• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Real Madrid-Juventus, Lippi: "Sfida ad eliminazione diretta, i bianconeri stanno soffrendo"

Real Madrid-Juventus, Lippi: "Sfida ad eliminazione diretta, i bianconeri stanno soffrendo"

L'ex ct in finale di Coppa d'Asia: "Vincere mi riporterebbe alla finale contro l'Ajax"


Marcello Lippi (Getty Images)
Marco Di Federico

22/10/2013 09:25

JUVENTUS LIPPI CINA GUANGHZHOU CHAMPIONS / ROMA - Marcello Lippi può diventare il primo allenatore della storia a vincere due "Champions" in due continenti differenti. Il suo Guanghzhou Evergrande è pronto per la finalissima di Coppa d'Asia contro il Seul, andata sabato in Corea e ritorno il 9 novembre in Cina. "Voglio con tutte le forze la Champions d'Asia dopo quella europea. Sarebbe fantastico: in un anno e mezzo due scudetti, la coppa di Cina e la Champions. - le parole dell'ex ct ad 'Extra Time' - Con il Seul ce la giochiamo alla pari, è una squadra forte, veloce, si chiude con facilità, ha una bella manovra. Gioca una specie di 4-2-3-1 con due centrocampisti centrali di interdizione e rilancio, due attaccanti esterni rapidi e tecnici, il colombiano Molina seconda punta e soprattutto Damjanovic che, codino compreso, sembra proprio Ibrahimovic. Non ha la stessa qualità, ma tecnicamente è il suo gemello". 

MONDIALE PER CLUB - "Piano, intanto c'è la finale: sarebbe fantastico, tornerei giovane di quasi 20 anni, al 1996, quando sollevai la Champions a Roma nella finale con l'Ajax. Di Mondiale parliamo dopo".

JUVENTUS - "Sta soffrendo, il pari con il Copenaghen le sta strettissimo, ma con il Galatasaray ha fatto un mezzo scivolone. Adesso il Real, due sfide consecutive come se fosse a eliminazione diretta: ho due bei precedenti, sconfitto fuori ma ho passato il turno vincendo in casa nel 2003. Spero sia di buon auspicio. In fondo il Real non sta attraversando un grande momento. Il Bayern resta comunque il più forte d'Europa. Non è sazio e sta assimilando alla perfezione i nuovi insegnamenti di Guardiola. Poi il Barcellona: mi dicono che Martino abbia conquistato tutti con il suo modo di fare e le sue idee calcistiche. Quindi Real, Borussia e Arsenal che quest'anno si è davvero rinforzato".




Commenta con Facebook