• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO ROMA-CHIEVO

PAGELLE E TABELLINO ROMA-CHIEVO

Florenzi insostituibile, Borriello implacabile, Dodo' rimandato. Nel Chievo bene Rigoni


Florenzi (Getty Images)
Samuele Perotti

01/11/2013 00:07

PAGELLE E TABELLINO ROMA-CHIEVO/ROMA – La Roma non brilla come nelle precedenti partite, ma grazie alla zampata di Borriello ottiene la decima vittoria in altrettanti incontri di campionato. Benatia e Castan sono ancora una volta insuperabili, mentre Florenzi entra dalla panchina e cambia l'andamento del match. De Rossi dà carica ed equilibrio, Pjanic è l'unico che salta l'uomo. Bocciato Dodò che commette troppi errori. La prova solida del Chievo è rappresentata dalla gara di tutto il suo centrocampo, guidato da un grintoso Rigoni. Dramè gioca svogliato e Papp è disastroso in occasione della rete giallorossa. 

ROMA

De Sanctis 6 – Sicuro sulle uscite alte, riesce a mantenere la porta inviolata grazie a un pizzico di fortuna nella ripresa, quando respinge goffamente un tiro da fuori degli ospiti

Torosidis 6.5 – Non rischia nulla in fase difensiva e con il passare dei minuti si scioglie anche in fase propositiva. Il piede non è quello di Maicon, si vede quando arriva sul fondo e tenta il cross.

Benatia 6.5 – Cattivo al punto giusto, controlla senza nessuna difficoltà gli attaccanti del Chievo. Guida alla perfezione tutta la difesa, come dimostrano i corretti movimenti che lasciano in fuorigioco gli avversari.

Castan 6.5 – Sempre attento e puntuale ha un unico demerito, quello di ricevere il giallo che lo costringerà a saltare la sfida di domenica sera contro il Torino.

Dodò 5 – Timido nel primo tempo, disastroso nella ripresa quando attacca a testa bassa sbagliando troppi appoggi e soprattutto incaponendosi in improbabili azioni personali. Dal 65’ Balzaretti 6 – Entra e da solidità alla fascia sinistra della Roma senza badare alla fase di spinta.

Pjanic 6,5 – Il bosniaco è l'unico che cerca qualche giocata decisiva per sfondare il muro difensivo degli ospiti. Spesso e volentieri salta l'uomo e crea superiorità numerica e illumina il gioco giallorosso. Dal 81’ Bradley sv

De Rossi 7 – Se la Roma chiude la settima partita consecutiva senza subire goal il merito è anche il suo che svolge in modo straordinario il ruolo di cerniera tra la difesa e il centrocampo. Sul punteggio di parità, prova a suonare la carica con qualche inserimento offensivo.

Strootman 6 – L'olandese è un po' stanco e si vede. Si inserisce meno del solito e sbaglia qualche appoggio di troppo ma non tira mai indietro la gamba e lotta fino alla fine.

Ljajic 6.5 – Si interstardisce a volte in azioni personali, ma è sempre una spina nel fianco della difesa veneta e ha il merito di avviare l'azione del goal.

Borriello 6,5 – I compagni non gli servono molti palloni giocabili ma lui lotta, gioca di sponda e soprattutto da vero bomber si fa trovare pronto sull’unica occasione da goal, ritrovando la rete con la Roma 893 giorni dopo l’ultima gioia.

Marquinho 6 – Gioca la sua onesta partita fatta di tanto movimento e qualche buona giocata a cercare i compagni. Prova in qualche modo a dare vivacità all’attacco giallorosso. Dal 58’ Florenzi 7.5 – L'allenatore francese lo lascia un'ora in panchina e lui entra in campo più carico che mai. Assist per Borriello, dinamismo e soprattutto la solita mano in fase di copertura. L’azzurro sta diventando insostituibile.

