• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Palermo > Sergio Lancini su Andrea Belotti

Sergio Lancini su Andrea Belotti

Il procuratore della punta del club di viale del Fante, autentica sorpresa del campionato cadetto, ai microfoni di Calciomercato.it


Belotti (Getty Images)
Giorgio Elia

11/11/2013 11:43

CALCIOMERCATO PALERMO ESCLUSIVO AGENTE BELOTTI / PALERMO - "Dopo la partita Andrea era euforico. Il ragazzo non stava nella pelle felice per la prestazione offerta e per la rete realizzata. Quando indossava la maglia dell'Albinoleffe aveva segnato in un derby contro il Brescia, ma il gol contro il Trapani gli ha regalato un'emozione unica. La cosa che lo ha lasciato esterrefatto è stato poi il calore dello stadio e la grande presenza di tifosi, tutti aspetti che lo hanno caricato e che gli hanno permesso di esprimersi nel migliore dei modi". Emozioni uniche dunque quelle provate dall'attaccante del Palermo Andrea Belotti a segno del derby di sabato contro il Trapani, con il suo agente Sergio Lancini che ai microfoni di Calciomercato.it conferma il grande impatto emotivo sul suo assistito della vittoria dei rosanero nell'ultimo turno. 

PIU' INTRAPRENDENTE - "L'assist a Lafferty? Quella è una giocata che Andrea ha nelle sue corde, con la grande potenza in suo possesso che gli permette di partire in progressione palla al piede puntando da solo la porta avversaria per concludere o regalare suggerimenti interessanti ai compagni. Contro il Varese non era riuscito a lasciare il segno non mettendo in mostra tutta la sua voglia e determinazione. Dopo la partita avevamo parlato di questo aspetto e l'ho invitato a esser più intraprendente provando tutto ciò che è in grado di fare e nel derby con il Trapani ha messo in mostra tutto il suo repertorio. Il rammarico per l'assenza contro la Reggina esiste sicuramente considerato che spesso il ferro va battuto finché è caldo, ma vestire la maglia azzurra dell'Under 21 resta pur sempre un motivo di grande orgoglio".

SHEVA E VERRE - Belotti non ha mai nascosto la sua passione per il Milan, con Shevchenko suo punto di riferimento e modello. Lancini svela un retroscena interessante legato al suo assistito: "Ho sempre consigliato ai miei ragazzi di guardare un gran numero di partite osservando nello specifico i movimenti di un giocatore, per cercare di carpirne i segreti rubando i segreti del mestiere. Andrea lo ha fatto con Shevchenko vero e proprio idolo per lui, con alcune giocate da lui provate che ricordano in parte le movenze dell'ucraino. Ambientamento precoce? I compagni hanno legato fin da subito con lui, facendolo sentire a suo agio fin dal primo giorno. Un ruolo importante lo ha giocato anche Verre con il quale esisteva fin da prima un ottimo rapporto per l'esperienza in Nazionale. I due abitano non distanti l'uno dall'altro e il rapporto a Palermo si è intensificato. Andrea è pur sempre un ragazzo alla prima esperienza lontano da casa e ha trovato in Verre un amico vero con il quale confrontarsi".

PERINETTI, NAPOLI E SAMP - Lungimirante il Palermo nel bruciare sul tempo le concorrenti alla corsa a Belotti, per il quale si erano mossi in estate club della massima serie: "E' vero il ragazzo gode della stima dei dirigenti del Napoli e della Samp, ma il Palermo è stato il club che ha dimostrato più di tutti di voler puntare su di lui. Perinetti lo ha fatto seguire con grande frequenza e costanza e non ha mai mollato la presa, dimostrando di volerlo con se a rutti i costi. Decisivo è stato anche l'intervento del presidente Zamparini che ha permesso che la trattativa andasse in porto, mostrando anche lui grande fiducia nelle doti del ragazzo. L'operazione condotta dal Palermo è stata l'ennesima certificazione dello spessore del direttore Perinetti, tra i migliori nel suo ruolo in circolazione. Il futuro? Il Palermo può godere di un diritto di riscatto della metà del cartellino. Se dovesse esercitarlo, Belotti vestirebbe il rosanero anche per la prossima stagione. Lui ha tutta l'intenzione di ripagare la fiducia della società con l'obiettivo di poter dire la sua anche nella massima serie con la maglia del Palermo".




Commenta con Facebook