Breaking News
© Getty Images

Pokemon Go, il nuovo aggiornamento fa infuriare gli utenti

Risolti alcuni bug, ma diversi giocatori hanno accusato nuovi problemi come la cancellazione di tutti i progressi

POKEMON GO NOVITA' ULTIMO AGGIORNAMENTO / ROMA - È il gioco del momento, probabilmente già dell'anno a pochissime settimane dalla sua uscita. Pokemon Go ha stregato il mondo intero ed ovviamente ogni aggiornamento rilasciato da Niantic scatena una mole di reazioni sul web quasi inquantificabile. In particolare l'ultima release appena sfornata ha sì sistemato diversi bug relativi alle mappe ed alle palestre, ma allo stesso tempo ha fatto infuriare tantissimo giocatori sparsi per tutto il globo. Innanzitutto sono scomparsi gli indicatori che permettevano agli utenti di capire quanto distante da loro fosse un Pokemon, poi sono state bloccate diverse app con cui molti giocatori stavano 'barando': in particolare non è più accessibile il sito Pokevision che informava in tempo reale sulle aree in cui trovare i vari Pokemon. Ancor più grave, però, il problema riscontrato da alcuni utenti che si sono subito lamentati su Twitter: alcuni, infatti, denunciano di aver perso tutti i progressi e sono stati costretti a ripartire dal livello 1 dopo l'aggiornamento. Tra le altre novità, gli aggiornamenti dell'efficacia di molte mosse e l''indebolimento' di Vaporeon, inizialmente troppo forte e facilmente reperibile.

L.P.

Mercato   Milan  
Calciomercato Milan, sprint Morata ma occhio a... De Gea
Calciomercato Milan, sprint Morata ma occhio a... De Gea
Mourinho non molla la presa e propone uno scambio al Real Madrid
Mercato   Inter  
Calciomercato Inter, Conte conferma: "Resto al Chelsea"
Calciomercato Inter, Conte conferma: "Resto al Chelsea"
L'ex Ct chiude definitivamente la porta ai nerazzurri
Mercato   Inter   Inghilterra
Calciomercato Inter, Conte chiude: "In Premier con la mia famiglia"
Calciomercato Inter, Conte chiude: "In Premier con la mia famiglia"
L'ex Juventus rimanda al mittente la proposta di Suning, guardando con speranza al progetto Chelsea