• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan-Lazio, Allegri: "E' giusto che io sia in discussione"

Milan-Lazio, Allegri: "E' giusto che io sia in discussione"

L'allenatore rossonero incontra i giornalisti alla vigilia della delicata partita contro i biancocelesti


Massimiliano Allegri (Getty Images)
Stefano D'Alessio (@SDAlessio)

29/10/2013 13:00

MILAN LAZIO CONFERENZA STAMPA ALLEGRI LIVE / MILANO - Massimiliano Allegri, alla vigilia della delicata partita di campionato del 'suo' Milan contro la Lazio, incontra i giornalisti nella sala stampa di Milanello. SEGUI LIVE LE SUE PAROLE A 'MILAN CHANNEL' E IN CONFERENZA STAMPA!

--- Le sue parole a 'Milan Channel' ---

LA PARTITA COL PARMA - "A Parma abbiamo preso dei gol a partita finita. Abbiamo avuto queste disattenzioni, che da tempo ci penalizzano sempre. La squadra ha fatto una buona partita, abbiamo avuto occasioni contro un buon Parma. E' normale che bisogna migliorare, occorre fare qualcosa di più perché alla prima occasione prendiamo gol".

LA SFIDA CONTRO LA LAZIO - "Domani sera sarà una partita difficile, la Lazio arriva da una bella vittoria. Con la Fiorentina in casa ha fatto una buona gara. Sono bravi in contropiede, l'anno scorso abbiamo subito su due loro ripartenze. Dobbiamo cercare di limitare e ridurre al limite gli errori. Ci vuole una concentrazione diversa, la squadra ha dimostrato di averla. Bisogna trovare equilibrio e continuità. La cosa fondamentale è avere un approccio importante e una concentrazione sempre alta: è quella che fa la differenza".

PAZZINI - "Mi fa molto piacere vederlo correre. Ha da lavorare ancora un po', speriamo raggiunga una buona preparazione per averlo quanto prima. Nel giro di venti giorni-un mese dovrebbe essere con la squadra"

ABBIATI E DE SCIGLIO - "Credo che in porta domani ci sarà ancora Gabriel, è in crescita. De Sciglio sarà della partita, oggi farà la rifinitura. Giocherà da titolare: credo farà il terzino, il centrale lo farà Zaccardo".

MODULO - "Ripartiremo coi 4 dietro e i tre davanti. In questo momento si può variare a partita in corso. I primi 9 minuti con 4-2-3-1 di Parma abbiamo rischiato di capitolare con la traversa. Non devo farmi prendere da questo momento negativo".

RESPONSABILITA' -  "E' responsabile di ogni casa, è valutato sui risultati. Abbiamo solo 11 punti, dobbiamo continuare a lavorare migliorando nell'attenzione. Di tutte le cose il responsabile sono sempre io".

BALOTELLI - "Ci ho parlato ieri. Deve fare molto di più, non ha giocato una buona partita contro il Parma".

ARBITRAGGI - "Non sono preoccupato. Galliani è stato molto esplicito e ha fatto sentire il pensiero della società. Questa squadra è rispettosa verso gli arbitri, i ragazzi hanno un comportamento di educazione. Balotelli è molto migliorato: è un dato di fatto. Alcuni episodi non sono stati a nostro favore. Dovevamo avere almeno la metà di quello che ci aspettava. Se i ragazzi entrano in area vuol dire che son bravi ad entrarci creando occasioni. Dobbiamo continuare a lavorare e a rispettare gli arbitri, che sono molto bravi. Poi chi di dovere valuterà cosa succede durante le partite".

--- Inizia la conferenza stampa ---

ERRORI - "Abbiamo preso gol sul finire del primo e del secondo tempo. Due gol in fotocopia che ci hanno tolto i punti a disposizione. Abbiamo rischiato di prendere il 3-0 ma poi anche di ribaltare la partita. Paghiamo ogni errore commesso, dobbiamo eliminarli con il lavoro cercando di riprendere il cammino. Ci aspettano adesso due partite difficili. Domani c'è la Lazio che sta attraversando un buon momento. Sarà un match difficile, servirà attenzione contro giocatori di grande tecnica. Dobbiamo fare risultato".

IL MOMENTO 'NO' DI BALOTELLI - A Parma l'ho tolto perché non stava facendo bene, ma domani ci sarà e sono convinto che farà bene. Bisogna lasciarlo in pace e valutarlo solo per quello che fa in campo. Purtroppo è un personaggio mediatico e deve imparare a gestire le energie nervose. Perderlo a gennaio? Assolutamente no, è un giocatore del Milan. Può capitare che un calciatore giochi male, quando capita a uno come lui tutto si amplifica. Le parole di Raiola? Sono considerazioni che spettano al suo agente e alla società. Io devo pensare solo ad allenare la squadra e portare a casa dei risultati. Concordo però sul fatto che Balotelli vada lasciato in pace".

EMERGENZA IN DIFESA - "Domani giocheranno Abate e De Sciglio sulle corsie esterne e la coppia Zapata-Zaccardo al centro".

FUTURO IN BILICO - "Il mio compito è quello di assumermi le responsabilità, è giusto che in questo periodo io sia in discussione. Cercherò di uscire assieme alla squadra da questo momento difficile. Sono periodi che capitano, durante i quali paghiamo ogni errore. Ho sentito Berlusconi prima della partita e lo sentirò oggi o domani mattina. Da quattro anni a questa parte abbiamo un ottimo rapporto, ma come può capitare si hanno anche vedute diverse. Io cerco di fare risultati attraverso un lavoro serio. Finora ci sono sempre riuscito, in futuro vediamo. Dobbiamo continuare a lavorare, concentrati per migliorare i risultati. Ci sono ancora 27 partite davanti a noi con l'obiettivo di migliorare".

KAKA' - "Con il Barcellona ha fatto bene, così come con il Parma. Deve trovare la giusta condizione per trovare i 90'. Cerco di gestirlo nel migliore dei modi, può essere un valore aggiunto sia sul piano tecnico e morale. Ci sono i presupposti per una grande stagione".

GALLIANI - "La società ha una linea e dobbiamo seguirla. Noi come squadra ci stiamo comportando in maniera corretta verso gli arbitri, perché non è semplice. Diciamo solo che finora non siamo stati fortunati".

RIMPIANTO ROMA - "Lo scorso anno ero sotto contratto con il Milan e ho sempre pensato di dover portare a termine il mio lavoro qui, con questa squadra. Sulla Roma posso dire che sono sempre stato convinto che avrebbe fatto bene perché l'anomalia non è la stagione attuale ma quella passata".

 

 

Seguiranno aggiornamenti.




Commenta con Facebook