• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Napoli, da eroe a mistero: il male oscuro di Higuain

Napoli, da eroe a mistero: il male oscuro di Higuain

Le condizioni dell'attaccante argentino tengono banco in casa della formazione partenopea


Higuain (Getty Images)
AntonioPapa (Twitter: @antoniopapapapa)

22/10/2013 15:47

NAPOLI INFORTUNIO HIGUAIN / NAPOLI - Quanto è breve il passo da hombre del partido a hombre del mistero. Gonzalo Higuaìn e quel male oscuro che da diverse settimane lo tiene in panca, con ripercussioni mica da poco sul morale (e sulle prestazioni) del Napoli. Il ko contro la Roma e quello contro l’Arsenal portano in calce la firma dei presenti, ma anche e soprattutto quella degli assenti. Chissà come sarebbe andata se c'era lui. Ma forse, piuttosto che il se, bisognerebbe iniziare a farsi domande sul perché.

MALATO IMMAGINARIO – Una mezza spiegazione l'ha data De Nicola, il medico sociale del Napoli: Higuain sta benino fisicamente, un po' meno mentalmente. Paure per un vecchio infortunio che non gli consentono di scendere in campo a cuor leggero. Sente male proprio lì e quindi teme ricadute. Con il Mondiale alle porte, poi, la situazione si fa ancora più intricata. Ci tiene un sacco, Gonzalo, e non vuole calcare la mano. Ok, ma chi lo spiega ai tifosi del Napoli, che lo hanno assunto a nuovo idolo dopo il Matador Cavani, uno che giocava anche su una gamba sola? Urge una soluzione, e subito, prima di incrinare un rapporto ancora troppo fresco per considerarsi solido.  

LA CURA – Il primo medico in questo caso è sicuramente Rafa Benitez. Il Pipita va recuperato con un raffinato lavoro psicologico prima ancora che fisico. Serve fiducia e pazienza, sì, ma fino a un certo punto. Il bastone e la carota, la carezza e il pugno duro. Forzare i tempi senza bruciare le tappe. Il Mondiale non può e non deve essere un alibi, perché prima c’è il Napoli, c’è il campionato, c’è la Champions e ci sono quei 40 milioni del suo cartellino. Li ha pagati De Laurentiis, non Sabella. E vanno onorati così come vanno onorati i tifosi che lo hanno accolto come un re, in quel caldissimo giorno di luglio. Ecco perché sarà meglio vincere le paure e tornare in campo: Higuaìn è troppo importante per questa squadra, lo ha dimostrato quando ha giocato ma ancor di più quando è rimasto fuori.




Commenta con Facebook