• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Udinese > Milan-Udinese, Giaretta: "Un peccato le porte chiuse, non siamo inferiori"

Milan-Udinese, Giaretta: "Un peccato le porte chiuse, non siamo inferiori"

Il direttore sportivo del club friulano commenta la decisione del Giudice Sportivo



08/10/2013 11:18

MILAN UDINESE PORTE CHIUSE GIARETTA GIUDICE SPORTIVO / UDINESE - Il direttore sportivo dell'Udinese, Cristiano Giaretta, ha commentato a 'Udinese channel' la decisione del giudice sportivo di far disputare a porte chiuse la prossima sfida di campionato tra Milan e friulani: "Peccato giocare a Milano a porte chiuse. Purtroppo la responsabilità oggettiva esiste e il provvedimento andrà accettato. Galliani si chiede se questo è il modo di porre fine a questi cori, ma sappiamo che è difficile trovare una risposta a questo quesito. La cosa brutta sarà quella di non poter vivere una trasferta così bella a porte chiuse, ma purtroppo la decisione è stata presa. Altre nazioni sono esempio di sportività. In Italia siamo ancora molto lontani da questo obiettivo. La strada potrebbe essere quella di privatizzare gli stadi o di eliminare il tifo organizzato, anche se non sembrano in Italia strade facili da percorrere".

BILANCIO CAMPIONATO - Siamo certi che il tifoso friulano non si sta stancando della squadra. Il fatto che in casa si vada così bene mi fa molto piacere. Lo stadio di casa deve diventare un fortino e le situazioni casalinghe devono essere punto di forza. Ovviamente dobbiamo migliorare le prestazioni esterne. I ragazzi fuori casa non riescono ancora a sbloccarsi a livello mentale. Il mister sta lavorando molto su questo. Negli ultimi anni abbiamo fatto molti punti esterni e sembrava un fattore consolidato. Quest'anno ancora non siamo riusciti a guadagnare punti in trasferta, ma torneremo a farli, perché è uno step necessario, visto che i risultati esterni sono necessari se si vuole ambire a qualcosa di più dell'obiettivo base della salvezza. E' giusto rispettare sempre l'avversario, ma a volte lo facciamo troppo. Siamo una squadra che l'anno scorso ha fatto cose importanti e che è forte. A volte dovremo avere più consapevolezza di questa nostra forza".

CONDIZIONI ROSA - "Ricordiamo ancora che Muriel non ha ancora dimostrato tutto il suo potenziale, così' come altri giocatori, cito Pereyra o Badu a corrente alternata. Appena recupereremo tutti questi elementi importanti. Quando lo faremo cominceremo a volare. Ci serve l'impresa esterna; il Milan è l'occasione giusta. Secondo me non siamo inferiori al Milan e questa è la gara ideale da usare come trampolino di lancio".

S.D.




Commenta con Facebook