• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > Serie A, Gattuso: "Milan, Balotelli va tutelato e Allegri non e' morto. Roma? Mi viene da r

Serie A, Gattuso: "Milan, Balotelli va tutelato e Allegri non e' morto. Roma? Mi viene da ridere..."

L'ex allenatore del Palermo ha parlato anche della Fiorentina e dell'Inter: "Non le sottovaluterei"


Rino Gattuso (Getty Images)
Matteo Torre (twitter: @torrelocchetta)

01/11/2013 22:35

GATTUSO MILAN BALOTELLI ROMA ALLEGRI INTER / ROMA - Lunga intervista concessa da Rino Gattuso al 'Corriere della Sera'. L'ex tecnico del Palermo si è espresso su questo campionato di Serie A, concentrandosi sul 'suo' Milan. Queste le sue dichiarazioni: "Non sottovaluterei Fiorentina e Inter, dato che il campionato è ancora lungo. Montella è bravo: ha adottato un metodo alla spagnola, la società lo lascia lavorare e la sua tranquillità dipende da questo. Senza nulla togliere a Stramaccioni, quest'anno nei nerazzurri vedo una luce diversa negli occhi dei giocatori. La Roma? Mi viene da ridere quando si parla di Gervinho come di una sorpresa: è stato il miglior giocatore del Lilla per tre anni. De Rossi, poi, sta giocando come al Mondiale in Germania. E cosa dire di Totti?"

MILAN - "L'errore più grande che possa commettere oggi è pensare al secondo o al terzo posto: bisogna vivere alla giornata. Kakà non è più quello del 2007, ma resta un esempio per tutti. Oggi serve tranquillità al Milan, invece si parla di creste e orecchini quando le cose vanno male. Balotelli deve essere tutelato di più, ma su Twitter ci mette del suo e non lo capisco. Il problema è della nuova gioventù, non solo suo".

ALLEGRI - "Se scricchiola la sua panchina al Milan faranno di tutto per puntellarla. Non è un piangina, e io non lo darei affatto per morto".




Commenta con Facebook