• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, amarcord Desailly: "Quando arrivai ero uno sconosciuto. Capello e Berlusconi..."

Milan, amarcord Desailly: "Quando arrivai ero uno sconosciuto. Capello e Berlusconi..."

Il difensore e centrocampista francese si e' raccontato a 'So Foot'


Desailly (Getty Images)
Martin Sartorio (twitter: smartins88)

09/10/2013 23:39

MILAN DESAILLY BRAIDA BERLUSCONI/ ROMA - Tornare un po' indietro con gli anni farà certamente piacere ai tanti tifosi del Milan che non stanno passando il loro periodo migliore. A fare un tuffo nel passato ci ha pensato uno dei grandi protagonisti rossoneri dei primi anni 90', Marcel Desailly. Il difensore e centrocampista francese si è raccontato al mensile 'So Foot'.

RETROSCENA - "A Milano arrivai da perfetto sconosciuto, senza pretese - riporta 'gazzetta.it' -. Davanti a me per i tre posti da straniero c’era una fila di gente come Van Basten, Boban, Savicevic, Radiucioiu, Laudrup e pure Papin che era Pallone d’oro. Insomma, ero l’ultimo. Ma Capello mi mandò in campo perché diceva che mi allenavo bene. E mi lasciava tirare pure i calci di punizione, non una grande idea".

RAPPORTO CON I SENATORI - "I più anziani potevano imporre ai ragazzini di presentarsi agli allenamenti in utilitaria e questi non ci pensavano neppure a non ubbidire. Io comunque avevo la mia Citroen 2CV che suscitava perplessità in spogliatoio. Si pranzava sempre insieme, bellissimo".

MALDINI - "Un giorno si presentò in allenamento scusandosi perché da lì in poi avrebbe calciato solo di destro, e dopo due o tre anni era impossibile sapere che fosse mancino".

BERLUSCONI - "Arrivava a Milanello in elicottero e aveva addosso uno spolverino orrendo. Ci spiegava che portava bene. Poi diceva che non aveva nulla da dirci e invece parlava per almeno tre quarti d’ora di fila, ricordando che se entrava in politica era per salvare i suoi interessi e garantire un futuro ai nostri figli. Era convinto che Agnelli volesse rovinargli gli affari".




Commenta con Facebook