• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Champions league > Euroavversari, Speciale Champions League: Barcellona, a San Siro con un Neymar in piu'

Euroavversari, Speciale Champions League: Barcellona, a San Siro con un Neymar in piu'

Ecco tutto cio' che c'e' da sapere sugli avversari del Milan nella massima manifestazione continentale


Neymar (Getty Images)
Hervé Sacchi

22/10/2013 13:06

EUROAVVERSARI SPECIALE CHAMPIONS LEAGUE MILAN BARCELLONA / MILANO - Ci ritroviamo, ancora una volta, a parlare del Barcellona. Da una parte non ci si stuferebbe mai, dall'altra si fa fatica ad aggiungere, sempre, qualcosa di nuovo. Ma in realtà, qualcosa di nuovo, c'è e si chiama Gerardo 'Tata' Martino. L'allenatore argentino ha saputo mantenere fede al lavoro fatto dai suoi predecessori, mantenendo invariata la struttura collaudata di questo Barcellona. Avanti col 4-3-3, dentro Neymar - altra novità - fuori David Villa. Si guadagna sull'età e sul potenziale incredibile di un giocatore che è già considerato fuoriclasse a tutte le latitudini.

PUNTI DI FORZA - La rosa è praticamente la stessa. Oramai da più di due anni vengono inseriti, ad ogni sessione, solo elementi funzionali alla causa. Si punta alla qualità, non alla quantità. La condizione fisica degli spagnoli è ottimale, considerando il turnover applicato da Martino. Nella contesa rientrerà anche Lionel Messi che, nonostante sia al rientro dall'infortunio, resta sempre il pericolo numero uno.

PUNTI DEBOLI - La prospettiva di un "falso nove" nello scacchiere del Milan potrebbe costituire qualche grattacapo alla retroguardia del Barcellona. Gli spagnoli hanno dimostrato, negli anni, di soffire il gioco in area di rigore, calci piazzati annessi. Squadre ben schierate tatticamente, come lo è stato il Milan nelle ultime due gare disputate in casa, hanno impedito al Barcellona di imporre la propria manovra.

CONFRONTI DIRETTI - A San Siro, si sono disputate otto gare complessive. Tre vittorie a testa, dato questo che è stato riequilibrato dal Milan nella scorsa gara di febbraio quando Boateng e Muntari timbrarono il 2-0 casalingo. C'è equilibrio anche nell'insieme delle gare disputate ai gironi: una vittoria per il Milan (1-0, 2004-2005), un pareggio (3-3, 2000-2001) e una vittoria per il Barcellona (3-2, 2011-2012).

LA FORMAZIONE - Alcuni dubbi nelle ore di vigilia. Martino è sicuro sull'utilizzo di Busquets e, dunque, restano due maglie da titolari da poter assegnare a due fra Xavi, Iniesta e Fabregas. Quest'ultimo potrebbe essere il sacrificato. Dietro dovrebbe tornare Mascherano al fianco di Piqué, con Puyol che andrà in panchina, così come il giovane Bartra. Un'altra sicurezza sarà l'impiego di Adriano sulla corsia mancina, orfana dell'infortunato Alba. Davanti, Messi torna dal 1'. Con lui sicuramente Sanchez e Neymar, favorito su Pedro che, l'anno passato, fu uno dei peggiori.
BARCELLONA (4-3-3): Valdes; Alves, Piqué, Mascherano, Adriano; Xavi, Busquets, Iniesta; Sanchez, Messi, Neymar.

UOMINI MERCATO - Sembra pronto il ricambio dei portieri: Valdes lascerà a fine anno. Come lui, in scadenza, c'è anche il secondo Pinto. Egual situazione, che desta maggiore attenzione, è quella dei giovani Bartra e Montoya. Il primo sta trovando grande fiducia sotto la gestione Martino, ma anche Montoya è considerato un'alternativa interessante, ma non più di questo, a Dani Alves, . Entrambi i giocatori sono seguiti rispettivamente da Inter e Napoli. Se Bartra, tuttavia, è più vicino a rinnovare il proprio contratto (leggi i dettagli esclusivi), su Montoya c'è da registrare gli interessi forti di Chelsea e Liverpool. Tra i nomi caldi rientra anche quello di Mascherano, altro elemento stimato da Rafa Benitez.




Commenta con Facebook