• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI MARSIGLIA-NAPOLI

PAGELLE E TABELLINO DI MARSIGLIA-NAPOLI

Benitez scopre Zapata e Fernandez, oltre ad un Mertens ancora stratosferico. Francesi poca cosa, Valbuena predica nel deserto


L'MVP Dries Mertens (Getty Images)

22/10/2013 23:01

PAGELLE E TABELLINO DI MARSIGLIA-NAPOLI / MARSIGLIA (Francia) - Il Napoli riscatta la disfatta dell'Emirates andando a prendere una preziosissima vittoria al Velodrome di Marsiglia, dove la parte dell'agnellino la fa la squadra di Baup, mai veramente in partita. Per Benitez la sorpresa Duvàn e la piacevole conferma di Mertens, oltre ad un Fernandez che al fianco di Albiol ha ritrovato sicurezza. 


MARSIGLIA

Mandanda 6 - Un paratone sulla punizione di Mertens nel primo tempo, poi cade su Callejon. Nella ripresa Zapata lo trafigge sul secondo palo con un missile a giro, dove lui poteva fare ben poco. 

Fanni 4,5 - L'asse di destra del Marsiglia è quello dove si produce meno ma soprattutto quello dove si subisce di più. Il terzino passa una serata da incubo, preso com'è dagli scatti mortiferi di Mertens e gli inserimenti "ghost" di Callejon. Il risultato è un disastro: anche il gol nasce dal suo lato. Esce visibilmente zoppicante, a completare la serata no. (Dal 7' st Abdallah 5,5 - Sicuramente meglio rispetto al compagno, ma niente di trascendentale).

N'Koulou 5,5 - Ottimo senso dell'anticipo e della posizione, sa farsi trovare prima di tutti sul pallone con discreta frequenza. Poi però le sbandate le prende anche lui, andando in barca con tutta la difesa. 

Diawara 5 - Con l'esperienza e con il fisico prova a tenere a bada Higuaìn e chi altro transiti dalle sue parti. Non è sufficiente, il Marsiglia dietro balla paurosamente. 

Morel 5,5 - Sull'out sinistro il gioco marsigliese si sviluppa con più frequenza, con il nostro spesso protagonista. E' fra i pochi a "pareggiare" - o quasi - il duello con il suo dirimpettaio. 

Romao 5 - Mediano di rottura, prova a tappare falle anche in difesa, ma con scarsi risultati. Impari il confronto con Behrami. 

Cheyrou 5,5 - Anche lui surclassato dal centrocampo azzurro, prova anche qualche sortita offensiva, ma con scarsa fortuna. 

Payet 4,5 - Impietosi i fischi che accompagnano la sua uscita dal campo, segno che neanche il suo pubblico ha apprezzato la sua prestazione. In effetti i tifosi non hanno tutti i torti: misteriosamente è sempre dalla parte opposta rispetto al pallone. (Dal 25' st Thauvin sv)

Valbuena 6 - Si danna l'anima, si muove su tutto il fronte orizzontale, cerca di costruire qualcosa. Ma in condizioni simili è difficile, specie per uno come lui che sembra sempre stia per portarselo via il vento. Predica nel deserto. 

A. Ayew 5,5 - Latita per 85 minuti, poi ad un certo punto tenta il tiro della serata, senza neanche guardare, e trafigge Reina, regalando ai suoi cinque minuti di (vana) speranza.  

Gignac 5 - Corpulento e macchinoso ma abbastanza tecnico, palla al piede riesce qualche volta a tenere in scacco la difesa. Ma non basta di certo. Neanche ai suoi tifosi, che subissano di fischi pure lui. (Dal 32' st J. Ayew sv)

All. Baup 5 - Non è stato fortunatissimo nel pescare quelle palline al sorteggio, comunque sia il Marsiglia non sta facendo molto per evitare la sentenza. Anche stasera i francesi non impressionano per nulla, tornando a casa con le pive nel sacco ma soprattutto senza convincere molto la platea. 


NAPOLI 

Reina 6 - L'uscita finale a scongiurare il 2-2 riscatta l'occasione del gol subito, dove vede partire tardi un pallone che era comunque difficile. Il bilancio, comunque, resta in attivo. 

Maggio 6 - Un paio di percussioni nel primo tempo, nella ripresa invece si limita a contenere e tenere a bada Morel, che si sovrappone spesso al compagno più avanzato. 

