• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI APOLLON LIMASSOL-LAZIO

PAGELLE E TABELLINO DI APOLLON LIMASSOL-LAZIO

Rimandato ancora l'appuntamento con la vittoria per la squadra di Petkovic


Un momento del match (Getty Images)

24/10/2013 21:17

PAGELLE APOLLON LIMASSOL – LAZIO / NICOSIA (CIPRO) – Da Nicosia i ragazzi di Petkovic escono solo con un punto. Si poteva e doveva fare di più per mettere un’ipoteca al passaggio del turno. Molto bene Keita, grazie alla sua velocità è stato molte volte pericoloso; buona anche la gara del 'Profeta', Hernanes, che con la sua qualità ha provato a scardinare la difesa avversaria. Per l’Apollon delude Sangoy, il più atteso tra le file dei ciprioti, mentre sale in cattedra Papoulis, con una prestazione di qualità e quantità.

APOLLON LIMASSOL

Bruno Vale 6,5 – Buona la sua gara, sempre sicuro nelle poche volte che è stato veramente chiamato in causa dall’attacco biancoceleste.

Stylianou 5,5 – Keita lo mette troppo spesso in difficoltà, per questo decide di concentrarsi unicamente sulla fase difensiva.

Merkis 6 – Contiene bene la marcatura su Floccari prima, e Perea poi.

Karapidis 5,5 – Mette in campo molta fisicità e fa sentire, troppo spesso, i suoi tacchetti sulle caviglie degli avversari.

Vasiliou 5,5 – Bene la fase di spinta, meno quella difensiva dove è sempre in affanno sull’uno contro uno.

Hamdani 6 – Buona partita in fase d’interdizione davanti la difesa. 

Gullon 6 – Tocca molti palloni, riuscendo bene ad impostare il gioco dei suoi.

Sangoy 5 – E’ lui il miglior giocatore dell’Apollon, e per questo ci si aspettava una gara di uno spessore decisamente diverso; non lascia il segno, anzi nel secondo tempo è sempre più fuori dal gioco. Dal 88’ Alex s.v.

Meriem 5,5 – Non incide sulla gara, ed è troppo spesso impreciso soprattutto con i tiri dalla distanza. Dal 93’ Grigorie s.v.

Papoulis 7 – Svaria su tutto il versante offensivo, con una buona intesa con i compagni di reparto. Dal 91’ Haber s.v.

Roberto 5,5 – Dovrebbe essere il terminale offensivo della propria squadra, ma in realtà non riesce mai a rendersi davvero pericoloso dalle parti di Marchetti.

All. Christoforou 6 – L’importante era non perdere, e ci riesce. Mette in campo una squadra attenta, votata al contropiede e pronta a sfruttare ogni minima disattenzione avversaria.

LAZIO

Marchetti 6,5 – Tocca il pallone solo quando deve rimetterlo in campo.

Cavanda 5 – Troppe le sue sbavature difensive questa sera, che hanno messo in difficoltà i compagni di reparto.

Novaretti 6,5 – Ottima la sua gara, molto attento in marcatura e riesce spesso a rilanciare l’azione biancoceleste palla al piede.

Cana 6,5 – E’ l’unica certezza della difesa laziale, e anche oggi mette in campo tutta la sua esperienza e qualità, entrando sempre pulito sul pallone non rischiando mai nulla.

Radu 6,5 – Ritorna in campo dopo un lungo infortunio, e la sua assenza è pesata e non poco. Con lui in campo la difesa è certamente più solida e ordinata.

Ledesma 5,5 – E’ il vertice basso del centrocampo biancoceleste, cerca troppo spesso la verticalizzazione con il passaggio lungo, per il resto svolge i compiti assegnatagli da Petkovic.

Gonzalez 6 – Solita gara di quantità, quella del “Tata”, che rompe spesso l’iniziativa dell’Apollon. Dal 86’ Onazi s.v.

Hernanes 6,5 – Con i suoi dribbling ha fatto girare la testa a metà squadra avversaria, ed ancora stanno cercando di capire come si muovono le sue gambe.

Ederson 6 – Il mister lo schiera come esterno d’attacco, in un ruolo non suo, e dopo un primo tempo di meditazione, cresce notevolmente nella seconda frazione di gioco. 

Keita 7 – Promessa per il futuro, certezza per il presente. Ha messo continuamente a ferro e fuoco la difesa cipriota, grazie alla sua notevole velocità, non temendo di provare l’azione personale. Dal 80’ F.Anderson 6,5 – Pochi minuti di gioco disputati ma ha dato una scossa al gioco laziale.

Floccari 5,5 – Si muove bene ma pecca un po’ di egoismo, scegliendo spesso il tiro dalla distanza quando un passaggio al compagno sarebbe stato più indicato. Dal 70’ Perea 5,5 – Con la sua freschezza doveva fare di più, ma non riesce ad entrare nel vivo dell’azione.

All.Petkovic 5,5 – Non sta attraversando un buon periodo e la gara di oggi ne è la testimonianza evidente. Nel secondo tempo, doveva dare un’accelerazione decisa al gioco della Lazio, ma ritarda eccessivamente le sostituzioni. 

 

Arbitro: Manuel De Sousa 5 – Non ci sono stati particolari episodi di difficile interpretazione, ma in molte occasioni il direttore di gara non ha fischiato falli di notevole evidenza, facendo salire il nervosismo in campo. 

 

TABELLINO

APOLLON LIMASSOL–LAZIO 0 - 0

APOLLON (4-2-3-1): Bruno Vale; Stylianou, Merkis, Karipidis, Vasiliou; Hamdani, Gullon; Sangoy (88’ Alex), Meriem (93’ Grigorie), Papoulis (91’ Haber); Roberto. All.: Christoforou.

LAZIO (4-3-3): Marchetti; Cavanda, Cana, Novaretti, Radu; Gonzalez (86’ Onazi), Ledesma, Hernanes; Ederson, Floccari (70’ Perea), Keita (80’ F.Anderson). All.: Petkovic.

ARBITRO: Manuel De Sousa (POR)

AMMONITI: 50’ Gonzalez (L); 54’ Stylianou (A); 60’ Karipidis (A); 92’ Ledesma (L).

 




Commenta con Facebook