• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > Calcioscommesse: proroga delle indagini per Mauri, Conte e Criscito

Calcioscommesse: proroga delle indagini per Mauri, Conte e Criscito

La decisione e' firmata dal Pm Fabio Saponara. Sarebbero emersi "ulteriori indizi"


Il PM Di Martino (Getty Images)
Matteo Torre (twitter: @torrelocchetta)

11/11/2013 12:39

CALCIOSCOMMESSE MAURI CONTE CRISCITO PROROGA / ROMA - L'incidente probatorio da più di 200 persone (tra indagati, possibili parti lese e interessate) prenderà il via il prossimo 10 dicembre. A poco meno di un mese, la Procura di Cremona stringe i tempi nell'inchiesta sul Calcioscommesse. Come si legge su 'gazzetta.it', gli inquirenti cercano materiale scottante nei pc, telefonini e tablet sequestrati, risalendo anche ai file cancellati, mail comprese. Serviranno dei mesi, ma nel frattempo dovrebbero essere individuati tutti i contatti di mister X, l'uomo dai risultati sicuri a pochi minuti dall'inizio delle gare.

MAURI, CONTE, CRISCITO - La Procura scrive che su Stefano Mauri sarebbero emersi "ulteriori indizi, rispetto al'originaria richiesta di misura, costituiti da ulteriori collegamenti con indagati di grande spessore, recentemente iscritti". Nel calcio italiano le combine continuerebbero anche dopo l'esplosione di questo scandalo, e il Pm conclude: "Sono stati identificati alcuni personaggi che tenevano i contatti tra il sodalizio e dirigente delle squadre si serie A. E sono in corso di accertamento i legami di questo soggetto in riferimento alla manipolazione delle partite, con accertamenti fondamentali sui tabulati". 'La Repubblica' riferisce che il Pm Fabio Saponara avrebbe notificato a Mauri, Mimmo Criscito e Antonio Conte la proroga delle indagini, e avrebbe loro sequestrato, nonché ad altre persone, apparecchiature informatiche nel tentativo di recuperare email cancellate.




Commenta con Facebook