Fernandez 6,5 - Pulito nelle chiusure, attento nel gioco aereo e puntuale negli anticipi. Al fianco di Albiol ha ritrovato la sicurezza perduta: sfodera una prestazione senza sbavature. Un esperimento sicuramente da ripetere. 

Albiol 6,5 - Soffre in prima battuta, magari a volte anche in seconda, ma prima o poi la prende sempre lui. Superarlo è davvero un'impresa titanica.  

Armero 6 - Un paio di gol sbagliati davanti al portiere, ma non è quello il suo mestiere. Deve tenere a bada chi gli è di fronte, e in genere ci riesce discretamente. Anche perché spesso si tratta dell'impalpabile Payet.  

Inler 6,5 - Corre piano, ma corre tanto. Anche più di Behrami, dati alla mano. Smista i palloni con sapienza e tiene botta fino alla fine, prendendo anche una manata da Jordan Ayew. 

Behrami 6,5 - Tutti. Li prende tutti. I palloni che transitano in un'area di decine di metri quadrati sono nella sua giurisdizione e non passano mai. Un attimo in ritardo su Ayew quando il ghanese accorcia le distanze. Può sembrare strano ma è un essere umano anche lui. 

Callejon 7 - Lo vedi, poi non lo vedi più. Poi lo vedi di nuovo ma è il momento in cui sta per trafiggere il portiere, e a quel punto è troppo tardi. A destra come a sinistra, scatta sempre alle spalle dell'ultimo uomo, quasi mai in fuorigioco: il gol prima o poi arriva. Proprio come stasera. 

Hamsik 5,5 - Bene nelle ripartenze, appoggiato alla grande da compagni che per il momento lo portano per mano. Già, perché è palesemente in ritardo rispetto agli altri, in alcune azioni pare quasi che vogliano scavalcarlo. Dove sei, Marek? (Dal 41' st Insigne sv)

Mertens 7,5 - In Francia come a Livorno è l'uomo che fa saltare il banco. Punta l'avversario in continuazione e lo salta puntualmente, fa sempre il passaggio giusto e sfiora il gol in più di un'occasione. Splendido anche l'assist che libera al (gran) gol Zapata. Nonostante abbia davanti gente come Insigne e Callejon meriterebbe sicuramente di giocare di più. (Dal 30' st Mesto sv)

Higuaìn 6 - L'errore davanti alla porta del primo tempo è roba da fantascienza per uno come lui. Ma poi si riscatta alla grande con quella palla stratosferica data a Callejon per lo 0-1. Riscatto sufficiente a far dimenticare l'errore precedente. (Dal 12' st Duvàn 7 - Forse adesso finalmente tanti superficialotti smetteranno di giudicare male un ragazzo di ventuno anni che finora non aveva messo insieme neanche 200 minuti complessivi. Fisico da paura, falcata ampia, buon tocco di palla. E da oggi anche un gran bel tiro. Da oggi?).

All. Benitez 7 - Il passo falso contro la Roma è già metabolizzato: mister Rafè la sfanga anche stasera, nonostante il vento, nonostante i tanti gol sbagliati, nonostante il pubblico avverso scatenato. Enorme il divario tecnico (e sì, anche tattico) tra le due contendenti. Se la gioca alla pari con Arsenal e Borussia, fino alla fine. Con un dettaglio importante: ha due partite in casa e una in trasferta.  

Arbitro Cakir 5,5 - La sbavatura sul calcio di rigore non assegnato al Napoli non incide sul risultato. Ma in generale la direzione di gara appare un attimino troppo permissiva. 



MARSIGLIA-NAPOLI 1-2

MARSIGLIA (4-2-3-1): Mandanda; Fanni (52' Abdallah), N'Koulou, Diawara, Morel; Romao, Cheyrou; Payet (70' Thauvin), Valbuena, A. Ayew; Gignac (76' J.Ayew). A disposizione: Samba, Mendy, Lemina, Imbula. All. Baup

NAPOLI (4-2-3-1): Reina; Maggio, Albiol, Fernandez, Armero; Behrami, Inler; Mertens (75' Mesto), Hamsik (83' Insigne), Callejon; Higuain (58' Zapata). A disposizione: Rafael, Cannavaro, Dzemaili, Pandev. All. Benitez

Arbitro: Cakir (Turchia)

Ammoniti: Cheyrou, Payet, J. Ayew

Marcatori: 42' Callejon, 67' Callejon, 85' A. Ayew

 





Commenta con Facebook