• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI SAMPDORIA-ATALANTA

PAGELLE E TABELLINO DI SAMPDORIA-ATALANTA

I 'blucerchiati' sfatano il tabu' 'Marassi' grazie a Mustafi


Mustafi (Getty Images)
Valerio Pantone

26/10/2013 20:50

 

PAGELLE E TABELLINO SAMPDORIA-ATALANTA/ GENOVA – Prima vittoria casalinga per la Sampdoria di Delio Rossi, la seconda consecutiva in campionato. Vittima l’Atalanta di Colantuono, un’Atalanta bella per tutto il primo tempo ma poco spietata sotto porta. A decidere l’incontro un colpo di testa di Mustafi che insieme ad Obiang e Gentsoglou, entrato al posto del fischiato Palombo, consentono alla squadra di Rossi di cambiare passo nella ripresa. Ai bergamaschi non basta un sontuoso Cigarini a centrocampo: l’espulsione del giovane Nica, infatti, complica la possibile rimonta dei nerazzurri, che interrompono così a tre la striscia di vittorie consecutive.

 

 

SAMPDORIA

 

Da Costa 6 – Spaventato nel primo tempo dai continui tentativi atalantini, trascorre una ripresa più tranquilla senza dover compiere parate particolarmente difficili.

 

Mustafi 6,5 – Molto concentrato e generoso nelle chiusure difensive, si rende protagonista con il colpo di testa vincente che porta in vantaggio i blucerchiati. Senza dubbio il migliore in campo.

 

Gastaldello 6 – Impreciso quando prova a vestire i panni del regista difensivo, si guadagna la sufficienza nel secondo tempo nel comandare il pacchetto arretrato.

 

Costa 6 – Anche lui, come Gastaldello, viene agevolato dal cambio di modulo adottato nella ripresa da mister Rossi.

 

De Silvestri 5,5 – Bloccato dalla presenza sulla sua fascia di Raimondi, è costretto a stazionare per lunghi tratti della gara sulla linea dei difensori. L’avanzamento a centrocampo, poi, gli permette di avere più spazio a disposizione.

 

Obiang 6,5 – Con tenacia e generosità prova a prendere in mano le redini del centrocampo doriano nonostante il poco movimento, specie nel primo tempo, degli attaccanti.

 

Palombo 5 – Il ritorno in mediana non è particolarmente fortunato per l’ex capitano blucerchiato che sbaglia molto in fase di costruzione rimediando anche i fischi dal pubblico del Marassi. Dal 45’ Gentsoglou 6,5 – Sarà una casualità, ma il suo ingresso in campo imprime un altro ritmo al gioco della Sampdoria grazie alla sua mobilità.

 

Regini 6 – Cerca di sfondare sulla corsia sinistra ma senza troppa convinzione. Più a suo agio quando Rossi lo retrocede nella linea arretrata dei difensori.

 

Bjarnason 5,5 – Fatica inizialmente a trovare la collocazione giusta tra le due linee dell’Atalanta. Decisamente meglio da esterno sinistro di centrocampo: la qualità per ricoprire il ruolo di trequartista non è nelle sue corde.

 

Eder 6,5 – Dopo un primo tempo da dimenticare, nella ripresa si mostra più intraprendente facendo vedere il meglio del suo repertorio: accelerazione, dribbling e conclusioni da fuori area. Dal 78’ Soriano 6 – Entra con il piglio giusto sfiorando in un paio di circostanze anche il possibile raddoppio.

 

Gabbiadini 5,5 – Troppo statico anche lui come Eder nella prima parte dell’incontro, risulta più funzionale al gioco del Samp nel secondo tempo, pur regalando raramente spunti degni di nota. Dal 82’ Pozzi s.v.

 

All. Delio Rossi 6 – Dopo aver sbagliato la formazione titolare, durante l’intervallo carica la squadra mandandola in campo con un modulo più consono ad affrontare il collaudato 4-4-1-1 dell’Atalanta e alla fine ha ragione. Per il tecnico doriano c’è ancora tanto da lavorare, ma l’aspetto fondamentale oggi erano i tre punti.

 

ATALANTA

Consigli 6,5 – Inoperoso per i primi quarantacinque minuti, si esalta ad inizio ripresa su un tiro a botta sicura di Obiang. Può fare bene poco sul colpo di testa vincente di Mustafi.

Bellini 6 – Accusa subito un problema muscolare che lo costringe ad abbandonare il terreno di gioco. Dal 23’ Nica 4,5 – Dopo un avvio incoraggiante, nella ripresa la sua fascia diventa terreno di conquista per gli attaccanti doriani. Alla prima difficoltà perde la testa, facendosi espellere per un inutile fallo da dietro.

