di gioco e una riduzione dei posti fino alla capienza attuale. Il tifo organizzato laziale abita nella Curva Nord. La Sud è il settore principale dei tifosi giallorossi.

DA RICORDARE - Molti i match da ricordare e che hanno fatto storia. La doppia finale Italia-Jugoslavia dell'Europeo 1986 con la vittoria azzurra. La finale Germania Ovest-Belgio di 'Euro 1980' oltre a tre gare dei Gironi A e B. Casa principale di 'Italia '90': Italia-Austria 1-0; Italia-Stati Uniti 1-0; Italia-Cecoslovacchia 2-0; ottavi di finale Italia-Uruguay 2-0; Italia-Irlanda 1-0 quarti di finale, Germania Ovest-Argentina 1-0 finale con 70.000 spettatori. 4 le finali di Coppa Campioni/Champions League: 1976/1977 Liverpool-Borussia Mönchengladbach 3-1; 1983/1984 Roma-Liverpool 1-1 con la sconfitta giallorossa ai calci di rigore (giallorossi che poi si rifaranno festeggiando proprio in casa contro il Parma il terzo Scudetto il 17 giugno 2001); 1995/1996 gioia italiana con la Juventus che batte l'Ajax ai rigori e conquista la sua seconda Coppa dei Campioni. Ultima in ordine di tempo quella del 2008/2009 tra Barcellona e Manchester United (2-0 Eto'o, Messi). Nel 2012 e nel 2013 la Nazionale italiana di rugby ha disputato all''Olimpico' le gare interne del Sei Nazioni.




Commenta con Facebook