• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Roma, De Sanctis: "Giusto tutelarsi sugli arbitri. Totti e' una divinita', De Rossi...&

Roma, De Sanctis: "Giusto tutelarsi sugli arbitri. Totti e' una divinita', De Rossi..."

Lunga intervista al portiere giallorosso


Morgan De Sanctis (Getty Images)
Silvio Frantellizzi (Twitter: @SilFrantellizzi)

07/11/2013 11:09

ROMA DE SANCTIS TOTTI DE ROSSI ARBITRI/ ROMA - In una lunga intervista rilasciata a 'Il Romanista', Morgan De Sanctis ha fatto il punto della situazione dei suoi primi mesi con la maglia giallorossa. Il portiere della Roma ha parlato del clima che si respira nello spogliatoio, del rapporto con i tifosi e delle ultime polemiche arbitrali legate al match di domenica scorsa contro il Torino.

ARBITRI - "Abbiamo trentuno punti sul campo ma credo sia legittimo da parte della società manifestare il proprio  disappunto nelle sedi competenti così come è leggittimo da parte della tifoseria alzare la voce ma niente alibi, per la squadra questa cosa non esiste, nello spogliatoio non deve mai entrare il virus che gli arbitri possano influire sul risultato".

TORINO - "Io mi fido della società, a Torino se qualcuno ha parlato di abritri tutti i discorsi sono stati poi messi a posto. Lo dico perché qualcuno, giustificando i vantaggi che aveva ottenuto in alcune partite precedenti, ha chiamato in causa la Roma. Qualcuno ha detto che non parlava degli arbitri perché non lo aveva fatto nemmeno dopo la Roma, alludendo a qualche favore per noi. Questo non lo doveva fare".

GARCIA - "Rudi Garcia è la filosofia di questa Roma. Mi ha impressionato quando è arrivato, è uno che ha vinto in Francia e lo sanno tutti, farsi l'idea che fosse bravo era facile ma quando l'ho conosciuto si è aperto un mondo, lì hocapito che potevamo essere grandi. Lui è chiaro, fuori e dentro il campo, ha una cultura generale gli gli permette di tenere tutti i livelli con chique. Ha fatto vedere a questa Roma quello di cui aveva bisogno, la consapevolezza di essere forte".

IL GRUPPO - "Il mister ha dato consapevolezza a  vecchi e nuovi, il gruppo in tre mesi ha acquisito umiltà e pacatezza. Mi è piaciuta la reazione di Torino dopo il gol subito: si è vista l'insoddisfazione che si respirava nello spogliatoio e questo mi dà la certezza che la Roma farà cose ancora più importanti".

IL RECORD - "Mi piace pensare che quello che è successo nelle prime undici giornate possa ripetersi ancora nelle prossime 27. Noi non cadremo mai nel tranello di sottovalutare l'avversario".

I SAGGI - "Qui a Roma ci siamo riuniti una sola volta: c'eravamo io, De Rossi, Pjanic, Totti, Benatia e Maicon ma il tutto è avvenuto per una cosa che non c'entra con il calcio. Il mister ha alimentato la storia dei saggi ma non c'è bisogno di un consiglio".

TOTTI E DE ROSSI - "Totti è una divinità ma nello spogliatoio si è sempre messo allo stesso livello degli altri. Lui riesce a fare cose che altri nemmeno si immaginano. Col tempo ci sta che possa saltare qualche partita e infatti il club si è tutelato con Ljajic. De Rossi? In Nazionale non avevo modo di capire quanto fosse romanista".

I TIFOSI - "Ai tifosi chiedo di stare vicini alla squadra. Io sono consapevole che per molte persone la Roma significa tanto, può rendere la vita migliore. Da questo punto di vista Roma non è troppo diversa da Napoli. C'è amore tra squadra e tifosi".

BALZARETTI - "Ci siamo commossi anche noi alle lacrime di Balzaretti al derby. Dopo le critiche, il palo, la disperazione e il gol. Questa cose aiutano".




Commenta con Facebook