• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Estero > Calciomercato Francia, Zidane: "Ecco cosa voglio per il futuro". E su Ancelotti...

Calciomercato Francia, Zidane: "Ecco cosa voglio per il futuro". E su Ancelotti...

L'ex fuoriclasse transalpino ha parlato dell'allenatore delle 'Merengues'


Zinedine Zidane (Getty Images)
Andrea Corti (Twitter: @cortionline)

10/10/2013 14:45

REAL MADRID ZINEDINE ZIDANE / MADRID (Spagna) - In un incontro con alcuni giornalisti di Abu Dhabi, l'ex fuoriclasse del Real Madrid Zinedine Zidane ha parlato delle situazione del club iberico, a partire dall'impatto di Carlo Ancelotti, oltre che dei possibili scenari per il suo futuro. Ecco le sue parole riportate da 'As': "Ancelottisi è evoluto. Era un giovane allenatore quando ho lavorato con lui per la prima volta, ora ha molta più esperienza. E' una grande esperienza di lavoro, è un fantastico allenatore su cui basarmi per quello che spero di diventare in futuro".

RUOLO - "Io sono uno dei due assistenti. Clemente si occupa della preparazione fisica, e io sono incaricato di discutere della squadra, la sua struttura, e di lavorare con i giocatori. Tutto è fatto in parallelo con Ancelotti, ma ciascuno ha il proprio ruolo. Mi sto divertendo? Certo. E' una buona esperienza per iniziare".

FUTURO - "Sogno di essere l'allenatore della nazionale francese, un giorno. Questo non è qualcosa che voglio adesso. E' qualcosa per il futuro. Sono sempre stato un uomo paziente e lavorare a Madrid con Carlo è un ottimo modo per imparare prima di iniziare come un allenatore".

BALE - "Si è ben integrato nel club e tutti lo hanno accolto bene. Gli mancava un po' di allenamento fisico al momento dell'arrivo".

COMPAGNO - "Il mio preferito era Ronaldo. Aveva una qualità incedibile e i suoi movimenti da attaccanti erano unici e imprevedibili. L'avversario più duro? Maldini: era sempre difficle giocare contro di lui".




Commenta con Facebook