• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > PAGELLONE CM.IT, Qualificazioni Mondiale 2014: i promossi e bocciati

PAGELLONE CM.IT, Qualificazioni Mondiale 2014: i promossi e bocciati

Top e Flop dell'ultima giornata di qualificazioni mondiali


Andre' Schuerrle (Getty Images)
Simone Bennici

16/10/2013 10:33

QUALIFICAZIONI MONDIALI PAGELLONE / ROMA – La decima, nonché ultima, giornata di qualificazioni mondiali incorona il tedesco Schürrle, il migliore dei suoi soprattutto per merito della tripletta messa a segno contro la Svezia. In quel di Napoli da un lato assistiamo alla prestazione negativa di tutta la difesa azzurra, in special modo di Marchetti, mentre dall'altro una nota di merito va a Balotelli, che mette a segno il goal che salva l'Italia da una figuraccia. D'obbligo tra i migliori troviamo Ibisevic, eroe bosniaco, e Suarez, bomber dai goal pesanti.
 

TOP 5

5° Ibisevic (Bosnia) - Tra gli 8 goal segnati nella fase di qualificazione, quello di stasera entra di diritto nell'albo d'oro della nazionale bosniaca in quanto regala ai suoi la prima storica qualificazione alla fase finale di un mondiale, scongiurando così la ghigliottina degli spareggi. Eroe Nazionale. VOTO 7

4° Balotelli (Italia) - Prandelli lo tiene in panchina per 54 minuti e lui appena mette piede in campo, sostituendo un'opaco Osvaldo, dimostra subito di aver voglia di fare, causando non pochi problemi alla difesa avversaria. Al 76' è suo il goal del definitivo pareggio, su assist di prima intenzione di Pirlo, e nel finale rischia di vincere la partita da solo ingaggiando un duello personale con tutta la retroguardia avversaria. Decisivo. VOTO 7

3° Ribery (Francia) - L'asso francese proietta ai play-off la sua squadra con una prestazione eccellente, coronata da un assist ed un goal pazzesco. Quando parte palla al piede sull'esterno è uno dei migliori al mondo, se poi aggiungiamo la tecnica alla corsa diventa infermabile. È senza ombra di dubbio lui il trascinatore dei transalpini. Certezza. VOTO 7,5

2° Suarez (Uruguay) - Un goal su rigore ed un assist per Cavani, questi i numeri del centravanti che guida la propria nazionale nella rimonta contro l'argentino dell'assente Messi. La rete messa a segno oggi è la sua decima marcatura con la maglia della "celeste" in stagione. Certezza. VOTO 7,5

1° Schürrle (Germania) - Il giovane calciatore di proprietà del Chelsea di Mourinho mette in mostra tutte le sue qualità, firmando la sua prima tripletta in nazionale. Svelto nel colpire i propri avversari sui lori errori, fin troppo evidenti e ridicoli, l'attaccante di scorta tedesco è senza dubbio uno dei talenti più promettenti del panorama europeo, vedere per credere. Trascinatore. VOTO 8

 

FLOP 5

5° Marchetti (Italia) - Il vice-Buffon incappa in una serata negativa, costellata da molteplici errori ed incertezze. L'episodio più grave arriva al minuto 70, dove prima concede un calcio d'angolo agli avversari e poi sullla conseguente battuta accenna solamente all'uscita facendosi anticipare nella sua area da Mkhitaryan, regalando così il momentaneo vantaggio agli armeni. Rimandato. VOTO 5

4° Glik (Polonia) - Clienti scomodi quelli inglesi che il difensore del Torino non riesce ad arginare in nessun modo. Molto disattento e poco lucido incappa in una prestazione alquanto deludente, trascinando con se il resto della difesa. Un giocatore diverso da quello visto in Italia. Fuori Luogo. VOTO 4,5

3° Guarin (Colombia) - Lascia la squadra in dieci dopo soli 34 minuti di gioco in una partita fondamentale. Un doppio giallo incommentabile, in quanto tutto ci si poteva aspettare meno che un gesto talmente folle da uno come lui. La vittoria della Colombia, e l'accesso al mondiale come testa di serie, rende leggermente meno amara l'espulsione. Inadeguato. VOTO 4,5

2° Antonsson (Svezia) - Partita da buttare per il giocatore svedese che infila una prestazione insufficiente, merito soprattutto di una Germania devastante che nel secondo tempo chiude i conti in soli 26 minuti, confezionando 4 goal di pregevole fattura. Continua il suo periodo negativo anche in nazionale. Inpalpabile. VOTO 4,5

1° Valentini (San Marino) - Il portiere sanmarinese chiude la fase a gironi di qualificazione con il record negativo di ben 45 goal subiti in sole 9 partite (totale di 54 goal in 10 partite). Tale primato va condiviso con l'intero pacchetto difensivo e più in generale con tutto il resto della squadra, assolutamente inadeguata per confrontarsi a livello continentale. Vittima. VOTO 4

 




Commenta con Facebook