Breaking News
© Getty Images

Italia, Pirlo: "Dovevo lasciare dopo i Mondiali, difficile un ritorno in Nazionale ora"

Il regista dei New York City è ritornato sull'esclusione da Euro 2016

EURO 2016 ITALIA PIRLO ESCLUSIONE / NEW DELHI (India) - Visti gli infortuni di Marchisio, Verratti e Montolivo, molti tifosi azzurri sperano nella convocazione di Pirlo da parte del ct Conte. Ma alla fine la chiamata non è arrivata e l'ex regista della Juventus, oggi ai New York City, non porta rancore: "Faccio il tifo per l’Italia ovviamente - ha spiegato sulle colonne di 'The Times of India' - Anche se non sono lì spero e credo che la nostra Nazionale possa fare bene. Abbiamo fatto un buon cammino nella fase di qualificazione ed ora c'è il desiderio di fare qualcosa di importante. L'Italia sa come si vincono i trofei".

ESCLUSIONE - "Non fa piacere esser stati lasciati fuori, ma devo accettare le decisioni del commissario tecnico. Dovevo lasciare dopo i Mondiali, ma ho deciso di andare avanti per provare ad esserci in Francia. Non è stato possibile e la cosa è dolorosa, adesso vedo complicato un ritorno in Nazionale. Le mie non sono critiche, sono sempre stato rispettoso nei confronti degli allenatori".

POSSIBILITA' AZZURRI - "Questo gruppo di giocatori ha già mostrato le sue qualità. Tutti gli avversari sono chiamati a rispettarci e a questo punto tutto può succedere. Questo è un torneo molto equilibrato, ma l’Italia può vincere l’Europeo, gli azzurri hanno una difesa molto forte. Sarà dura riuscire a battere una squadra organizzata come la nostra e in più abbiamo un grande allenatore. Tra le favorite ci sono anche Francia, Germania e Spagna".

D.G.

Italia  
Italia, Balotelli presto di nuovo in azzurro?
Il ct Ventura e Oriali sugli spalti per Nizza-Psg
Italia   Roma  
Italia, i convocati di Ventura: presente anche Emerson Palmieri
Il ct ha chiamato per il raduno di Coverciano i giocatori emergenti del momento
Italia   Genoa  
Genoa, Izzo sulla possibile pesantissima squalifica: "Sto vivendo un incubo"
Il 25enne difensore napoletano rischia 6 anni di squalifica più la preclusione e un'ammenda di 20 mila euro.