• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > Serie A, Prandelli: "Juventus grande con il Real, ma Benitez ha un euroNapoli. In 5 per lo Scud

Serie A, Prandelli: "Juventus grande con il Real, ma Benitez ha un euroNapoli. In 5 per lo Scudetto"

Il ct su Tevez ed Higuain: "Sono dei trascinatori mostruosi"


Cesare Prandelli (Getty Images)

08/11/2013 08:52

JUVENTUS NAPOLI PRANDELLI MONDIALI ITALIA / TORINO - Juventus-Napoli, ma non solo. Cesare Prandelli a 360° tra Serie A, Champions League e Mondiali in un'intervista esclusiva a 'Tuttosport'. "La Juventus a Madrid avrebbe meritato molto di più, nel primo tempo di Torino c'era una sola squadra in campo ed era la Juventus. Il confronto con il Real nel complesso è stato alla pari. - le parole del ct - Il Napoli è la squadra più europea di quelle impegnate in Champions, Benitez ha portato tanta esperienza ma nella squadra ci sono giocatori che da anni giocano in ambito internazionale, quindi non è solo farina del suo sacco. A me è piaciuto comunque anche il Milan, Allegri ha mandato in campo una squadra equilibrata, che non ha sfigurato".

BUFFON - "Io non lo metterò mai in discussione, è il titolare della Nazionale. punto. Gioca in un ruolo perfido: basta una sbavatura e sei nell'occhio del ciclone".

SCUDETTO - "Oltre a Roma, Juventus e Napoli io metterei in corsa anche Fiorentina ed Inter. Quando riesci a fare sognare cinque tifoserie insieme è il massimo: è un campionato stupendo finora".

TEVEZ E HIGUAIN - "Hanno carettere, mentalità, non mollano mai. Sono due trascinatori, la dimostrazione di come anche un attaccante possa rendersi utile alla squadra. Quando un allenatore vede il lavoro di Tevez gode come un riccio".

CONTE - "Ha creato una figura di allenatore unica, una versione all'italiana del manager inglese. La sua idea di calcio e di gestione della squadra sono innovative: il suo modello vincente non è replicabile da altri".

ROMA - "Garcia ha portato i giusti riferimenti ad un gruppo depresso e sconfortato dalla contestazione. Più che la chiesa al centro del paese io direi che ha rimesso il pallone al centro del progetto. Totti? Essere rimasto a Roma gli ha dato qualcosa di più. Non avrà vinto tanto ma ho ottenuto l'amore della gente".




Commenta con Facebook