• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI TORINO-INTER

PAGELLE E TABELLINO DI TORINO-INTER

Palacio implacabile, Guarin trascinatore. Serata no per Padelli


Guarin (Getty Images)
Samuele Perotti

20/10/2013 23:13

PAGELLE E TABELLINO TORINO-INTER/TORINO – Spettacolare 3-3 nel posticipo dell’ottava giornata di Serie A tra Torino e Inter. Handanovic con un ingenuità lascia in dieci i compagni che non mollano e trascinati dal gladiatorio Guarin e dallo spietato Palacio rischiano il colpaccio. In una difesa ballerina emerge Juan Jesus, mentre Jonathan e Nagatomo sono poco brillanti. Nel 'Toro' gli errori di Padelli vengono compensati di goal e le giocate di Farnerud, Immobile e Bellomo. Cerci parte forte ma dopo il rigore sbagliato si innervosisce e incide poco, mentre Vives è promosso nel ruolo di difensore centrale.

TORINO

Padelli 4 – Serataccia per l’estremo difensore granata che esce a vuoto in occasione dei primi due goal dei neroazzurri. Nulla può sulla rete del 3-2.

Darmian 5.5 – Dopo molto tempo torna a giocare sulla linea difensiva e lo fa con disinvoltura fino al 71’ quando si fa bruciare da Palacio e gli spalanca le porte per il momentaneo 3-2.

Vives 6 – Per emergenza si inventa difensore e lo fa dignitosamente grazie anche al poco peso offensivo dell’Inter.

Moretti 5 – Il più in difficoltà del reparto arretrato torinese. Si perde Palacio sul 2-2 e in alcune circostanze appare distratto e confusionario

D’Ambrosio 6 – Spostato a destra si mette in mostra soprattutto in fase propositiva, dove sfiora il goal del vantaggio. Quando si abbassa va in affanno e commette errori banali.

Brighi 6 – Una diga davanti alla difesa recupera molti palloni ed è pronto all’inserimento quando vede lo spazio davanti a se. Dal 80’ Bellomo 7 – Cross o tiro? Poco cambia per il barese che alla seconda presenza in serie A trova il goal del definitivo 3-3.

Gazzi 6 – Sa di non avere tutti e novanta i minuti nelle gambe e non strafà. Tiene la posizione e gioca semplice, cercando i compagni più vicini.

Farnerud 6.5 – Ottima prova per lo svedese che oltre a trovare il primo goal stagionale dimostra una grande condizione fisica e buone doti tecniche che gli consentono di vincere il duello con Jonathan. Dal 48’ Immobile 6.5 – Entra in campo deciso e grazie ad una grande rapidità d’esecuzione trova il momentaneo 2-1. Da lì in avanti lotta ma non riuscirà più ad incidere.

Pasquale 5.5 – Né carne né pesce. Quando affonda non è mai preciso, nonostante Jonathan non sia in palla. In difesa spesso si fa sorprendere alle spalle.

Cerci 6 – Ci prova come sempre ma appare meno brillante del solito e innervosito dal rigore sbagliato, inizia una battaglia personale contro la difesa interista, senza riuscire a fare male.

Barreto 5.5 – Manca del ritmo partita e si vede. Non salta mai l’uomo e fatica a ritrovare il feeling con i compagni. Sull’1-0 lancia Farnerud con una leggera spizzata di testa. Dal 75’ Meggiorini sv.

Ventura 6 – In questo avvio di stagione il Toro ha raccolto meno di quello che meritava, certo ieri avrebbe dovuto aggredire di più un Inter in inferiorità numerica per tutto il match. Paga l’emergenza in difesa.

INTER

Handanovic 5 – Nemmeno il tempo di indossare i guanti che su un innocuo cross basso esce in ritardo e stende Cerci. Ingenuità che mette in difficoltà tutta la squadra.

