• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter-Livorno, Mazzarri: "Zanetti e' bionico. Non guardo Juventus-Napoli"

Inter-Livorno, Mazzarri: "Zanetti e' bionico. Non guardo Juventus-Napoli"

Il tecnico nerazzurro analizza il 2-0 inflitto agli amaranto


Walter Mazzarri (Getty Images)
Silvio Frantellizzi (Twitter: @SilFrantellizzi)

10/11/2013 00:10

INTER LIVORNO MAZZARRI ZANETTI JUVENTUS NAPOLI/ ROMA - Al termine di Inter-Livorno, Walter Mazzarri è intervenuto ai microfoni di 'Sky Sport' per commentare il 2-0 con il quale i nerazzurri hanno battuto gli amaranto. Impossibile per il tecnico non rendere omaggio a Javier Zanetti, tornato a giocare dopo un infortunio che lo ha tenuto sei mesi fuori dal campo.

ZANETTI - "Zanetti ha qualcosa di speciale, è un campione di livello mondiale - ha dichiarato Mazzarri - Alla sua età è increbile entrare in campo con quella scioltezza, è bionico!".

MORATTI - "Moratti è stato tutto il giorno con noi ieri durante gli allenamenti e si è divertito. Ha detto anche due parole alla squadra per caricarla prima della partita perché ce n'era bisogno in quanto dovevamo affrontare un avversario difficile come il Livorno. Non abbiamo visto cambiamenti, si comporta come sempre".

SOFFERENZA - "Avevo un grande rispetto per il Livorno, ho detto anche a Nicola che giocano molto bene e non lasciano spazi agli avverari. Questa sera ci hanno fatto soffrire, complimenti a loro. Per come abbiamo giocato contro Verona e Udinese oggi non eravamo brillanti".

JUVENTUS-NAPOLI - "Juventus-Napoli? Giuro, io non guardo gli altri perché sono impegnato a far crescere i nostri giovani. Se vogliono essere campioni devono prendere esempio da Zanetti, da come si è comportato entrando oggi in campo nel finale di gara".

OCCASIONI - "Bisogna dare i meriti al Livorno che non ci ha lasciato spazi. A volte abbiamo giocato meglio come contro il Cagliari senza vincere, stasera abbiamo giocato meno bene ma è arrivata una vittoria".

FIDUCIA - "Se arriviamo in area di rigore con tanti giocatori riusciamo a mettere in difficoltà gli avversari e a trovare il gol. Nel primo tempo è stato un monologo nostro per quanto riguarda il possesso palla anche se ci è mancato l'ultimo passaggio".

CENTROCAMPO - "Kovacic è giovane, quasi un ragazzino: deve imparare ad essere più cinico ma ha il tempo dalla sua parte. Alvarez oggi non era brillante come al solito anche perché aveva preso una botta. Guarin ha una progressione che spacca le partite: tutti e tre possono ancora crescere"

 




Commenta con Facebook