• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Fiorentina > Fiorentina, Prade': "Rossi? Ecco cosa mi dicevano Totti e De Rossi. Roma da scudetto"

Fiorentina, Prade': "Rossi? Ecco cosa mi dicevano Totti e De Rossi. Roma da scudetto"

Viola in festa dopo l'impresa compiuta domenica ai danni della corazzata Juventus


Giuseppe Rossi (Getty Images)
Giorgio Musso (Twitter: @GiokerMusso)

22/10/2013 10:44

FIORENTINA PRADE' / FIRENZE - Sbornia Fiorentina. Viola in festa dopo l'impresa di domenica contro la Juventus campione d'Italia. Daniele Pradé esalta l'undici allenato da Montella: "Vincere contro la Juventus, a Firenze, è come vincere un derby. Questa è una città che si fa sentire tanto, sta vicino alla squadra e ci sostiene - ha dichiarato il Ds gigliato a 'Tele Radio Stereo' - Senza Gomez non abbiamo mai sbagliato partita perché questa è una squadra con una identità ben precisa, che vuole possesso palla e un calcio diverso dalle altre".

ROSSI - "In questo momento Rossi è al 50 per cento delle sue possibilità. Io sono un direttore sportivo che ascolta molto lo spogliatoio e quelli della Roma, da Totti a De Rossi, mi hanno sempre detto che Rossi era un top".

BORJA VALERO - "Borja Valero piaceva tanto a Spalletti, costava però tanto e poi c'era il pregiudizio degli spagnoli che non si ambientavano in Italia. Forse quelli che non sono campioni, ma quelli tecnicamente forti dopo poco si adattano. Se sei forte sei forte, ovunque".

ROMA - "La Roma è competitiva per lo scudetto, squadra compatta e difficile da battere. Vedrete che adesso Ljajic farà vedere la sua forza. Garcia? Ha rivitalizzato il gruppo, ha dato fiducia prima agli uomini e poi ai giocatori, stabilendo delle regole che vengono seguite. De Rossi? Non avevo dubbi sul ritorno a grandi livelli di Daniele. I meriti principali sono di Garcia. De Rossi è un campione e un ragazzo sensibile, che per rendere al meglio deve sentirsi circondato dalla fiducia dell'ambiente".




Commenta con Facebook