• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Atalanta-Inter, Mazzarri: "Dovevamo essere piu' cinici, bisogna ancora crescere tanto"

Atalanta-Inter, Mazzarri: "Dovevamo essere piu' cinici, bisogna ancora crescere tanto"

Il tecnico nerazzurro commenta il pareggio ottenuto contro i bergamaschi


Walter Mazzarri (Getty Images)
Silvio Frantellizzi (Twitter: @SilFrantellizzi)

30/10/2013 00:01

ATALANTA INTER MAZZARRI/ ROMA - Al termine di Atalanta-Inter, Walter Mazzarri è intervenuto ai microfoni di 'Sky Sport' per commentare l'1-1 maturato a Bergamo. Il tecnico nerazzurro ha reso onore alla prestazione degli avversari, evidenziando come i suoi uomini abbiano pagato nel secondo tempo la stanchezza derivata dal match di sabato scorso contro il Verona.

IL PAREGGIO - "Oggi abbiamo giocato bene in un campo così difficile contro una squadra cattiva con la quale non è semplice fare risultato - ha dichiarato Mazzarri - Riguardando la partita, il palo e alcune ingenuità tipo il gol concesso a Denis credo che potevamo vincere. Bisognava essere più cinici".

FURBIZIA - "Alvarez ha mancato una buona occasione, è difficile vedere una squadra che arriva in attacco come noi e non trova l'ultimo passaggio. In questo momento ci manca un giocatore fondamentale come Milito. Se ci fosse stato Milito stasera che abbiamo prodotto un grande volume di gioco la partita sarebbe stata in discesa".

I TACCHETTI - "E' assurdo vedere in Serie A che si cade così tanto, mi viene da dire che sembriamo dilettanti. Stasera siamo scivolati in diverse occasioni, bisogna crescere sotto diversi punti di vista".

HANDANOVIC - "Non ho avuto il tempo di chiedere ad Handanovic cosa si fosse fatto, il medico mi ha detto che ha preso una botta forte e che non ce la faceva a calciare. Credo non sia nulla di grave ma non è facile fare diagnosi così a caldo".

L'ATALANTA - "Quello di Bergamo è da sempre un campo difficile, ho fatto i complimenti a Colantuono e Marino. Bisognava fare meglio diverse cose, dopo aver speso tanto contro il Verona questa sera non abbiamo tenuto il ritmo degli avversari e siamo calati col passare dei minuti perché eravamo stanchi. Non è un alibi ma davanti avevamo una squadra forte che ha preparato bene la partita".

DENIS - "Denis è uno dei migliori attaccanti in circolazione in Italia. Faceva bene anche con noi a Napoli quando entrava anche se a suo tempo era meno cinico davanti alla porta. E' cresciuto tantissimo. 




Commenta con Facebook