• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus, Pirlo: "Il Napoli e' diverso. Ecco a chi darei il Pallone d'Oro"

Juventus, Pirlo: "Il Napoli e' diverso. Ecco a chi darei il Pallone d'Oro"

Domenica sera i bianconeri ospiteranno allo 'Stadium' Higuain e soci nel big match della 12a giornata


Pirlo in azione (Getty Images)
Giorgio Musso (Twitter: @GiokerMusso)

08/11/2013 21:17

JUVENTUS NAPOLI PIRLO / TORINO - Fuori i secondi. La Juventus ospiterà domenica il Napoli nel big match della dodicesima giornata di Serie A. Le due antagoniste distano a tre lunghezze dalla Roma capolista, che ha favorevolmente 'sorpreso' Andrea Pirlo: "Una vittoria ci servirà per restare attaccanti ai giallorossi. Non mi aspettavo che vincessero tutte queste partite, però sapevo che era una formazione competitiva - ha sottolineato il regista bianconero a 'Sky Sport' - Il Napoli è una squadra diversa: adesso cercano un gioco più offensivo, mentre prima puntavano soprattutto sulle ripartenze. Ma è normale: hanno un allenatore e dei giocatori diversi. Higuain mi ha impressionato in positivo, è un attaccante completo".

TURNOVER - "Vivo bene il turnover, siamo in tanti e ci sono molto partite da giocare. Io vorrei essere sempre in campo, come gli altri, però se vuoi rendere al meglio ogni tanto bisogan rifiatare. Conte e Ancelotti? Sono due allenatori bravissimi, che giocano però in maniera diversa".

PALLONE D'ORO - "Mi fa piacere essere in mezzo a così tanti campioni. E' un orgoglio essere l'unico italiano nella lista del Pallone d'Oro. Il mio favorito? Lo darei a Ribery: ha fatto vedere le cose migliori quest'anno e ha vinto anche tanto col Bayern".

POGBA - "Ha tutto per diventare il migliore al mondo nel suo ruolo. Ha forza, qualità e segna anche tanto. E' giovane, quindi può crescere ancora molto".

MILAN - "Quando ho lasciato il Milan eravamo alla fine di un ciclo, c'era bisogno di un ricambio generazionale. Hanno tanti giovani, è normale un periodo di transizione. Anche la scorsa stagione era partiti male: poi, nel girone di ritorno, hanno recuperato in classifica".




Commenta con Facebook