Stendardo 5,5 – Il black-out di inizio secondo tempo macchia una prestazione fino a quel momento più che positiva.

Yepes 6 – Impeccabile nella prima frazione, si fa trovare impreparato ad inizio secondo tempo dal ritorno veemente dei padroni di casa.

Del Grosso 6 – Spinge con continuità nel primo tempo, sfornando anche qualche traversone interessante.

Brienza 6 – Lavora molto in fase di ripiegamento, limitando però, le sue incursioni offensive. Una volta in svantaggio Colantuono preferisce richiamarlo in panchina. Dal 58’ Livaja 5,5 – Entra nel momento più difficile dell’Atalanta e così fatica a duettare con Denis. L’espulsione di Nica, poi, non fa altro che peggiorare la situazione.

Carmona 5,5 – Svolge un lavoro molto oscuro al fianco di Cigarini. Cala visibilmente nel secondo tempo, facilitando le avanzate della Samp.

Cigarini 6,5 – Ennesima prestazione di alto livello per il metronomo nerazzurro. Orchestra in maniera eccellente la manovra della squadra con assist preziosi a ripetizione, specie nel primo tempo. L’unico neo, il fallo di mano sull’incornata vincente di Mustafi che per poco gli costa l’espulsione.

Raimondi 6,5 – Da terzino aggiunto ad arma quasi letale in grado di colpire la Sampdoria. E’ lui l’uomo più pericoloso del primo tempo, come dimostra anche la traversa colpita prima dell’intervallo. Il cambio di modulo dei blucerchiati nel secondo tempo, poi, lo estranea dal gioco.

Maxi Moralez 5 – Primo tempo a mezzo servizio, assente ingiustificato nella ripresa. Si può riassumere così la prestazione del fantasista argentino: un netto passo indietro rispetto alle ultime gare. Dal 82’ De Luca s.v.

Denis 5,5 – Come sempre apre molti spazi per gli inserimenti dei centrocampisti, ma a differenze di altre circostanze al momento debito fallisce occasioni gol alla sua portata.

All. Colantuono 6 – Indovina lo schieramento iniziale, piazzando Raimondi sulla corsia di De Silvestri. Il limite dell’Atalanta è però nel non colpire una Sampdoria in completa balia degli avversari. Dopo lo svantaggio e l’inferiorità numerica, tenta il tutto inserendo anche De Luca, ma ormai è troppo tardi. Sfortunato.

Arbitro Irrati 5,5 – La sua nona apparizione in Serie A non sarà ricordata come una delle più esaltanti. Al 30esimo resta qualche dubbio sul fuorigioco segnalato a Raimondi, dal quale scaturisce poi un colpo di testa vincente di Denis: l’arbitro però aveva già fermato il gioco. L’episodio più curioso avviene però in occasione del gol di Mustafi, dove il fischietto di Pistoia si mostra incerto sul fallo di mano ininfluente di Cigarini: corretta comunque la decisione di assegnare la rete ai blucerchiati ed ammonire il centrocampista nerazzurro. Troppo severa, invece, l’espulsione diretta per l’atalantino Nica, autore di un fallo da dietro ad Eder ingenuo ma non così cattivo.

TABELLINO

SAMPDORIA-ATALANTA 1-0

SAMPDORIA (3-4-1-2): Da Costa, Mustafi, Gastaldello, Costa; De Silvestri, Obiang, Palombo (dal 45’ Gentsoglou), Regini; Bjarnason; Eder (dal 78’ Soriano), Gabbiadini (dal 82’ Pozzi). A disposizione: Fiorillo, Garcia, Rodriguez, Castellini, Wszolek, Barillà, Poulsen, Petagna, Fornasier. All. Delio Rossi

ATALANTA (4-4-1-1): Consigli, Bellini (dal 23’ Nica), Stendardo, Yepes, Del Grosso; Brienza (dal 58’ Livaja), Carmona, Cigarini, Raimondi; Moralez (dal 82’ De Luca); Denis. A disposizione: Sportiello, Scaloni, Canini, Baselli, Brivio, Cazzola, Gagliardini, Marilungo, Kone. All. Stefano Colantuono.

Arbitro: Massimiliano Irrati di Pistoia

Marcatori: 56’ Mustafi (S)

Ammoniti: 37’ Eder (S), 52’ Gastaldello (S), 56’ Cigarini (A), 63’ De Silvestri (S), 80’ Yepes (A), 83’ Costa

Espulsi: 63’ Nica (A)




Commenta con Facebook