Garcia 7 – La Roma non gioca una splendida partita ma è compatta e determinata e grazie a questa vittoria entra nella storia del calcio italiano. Eccessivo il turnover iniziale, legge bene la partita e si gioca alla grande le poche frecce che aveva in panchina.

CHIEVO

Puggioni 6 – Non è bello da vedersi ma è efficace sui tiri dai fuori dei capitolini. Non può nulla sul goal che decide il match.

Frey 5 – Partita pulita, fino al 67' quando con una scellerata scivolata fuori tempo lascia passare Florenzi che serve a Borriello l'assist del goal vittoria.

Dainelli 6 – Sfrutta la sua esperienza per guidare la retroguardia e con ottime scelte di tempo recupera ai piccoli errori degli altri difensori.

Claiton 5.5 – Il brasiliano non convince a pieno: reattivo nella corsa a volte mette in difficoltà i compagni facendosi pescare fuori posizione. Dal 62' Papp 4.5 – Entra e dopo 5’ decide di addormentarsi, lasciando via libera in aria al centravanti giallorosso.

Sardo 6 – Partita diligente per l’esterno destro che si sacrifica in copertura: vince tutti i duelli con Dodò e tiene bene Ljajic quando passa dalle sue parti.

Bentivoglio 6 – Si mette alla sinistra di Rigoni e fa molta densità davanti alla difesa, sacrificando anche la fase propositiva. Dal 77’ Acosty sv

Rigoni 7 – La compattezza che il Chievo mette in mostra per un'ora è anche e soprattutto merito suo che si piazza davanti alla difesa e non fa passare nemmeno il vento. 

Hetemaj 6 – Deciso, concentrato, non molla un centimetro e rimanda al mittente tutti i tentativi di attacco della Roma. Diffidato salterà la sfida di lunedì con il Bologna.

Dramè 5.5 – Il laterale di Sannino gioca svogliato, in punta di piedi e non riesce a trovare la giocata giusta. In difesa sfrutta la sua velocità per limitare Torosidis. Dal 66’ Estigarribia 5.5 - L’ex juventino entra per conservare il pareggio, quando la sua squadra si trova sotto però non alza mai il baricentro e non salta mai l'uomo.

Pellissier 6 – Il capitano lotta su ogni pallone e pressa come può i difensori avversari ma non è supportato bene dai compagni si preoccupano solo di difendere.

Paloschi 5.5 – Prova a giocare sempre sul filo del fuorigioco ma spesso e volentieri si fa pescare in offside. La volontà e la grinta non gli mancano, ma non è la sua migliore prestazione.

Sannino 6 – Ennesima sconfitta immeritata per un Chievo equilibrato, compatto che almeno per un ora ha tenuto il campo con la super capolista; quello che manca è un pizzico di fortuna, e anche più.

Arbitro: Sebastiano Peruzzo 6 – La partita non è facilissima ma lui la tiene in pugno bene sventolando ben otto cartellini gialli, tutti corretti.

TABELLINO

ROMA-CHIEVO

ROMA (4-3-3) : De Santis; Torosidis, Benatia, Castan, Dodò (65’ Balzaretti); Pjanic (81’ Bradley), De Rossi, Strootman; Ljajic, Borriello, Marquinho (58’ Florenzi). Allenatore: Garcia.

CHIEVO (3-5-2): Puggioni; Frey, Dainelli, Claiton (62’ Papp); Sardo, Bentivoglio(77’ Acosty) , Rigoni, Hetemaj, Dramè (66’ Estigarribia); Pellissier, Paloschi. Allenatore: Sannino.

Arbitro: Peruzzo di Schio

Marcatori: 68’ Borriello (R).

Ammoniti: 17’ Sardo (C), 26’ Castan (R), 39’ Dainelli (C), 50’ Pjanic (R), 77’ Ljajic (R), 77’ Hetemaj (C), 78’ Pellissier (C), 79’ Rigoni (C).




Commenta con Facebook