• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > Serie A, Mazzone: "Totti da Nazionale, Balotelli pensi a giocare. Sui tifosi..."

Serie A, Mazzone: "Totti da Nazionale, Balotelli pensi a giocare. Sui tifosi..."

Le parole dell'ex allenatore, tra le altre, di Roma e Napoli



15/10/2013 16:40

SERIE A MAZZONE TOTTI BALOTELLI TIFOSI / ROMA - Analizza il campionato ed i principali protagonisti di questo avvio di stagione l'ex allenatore, tra le altre, di Roma e Napoli che ai microfoni di 'Radio Kiss Kiss Napoli' spiega: "Roma-Napoli non sarà una sfida tra Totti ed Insigne. Totti lo porterei in Nazionale, non per il suo passato, ma per quello che sta facendo ora. Sarebbe un valore aggiunto. Balotelli? Gli voglio bene e gli mando un messaggio: pensi a giocare a calcio che è bravissimo. E' un campione, ma l'uomo deve maturare. Cassano come giocatore c'è, ma storicamente ha problemi caratteriali".

L'ex tecnico, poi, si sofferma sulla corsa scudetto: "Sarà un bellissimo campionato per noi addetti ai lavori. E' una partita a tre con Roma,Napoli e Juventus in testa. La Roma si è organizzata per essere competitiva dopo un paio di stagioni buie. La Juve invece è un classico, deve per forza lottare per vincere. Però ora per la Juve ci sono Roma e Napoli come principali concorrenti. Mi auguro che vinca chi ha avuto dei momenti importanti e ha saputo superarli".

La chiosa, infine, è sui tifosi: "Curve chiuse? In quella famosa corsa contro gli ultras dell'Atalanta andai a ribellarmi e a rischiare perché io ero solo contro tutti. Loro erano in curva. Io dico a questi delle curve che bisogna darsi una calmata. Bisogna tenere fuori dagli Stadi chi non si comporta bene. Il calcio e lo stadio sono fatti per i nostri figli e nipoti. Andare allo Stadio per i giovani è un modo di crescere. Bisogna insegnargli come comportasi. Non so cosa si possa fare. Aumentare il servizio d'ordine, ma non so. Qualcosa va fatta. Ma è assurdo che si giochi senza spettatori, ma bisogna intervenire".

L.P.




Commenta con Facebook