Rolando 5.5 – É talmente lento che in alcuni frangenti sembra di vedere la moviola. Dorme in occasione dell’1-0 e quando gli avversari giocano sullo stretto va in affanno troppo facilmente.

Ranocchia 6 – Parte male, perdendosi Cerci in occasione del rigore con i minuti si ricorda di essere un buon giocatore, anche se palla a terra soffre ancora troppo.

Juan Jesus 6.5 – Ha un altro passo rispetto a Cerci ma grazie all’intelligenza tattica e allo strapotere fisico non viene mai saltato dall’azzurro.

Jonathan 5.5 – Rientra dall’infortunio e non è al top. Meno dinamico del solito, in avvio tutte le occasioni dei granata nascono dalla sua parte. Non ha passo e limita le folate offensive.

Guarin 8 – Il migliore in campo. Con l’Inter in inferiorità numerica lui lotta, recupera palloni e soprattutto si carica le responsabilità delle azioni offensive. Trova con una grande rovesciata il goal dell’1-1 e mette lo zampino anche sul momentaneo 2-2.

Cambiasso 6.5 – La sua esperienza è fondamentale per questa squadra. Sa di non essere più quello di una volta così tiene alla grande la posizione davanti alla difesa e fa girare palla in modo semplice.

Taider 5.5 – Non tira mai indietro il piede ma è troppo confusionario sia in fase di impostazione, dove sbaglia troppo, che in fase di copertura, dove spesso è fuori posizione. Dal 61’ Belfodil 6.5 – Entra in campo molle, poi improvvisamente si sveglia e inizia a lottare fino alla grande cavalcata che gli consente di fornire l’assist a Palacio per il 2-3.

Nagatomo 5.5 – Il giapponese fatica a ritrovare la fluidità e la condizione di inizio stagione. Non arriva mai sul fondo e in occasione del goal di Immobile si fa scavalcare dal pallone diretto a Cerci.

Kovacic sv – Dal 5’ Carrizo 6 – Entra senza riscaldamento e para il rigore a Cerci. Subito dopo dice di no a D’Ambrosio. Macchia un’ottima prova facendosi trovare fuori posizione sul 3-3.

Palacio 8 – Lotta come un leone contro i tre difensori del Torino, aspettando il momento giusto che arriva nella ripresa quando sale in cattedra con due reti da vero bomber. Instancabile, sbroglia anche diverse mischie, che potevano diventare pericolose, nella propria aria di rigore. Dal 80’ Wallace sv.

Mazzarri 6.5 – L’Inter non molla mai e questo è merito del suo allenatore. I cambi arrivano nel momento giusto e nonostante l’inferiorità numerica i neroazzurri portano a casa un punto prezioso.

Arbitro: Daniele Doveri 5.5 – Salvato dal giudice di porta in occasione del rigore per il Torino, appare sempre indeciso in ogni decisione.

TABELLINO

TORINO-INTER 3-3

TORINO (3-5-2): Padelli; Darmian, Vives, Moretti; D’Ambrosio, Brighi (80’ Bellomo), Gazzi, Farnerud (48’ Immobile), Pasquale; Cerci, Barreto (75’ Barreto). Allenatore: Ventura.

INTER (3-5-1-1): Handanovic; Rolando, Ranocchia, Juan Jesus; Jonathan, Guarin, Cambiasso, Taider (61’ Belfodil), Nagatomo; Kovacic (5’ Carrizo); Palacio (80’ Wallace). Allenatore: Mazzarri.

Arbitro: Doveri di Roma

Marcatori: 21’ Farnerud (T), 45’+1’ Guarin (I), 53’ Immobile (T), 55’ e 71’ Palacio (I), 90’ Bellomo (T).

Ammoniti: 26’ Taider (I), 32’ Gazzi (T), 37’ Farnerud (T), 78’ Cambiasso (I), 80’ Immobile (T).

Espulso: 5’ Handanovic (I).

 




Commenta con Facebook